Sulle tracce dell'innovazione. Tra tecniche e architettura
Contributi
Giulia Andreotti, Ernesto Antonini, Marta Bizzotto, Francesco Catalano, Christina Conti, Colin H. Davidson, Manolo De Giorgi, Fabio Legisa, Giovanni Leone, Roberta Lovato, Vittorio Manfron, Lorenzo Matteoli, Ezio Micelli, Piero Michieletto, Giovanni Mucelli, Gianfranco Roccatagliata, Massimo Rossetti, Pietro Zennaro
Livello
Studi, ricerche. Saggi, scenari, interventi. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 280,   figg. 40,  2a ristampa 2009,    1a edizione  2002   (Codice editore 85.31)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,50
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846439215

Presentazione del volume

I percorsi seguiti dall'innovazione nel campo delle tecniche costruttive e dei prodotti per l'edilizia sono difficili, spesso tortuosi. Ciò dipende, secondo un'opinione corrente, dal fatto che il settore delle costruzioni è un settore nel quale l'innovazione non nasce quasi mai autonomamente, ma viene trasferita da altri settori: quello delle costruzioni, in altre parole, sarebbe un settore nel quale arriva, in tempi più o meno lunghi, ciò che di nuovo è già apparso altrove.

Il libro tratta del rapporto tra innovazione e costruzioni: un rapporto difficile e contrastato, stretto tra domanda e mercato, pressioni degli altri settori produttivi e assenza sostanziale di una ricerca autonoma, condizionamenti che derivano dalla storia, dalle tradizioni e dall'evoluzione tecnica.

Partendo da alcuni progetti particolarmente significativi e dai contributi di innovatori quali Wachsmasnn, Prouvé, Fuller, Zanuso e Rice, si discutono gli attuali "motori" dell'innovazione e si fa il punto sullo stato dell'arte relativamente ai principali materiali e componenti.

Nicola Sinopoli (Conegliano, 1939), ingegnere, laureato a Padova nel 1963, è professore ordinario di Tecnologia dell'architettura all'Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Ha iniziato la sua attività come capo dell'ufficio studi e progetti di una grande impresa milanese di costruzioni metalliche, prefabbricazione e sistemi di facciata. È stato ricercatore all'Aire e direttore di ricerca presso il CNR, la Tecnocasa e le Regioni Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto. È stato visiting professor all'Université de Montréal e ha tenuto lezioni e seminari alle università di Paris La Villette, Liegi Saint Luc e Karlsruhe. Svolge attività di ricerca nei settori della produzione edilizia, dell'innovazione, della qualità e del processo edilizio. Per FrancoAngeli ha pubblicato recentemente La tecnologia invisibile. Il processo di produzione dell'architettura e le sue regie (1997).

Valeria Tatano (Venezia, 1964), architetto, è ricercatore dal 1994 in Tecnologia dell'architettura all'Istituto Universitario di Architettura di Venezia, dove svolge attività di ricerca e insegnamento per le materie tecnologiche. Dottore di ricerca presso il Politecnico di Milano, ha sviluppato la propria attività di ricerca nei settori della sicurezza al fuoco, della sicurezza in uso e delle tendenze evolutive nel campo delle tecnologie costruttive contemporanee. Fra le pubblicazioni si ricordano: Progettare la sicurezza domestica (Maggioli, 1998) ed Edifici scolastici: manutenzione e messa in sicurezza (Maggioli, 2001).

Indice


Nicola Sinopoli, L'innovazione tecnologica in edilizia: una premessa
(L'attenzione dell'innovazione; Innovazione e settore delle costruzioni; Quando ha successo un prodotto innovativo?; Le traiettorie dell'innovazione nel settore delle costruzioni)
Nicola Sinopoli, Cinquant'anni di innovazioni tra domanda e mercato
(La prima ondata; La seconda ondata; Verso una terza ondata)
L'innovazione tra tecniche e architettura
( Valeria Tatano, Tecnologia e progetto di architettura: high tech o no tech?; Valeria Tatano, Tre conversazioni; Giovanni Leone, Nuovo e novità tra tradizione e progresso; Marta Bizzotto, Il Kursal di Rafael Moneo e il superamento della trasparenza effimera; Christina Conti , Dubosc & Landowski e l'architettura consapevole; Valeria Tatano, Shigeru Bah: costruire con la carta)
Innovazione e innovatori
( Vittorio Manfron, Buckmister Fuller: la ricerca Dymaxion, una storia americana tra innovazione e utopia; Gianfranco Roccatagliata, Konrad Wachsmann: il filosofo dell'innovazione; Pietro Zennaro, Lo "stile Jean Prouvé"; Manolo De Giorgi, Zanuso e il "dispositivo" del componente; Massimo Rossetti, Peter Rice: la bellezza e la scienza)
I motori dell'innovazione
( Nicola Sino poli, Premessa; Valeria Tatano, La sicurezza; Lorenzo Matteoli, Il disagio; Ernesto Antonini, La sostenibilità; Ezio Micelli, La domanda immobiliare; Francesco Catalano, Note sull'industria degli involucri architettonici; Colin H. Davidson, Tra ricerca e pratica: il trasferimento di tecnologia, l'osservatorio tecnologico e l'innovazione)
I prodotti dell'innovazione
( Nicola Sinopoli, La lunga marcia del legno dalla bottega alla fabbrica; Giulia Andreotti, Il vetro; Christina Conti, Nuovi componenti in laterizio per sistemi costruttivi evoluti; Roberta Lovato, I metalli; Piero Michieletto, Il calcestruzzo; Pietro Zennaro, I materiali di sintesi; Pietro Zennaro, I materiali compositi; Gianfranco Roccatagliata, La pietra ricomposta: un esempio di progetto; Giovanni Mucelli, Dalla consuetudine all'emergenza: la presenza silenziosa dei materiali riciclati)
Gli elementi tecnici dell'innovazione
( Massimo Rossetti, Le facciate continue; Valeria Tatano, I sistemi di rivestimento e la "superficie" degli edifici; Nicola Sinopoli, Finestre e porte; Massimo Rossetti, Le partizioni interne verticali; Christina Conti, Forma e funzioni dei solai per la qualità degli ambienti interni; Fabio Legisa, Le coperture.




newsletter facebook rss

Facebook RSS Informatemi