La comunicazione nella società ipercomplessa. Condividere la conoscenza per governare il mutamento
Autori e curatori
Contributi
Franco Ferrarotti, Mario Morcellini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      1a edizione  2011   (Codice editore 244.1.45)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856837087

In breve
La comunicazione costituisce il pre-requisito fondamentale per la riduzione della complessità della società, la gestione del rischio, la mediazione dei conflitti, il governo di quella imprevedibilità connaturata ai sistemi stessi. Il volume tenta di individuare le categorie concettuali utili per la possibile configurazione di un modello teorico interpretativo adeguato a un sistema-mondo sempre più basato su una razionalità limitata.
Utili Link
La Gazzetta dell'Economia Intervista a Piero Dominici (di Fabio Traversa)… Vedi...
Blog.DeBiase Recensione (di Luca De Biase)… Vedi...
Giovannigrandi.it Recensione… Vedi...
Presentazione del volume

Nella società ipercomplessa, la comunicazione, intesa come processo sociale di condivisione della conoscenza , ha assunto ormai una centralità strategica in tutte le sfere della prassi individuale e collettiva: considerando fondata l'equazione conoscenza = potere, ne consegue che tutti i processi, le dinamiche e gli strumenti finalizzati alla condivisione della conoscenza non potranno che determinare una condivisione del potere o, comunque, una riconfigurazione dei sistemi di potere.
La comunicazione, dunque, costituisce il pre-requisito fondamentale per la riduzione della complessità , la gestione del rischio, la mediazione dei conflitti, il governo di quella imprevedibilità connaturata ai sistemi stessi. Il volume tenta di individuare le categorie di un modello teorico interpretativo adeguato a un sistema-mondo sempre più basato su una razionalità limitata . L'ipertrofizzazione degli apparati burocratici, la progressiva dissoluzione dello spazio pubblico e l'evoluzione dei regimi democratici, fondati sulla trasparenza, sull'accesso alle informazioni, sul concetto di sovranità popolare e, da un punto di vista culturale, sulla mancata definizione del rapporto tra i valori fondanti della libertà e dell'uguaglianza, hanno causato una radicale politicizzazione della sfera pubblica, il cui spazio operativo è stato ridimensionato alla sola questione della "rappresentanza" e al ruolo di ancella del sistema di potere.
L' economia interconnessa richiede scelte strategiche e una nuova sensibilità etica per le problematiche riguardanti gli attori sociali, il sistema delle relazioni e lo spazio del sapere: occorre, cioè, una nuova cultura della comunicazione , orientata alla condivisione e all'intesa, in grado di incidere sui meccanismi sociali della fiducia e della cooperazione.

Piero Dominici insegna Comunicazione pubblica presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università degli studi di Perugia. Ha insegnato nelle Università di Sassari, L'Aquila e Siena e si occupa di comunicazione organizzativa, di organizzazioni complesse, di società della conoscenza e di etica. In particolare, tra gli interessi scientifici, si occupa di teoria dei sistemi e di teoria della complessità in relazione ai contesti organizzativi. Oltre all'attività scientifica, è formatore aziendale e svolge attività di ricerca e consulenza presso organizzazioni pubbliche e private. Scrive e collabora con riviste scientifiche e di cultura. Tra le pubblicazioni: Per un'etica dei new-media (1998) e La società dell'irresponsabilità (FrancoAngeli, Milano 2010).

Indice


Franco Ferrarotti , Premessa
Introduzione
Parte I. La modernità radicale come evo del conflitto e dell'ambivalenza
Legittimità e complessità di una riflessione
Modernità radicale e globalizzazione
Dalla società di massa alla società dell'informazione e della conoscenza
Parte II. L'utopia della comunicazione, la nuova sfera pubblica e l'esigenza di un'etica per la civiltà tecnologica in Rete
Tra modernizzazione riflessiva e Risikogesellschaft: l'homo faber e i nuovi poteri della tecnica
La condivisione della conoscenza per una globalizzazione etica fondata sulla responsabilità
Ecosistema della conoscenza ed economia interconnessa: l'esigenza di un nuovo paradigma
Epilogo. Tra sfera pubblica transnazionale e società della conoscenza: un duplice livello di analisi
Mario Morcellini , Postfazione
Riferimenti bibliografici.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi