Rischi ambientali e difesa del territorio
Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 176,   figg. 58,     1a edizione  2002   (Codice editore 600.71)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846436610

Presentazione del volume

Le catastrofi naturali comportano ogni anno ingenti costi sociali per i popoli del pianeta; il problema è molto grave sia per i Paesi economicamente forti sia per quelli arretrati, che sopportano un elevatissimo numero di perdite di vite umane e che vedono frequentemente compromesse le loro già ridotte possibilità di sviluppo.

La valutazione dei rischi ambientali ai fini di una loro mitigazione è quindi fondamentale per qualsiasi programma razionale di pianificazione del territorio. In questo campo la geografia può fornire un validissimo contributo scientifico, essendo una disciplina che ha come obiettivo primario lo studio delle interazioni fra aspetti naturali ed antropici di una regione.

Il primo capitolo del volume è dedicato a questioni teorico-metodologiche, mentre nei successivi si affrontano in particolare i temi dei rischi vulcanico, sismico e idrogeologico , presentando i metodi atti a definire i rispettivi fattori di pericolosità, le relative condizioni di vulnerabilità territoriale e quindi le possibili azioni di mitigazione. Un'attenzione specifica è rivolta ad alcuni argomenti inerenti l'Italia quali, ad esempio, la sua macrozonazione sismica, la situazione di diffuso dissesto idrogeologico e il rischio vulcanico dell'area vesuviana.

Sergio Pinna è professore associato di Geografia economico-politica presso la Facoltà di Economia dell'Università di Pisa, dove insegna Geografia applicata. Si è dedicato allo studio di vari aspetti fisici della Sardegna e della Toscana e ha successivamente esteso i suoi interessi alla problematica ambientale, alla geografia regionale e a quella applicata alla pianificazione del territorio. In questa stessa collana ha pubblicato La protezione dell'ambiente. Il contributo della filosofia, dell'economia e della geografia (3a ed. 1999) e L'analisi reticolare nella geografia dei trasporti e delle telecomunicazioni (2000).

Indice


I rischi ambientali: definizioni e concetti generali
(Il concetto di rischio ambientale; I fenomeni ed i fattori generali della pericolosità ambientale; La valutazione della vulnerabilità territoriale; I fattori della vulnerabilità; Le componenti della vulnerabilità; La riduzione del rischio nei programmi di pianificazione territoriale)
Il rischio vulcanico
(Il vulcanismo; Qualche cenno sulla tettonica a placche; Il vulcanismo in Italia; I diversi tipi di eruzione e il relativo grado di pericolosità; Fenomeni di pericolosità connessi ad eruzioni esplosive; I tipi principali di eruzione; La riduzione del rischio vulcanico; I piani di protezione civile; La previsione delle eruzioni; Il Vesuvio: un vulcano ad elevatissimo rischio; Qualche cenno sulla storia delle precedenti eruzioni; Il pericolo nell'area vesuviana; La vulnerabilità della regione vesuviana; Il piano di emergenza)
Il rischio sismico
(I terremoti; Energia e intensità di un sisma; La pericolosità sismica e la relativa zonazione; La zonazione sismica; La liquefazione del terreno in condizioni sismiche; La mitigazione del rischio sismico; La previsione dei terremoti; La prevenzione del terremoto)
Il rischio idrogeologico
(Il concetto di dissesto idrogeologico; L'irregolarità nel regime pluviometrico; Le piogge intense; La variabilità interannuale delle precipitazioni e la siccità; I possibili effetti del riscaldamento globale; Caratteristiche dei corsi d'acqua e rischio idraulico; Il bilancio idrologico di un bacino imbrifero; Flusso, portata, eventi di piena e regime dei corsi d'acqua; Le esondazioni fluviali: inondazioni ed alluvioni per trasporto torbido; I fattori di pericolosità idraulica; Il rischio idraulico in Italia; La mitigazione del rischio idraulico; I processi erosivi; Misure indirette dell'entità dell'erosione; Stime dell'entità dell'erosione, sulla base di correlazioni empiriche; L'erosione marina e l'arretramento delle spiagge; Frane ed altri movimenti di versante; La resistenza al taglio e le varie tipologie di rocce; Tipi di movimenti di massa lungo i pendii; Le cause delle frane e i fattori naturali della franosità; La franosità in Italia; La difesa contro i movimenti franosi; La subsidenza; Subsidenza naturale e indotta; La subsidenza nella Laguna di Venezia; Subsidenza e sprofondamenti del suolo in Val di Cecina)
Considerazioni conclusive




newsletter facebook rss

Facebook RSS Informatemi