Working on web. Giornalisti e comunicatori: come non si inventa una professione
Collana
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 144,      1a edizione  2013   (Codice editore 1060.241)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Social media manager, web specialist, online PR, social media editor, web editor, content curator, brand journalist, giornalista digitale… Questo libro racconta (anche attraverso numerose testimonianze) le caratteristiche, le competenze e le mansioni che le nuove professioni digitali sono chiamate a svolgere. Una guida unica e preziosa a quello che bisogna sapere per lavorare nella nuova comunicazione digitale.
Utili Link
Lsdi.it Wow, che libro… Vedi...
D (la Repubblica) Io lavoro in rete (di Anna Volpicelli)… Vedi...
Gazzetta di Parma Wow (di M.P.)… Vedi...
Formiche.net Recensione (di Alma Pantaleo)… Vedi...
Data Manager Recensione… Vedi...
Lsdi.it recensione (di Marco Renzi)… Vedi...
Presentazione del volume


Social media manager, web specialist, online PR, social media editor, web editor, content curator, brand journalist, giornalista digitale...
Questo libro racconta le caratteristiche, le competenze e le mansioni che le nuove professioni digitali sono chiamate a svolgere.
Una guida unica e preziosa per comprendere quello che bisogna saper fare per lavorare nella nuova comunicazione digitale partendo dalle esperienze dirette di ventuno professionisti e non dalle definizioni.
Il Web ha fatto nascere decine di nuove professioni che sino a pochi anni fa non erano neanche immaginabili. Questo libro parte proprio dall'esplorare le figure professionali codificate in maniera ufficiale, sia quelle "migrate" dai contesti analogici a quelli digitali, che quelle "native digitali". Ne analizza le caratteristiche, le competenze e le mansioni che sono chiamate a svolgere, attraverso le esperienze dei professionisti che queste nuovi lavori li svolgono realmente, tutti i giorni.
Ne emergono le competenze che il mercato richiede nel concreto: quello che bisogna saper fare per poter lavorare on web e per poterne quindi cogliere le grandi opportunità professionali e di occupazione che offre.
Per chi già da tempo opera nella comunicazione e deve comprenderne il cambiamento, reinventarsi e approfondire le proprie conoscenze, e per chi si affaccia al mondo del lavoro.

Daniele Chieffi, giornalista e online media relations manager per UniCredit. Insegna presso l'Università Cattolica di Milano, La Sapienza di Roma, il Cuoa di Vicenza e la Business School del Sole 24 Ore. In Repubblica per oltre dieci anni, ha diretto Vivacity.it, catena di portali locali del Gruppo Espresso.
Claudia Dani, giornalista freelance, e PR e press officer. Si occupa di comunicazione web, social e tradizionale per le aziende e scrive contenuti per testate online.
Marco Renzi, giornalista, blogger, speaker e autore radio televisivo, è senioraccount e media-planner in agenzie di advertising e comunicazione. Addetto stampa di uomini, gruppi politici e aziende, è responsabile per la comunicazione in aziende pubbliche e private.

Indice


Vittorio Pasteris, Prefazione
Introduzione
La socializzazione dell'informazione e il dialogo orizzontale sul Web
(La comunicazione relazionale; Siti e portali: solo l'inizio della moltiplicazione degli spazi; I blog, lo spazio è di chi lo conquista; Social senza dubbio ma network o media?; Forum e chat; L'evoluzione della narrazione; Gli strumenti: nuove dimensioni da rispettare; Apps e le loro mutazioni)
Nuove esigenze e nuovi mestieri
(Le professioni migrate; Le professioni native)
Le convergenze parallele e gli incroci pericolosi
(L'implosione della supernova; Vecchi contratti per nuove figure; La retribuzione difficile)
Cosa bisogna saper fare per lavorare nel e con il Web
(Il lavoratore multitasking; Devices, piattaforme e software. Quando la conoscenza tecnica è strategica; La "deriva visuale" del Web. Bisogna essere tutti un po' cameramen, registi e fotografi; I social passano, il Web resta. Conoscere le piattaforme ma anche e soprattutto, le dinamiche della Rete; Il senso della notizia, selezionare i fatti e rispondere al pubblico; Dialogare sui social, fra communities e influencers. Ingaggio, coinvolgimento ma soprattutto grande capacità di ascolto; Scrivere in Rete non vuol dire solo costruire una bella frase; I modelli di business del Web. Rendere la propria attività economicamente sostenibile; Comprendi la Rete e spiegala. Dalla web analysis al web monitoring sino al reporting. "Misurare" la comunicazione; Orientarsi nel "mare di Internet". Trovare, interpretare, gestire e divulgare i Big Data; Adattatevi gente, adattatevi; Aggiornamento continuo. Studiare e approfondire sempre; Bisogna essere tutti un po' imprenditori, fra personal branding e nuove idee d'impresa; Visione culturale globale; La "Rete collettiva". Il lavoro in team come modalità necessaria; La fatica dell'evangelizzatore. Gestire le complessità aziendali in un contesto culturale e organizzativo ancora analogico)
La fusione fredda fra giornalista e comunicatore. La comunicazione che sarà
(Daniele Chieffi, Stessi strumenti, stessi linguaggi, obiettivi diversi; Marco Renzi, Comunicare facendo il giornalista; Claudia Dani, Ritorno al futuro)
Bibliografia
Hanno parlato con noi.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi