L'outplacement. Cambiare per ricominciare
Autori e curatori
Contributi
Giuliano Cazzola, Michele Tiraboschi
Collana
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 96,      1a edizione  2010   (Codice editore 632.16)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 13,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856832433

In breve
Nell’attuale contesto di difficoltà occupazionali l’outplacement (o ricollocamento) è una soluzione con aspetti positivi per le imprese ma anche per i dipendenti. Questo volume ne presenta le caratteristiche e le condizioni: prima tra tutte il coraggio e la voglia di conoscersi meglio per valorizzare le proprie qualità e sanare i propri difetti.
Utili Link
Persone & Conoscenze Ammortizzatori attivi per cambiare e ricominciare (di Oliviero Zeni)… Vedi...
Italia Oggi Sette Recensione (di Pietro Scardillo)… Vedi...
Presentazione del volume

L'aumento della disoccupazione e la crescita esponenziale della cassa integrazione sia ordinaria che straordinaria in questi ultimi anni sono fenomeni allarmanti. Ma la crisi non può essere affrontata soltanto con ammortizzatori passivi, spesso a carico della collettività. Un valido strumento può essere invece l'outplacement o ricollocamento, un istituto che potrebbe avere degli sviluppi in un prossimo futuro, a patto di farlo conoscere meglio e di spingere soprattutto le aziende ad adottarlo. Gli effetti potrebbero essere positivi per tutti gli attori coinvolti: lavoratori, imprenditori, sindacati e politici. Serve, però, un cambio di mentalità e una nuova cultura del lavoro. Oltre a una nuova etica. Il posto fisso gradualmente non esisterà quasi più. E ci saranno invece sempre più persone in grado di offrire la propria professionalità e le proprie competenze a diversi committenti.
L'outplacement sarebbe lo strumento ideale per accompagnare i dipendenti in esubero verso il mercato del lavoro. Il primo muro da abbattere, tuttavia, è costituito proprio dalle resistenze di chi non ha più stimoli e voglia di cambiare. Di chi - più per abitudine - si nasconde dietro la "sicurezza" del posto garantito. Chi si affida a società e professionisti del ricollocamento ha invece il coraggio e l'umiltà di ricominciare. Di conoscersi meglio per scoprire qualità e difetti. E di rimettersi così in gioco con una maggiore coscienza di sé e la capacità di tornare al lavoro per migliorare non soltanto la propria condizione, ma anche quella dell'intera società.

Maurizio Carucci, 45 anni, giornalista dal 1997, da sei anni si occupa di temi legati all'economia e al lavoro per l'inserto è lavoro di Avvenire. Pubblicista sin dal 1990, ha lavorato per radio, tv, quotidiani, periodici, siti internet, televideo, agenzie e uffici stampa locali e nazionali. Direttore responsabile di una radio locale, è stato caporedattore di un quotidiano economico e ha collaborato con la cattedra di Teoria e tecnica del giornalismo presso l'Università di Salerno. Vincitore del premio giornalistico Suraci, ha partecipato alla realizzazione degli Annuari 2003 e 2004, editi da Multimedia, con il patrocinio dell'Ordine dei giornalisti della Campania e dell'Associazione napoletana della stampa.

Indice


Michele Tiraboschi, Prefazione
Ringraziamenti
Cassa integrazione e tutele in tempo di crisi
(Premessa; L'outplacement; Ammortizzatori sociali europei a confronto)
L'outplacement come ammortizzatore
(Gli sviluppi e i vantaggi dell'outplacement; Gli attori; La metodologia)
I casi aziendali
(Giorgio Santini, Francesco Lauria, L'outplacement e il superamento delle disuguaglianze nei mercati del lavoro: una sfida anche per il sindacato; Legge Biagi e outplacement: un connubio da rilanciare; Insegnare a "pescare" in un mercato del lavoro opaco: una nuova mentalità per la costruzione di nuove tutele; Outplacement e crisi aziendali: qualche esempio significativo; Placement e coinvolgimento delle parti sociali nel passaggio tra università e lavoro: l'esempio di Soul; Qualche breve considerazione finale)
Le interviste
(Federico, il veterano dell'outplacement; Da una multinazionale a un'altra; Una sportiva che accetta sempre le nuove sfide; La capacità di non abbattersi mai; Dall'altra parte della barricata; Migliorarsi a piccoli passi; Le scelte ambiziose di Lorenzo)
Giuliano Cazzola, Conclusioni
Bibliografia
(Sitografia).




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Segnalazioni

Pubblicità