Cittadini possibili. Un nuovo approccio all'accoglienza e all'integrazione dei rifugiati
Contributi
Roberto Guaglianone, Massimo Minelli, Lorenzo Radice
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,      1a edizione  2008   (Codice editore 1144.1.2)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846499592

In breve
Il progetto “Cittadini possibili” cerca di rinsaldare i nodi della rete di servizi per l’accoglienza, la protezione e l’integrazione dei migranti forzati di matrice Caritas Ambrosiana, esistenti sul territorio delle province di Lecco, Milano e Varese. Da quanto emerge dalla ricerca, “Cittadini possibili” lascia intravedere la possibilità di un nuovo approccio al fenomeno delle migrazioni forzate, attraverso una saldatura tra accoglienza umanitaria e percorsi di integrazione nella società ricevente.
Utili Link
Segno Rifugiati politici? Cittadini possibili… Vedi...
Presentazione del volume

Richiedenti asilo, rifugiati, titolari di protezione umanitaria: sono persone in cerca di protezione nel nostro paese, con percorsi di integrazione spesso tortuosi. Persone quotidianamente alle prese con la difficoltà di essere riconosciute, di imparare una lingua nuova, di inserirsi nel mercato del lavoro e di trovare un'abitazione adeguata.
Dal 2005 il progetto "Cittadini possibili", realizzato dal Consorzio Farsi Prossimo e cofinanziato dalla Fondazione Cariplo, sta cercando di collegare e mettere a sistema, integrandoli tra loro, i nodi della rete di servizi per l'accoglienza, la protezione e l'integrazione dei migranti forzati di matrice Caritas Ambrosiana sul territorio delle province di Lecco, Milano e Varese.
Da quanto emerge dalla ricerca qui presentata, che interroga tanto i beneficiari quanto gli operatori coinvolti nel progetto, "Cittadini possibili" lascia intravedere la possibilità di un nuovo approccio al fenomeno delle migrazioni forzate, attraverso una saldatura tra accoglienza umanitaria e percorsi di integrazione nella società ricevente. In questo modo, in termini ragionevoli, i rifugiati, arrivati come richiedenti protezione, diventano soggetti, per l'appunto "cittadini possibili", in grado di provvedere alle proprie esigenze, di contribuire con il loro lavoro allo sviluppo dei contesti che li accolgono, di arricchire la vita culturale delle società locali con la loro storia e il loro sguardo sul mondo.

Maurizio Ambrosini insegna Sociologia dei processi migratori nell'Università di Milano, Facoltà di Scienze Politiche. Dirige la rivista "Mondi Migranti" e la Scuola estiva di Sociologia delle migrazioni di Genova. Tra le sue recenti pubblicazioni si segnalano: Sociologia delle migrazioni, Il Mulino, Bologna (2005) e Un'altra globalizzazione. La sfida delle migrazioni transazionali, Il Mulino, Bologna (2008).
Chiara Marchetti è dottoressa di ricerca in Sociologia e collabora con la cattedra di Sociologia generale presso l'Università di Milano. Tra le sue recenti pubblicazioni si segnala: Un mondo di rifugiati. Migrazioni forzate e campi profughi, EMI, Bologna (2006).

Indice


Massimo Minelli, Prefazione
Maurizio Ambrosini, Introduzione. Dopo i diritti umani: rifugiati e migranti forzati in un mondo globale
(Una questione scomoda; Mobilità umana e migrazioni forzate: uno scenario complesso e fluido; Diritti umani contro divieto di immigrazione: ipocresie e contraddizioni dell'accoglienza umanitaria; Dopo l'accoglienza: società civile e integrazione dei rifugiati)
Chiara Marchetti, Lorenzo Radice, L'asilo in Italia, l'asilo in Lombardia
(Inquadramento storico-giuridico; L'entità del fenomeno in Italia e Lombardia; Il progetto "Cittadini possibili")
Lorenzo Radice, Il cammino dell'integrazione
(Dalla frontiera alle accoglienze: strutturazione e stili d'intervento del sistema Caritas Ambrosiana; I percorsi dell'insediamento e dell'integrazione: fattori strutturanti e azioni del sistema; I percorsi dell'integrazione nei territori: navigare tra i servizi; Inserimento e stabilizzazione lavorativa: il lavoro come chiave di volta per l'autonomia)
Chiara Marchetti, L'integrazione delle parole dei protagonisti
(Le storie di vita dei migranti forzati; Così simili, così diversi; Passaggi biografici: la relazione tra successo e risorse; La spada di Damocle dei documenti; Il circolo vizioso della marginalità)
Chiara Marchetti, Operatori e beneficiari: sguardi incrociati
(Le diverse categorie alla prova dei fatti; Assistenza, controllo, autonomia; Tempi della procedura, tempi dell'assistenza, tempi dell'integrazione)
Roberto Guaglianone, Linee possibili di intervento
(L'asilo in Italia e in Lombardia, oggi; Il ruolo depotenziato dello SPRAR; L'entrata in vigore delle direttive europee recepite dai decreti "qualifiche" e "procedure"; L'eccessiva centralizzazione del sistema; Quale lavoro di rete)
Maurizio Ambrosini, Conclusioni. Rifugiati stranieri in una regione europea: l'accoglienza è possibile
Bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi