Dentro la società interconnessa. Prospettive etiche per un nuovo ecosistema della comunicazione
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 160,   1a ristampa 2016,    1a edizione  2014   (Codice editore 1571.11)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891709103

In breve
La moderna prassi comunicativa e tecnologica mostra un cambiamento radicale di codici, culture, modalità di produzione e condivisione, con ricadute notevoli su identità e soggettività in gioco. Per questa complessità sociale, oltre a una rinnovata attenzione per regole e diritti, occorrono approccio alla complessità e nuova sensibilità etica. Dal momento che oggi la tecnologia è entrata a far parte della sintesi di nuovi valori e di nuovi criteri di giudizio.
Utili Link
Marcominghetti…com Un nuovo umanesimo per la società interconnessa… Vedi...
La Stampa La società iperconnessa è davvero più inclusiva? (di F.Guerrini)… Vedi...
Techeconomy Cambio di paradigma e ricerca di un Nuovo Umanesimo… (di Piero Dominici)… Vedi...
Presentazione del volume

L'attuale ecosistema della comunicazione, fondato su un'economia della condivisione e dell'immateriale, ci porta a riflettere criticamente e valutare le straordinarie potenzialità, ma anche le numerose criticità, della moderna prassi comunicativa e tecnologica: un cambiamento radicale di codici, culture, modalità di produzione e condivisione, gerarchie (disintermediazione) - una vera trasformazione antropologica (1996) - dalle numerose implicazioni in termini di paradigma, di cittadinanza e inclusione (non solo digitale), con ricadute notevoli su identità e soggettività in gioco. Una rivoluzione di tale portata, legata a molteplici variabili e concause, da occasione irripetibile di innovazione sociale e mutamento, potrebbe rivelarsi l'ennesima opportunità per élites e gruppi sociali ristretti, a causa di tanti fattori: digital divide, cultural divide (troppo a lungo sottovalutato), asimmetrie, mancanza di strategie sistemiche di lungo periodo. Per questa complessità sociale, oltre ad una rinnovata attenzione per le regole e i diritti (Net Neutrality, FOIA, Internet Bill of Rights), occorrono approccio alla complessità, in grado di evitare spiegazioni riduzionistiche e deterministiche, ma anche, e soprattutto, una nuova sensibilità etica.
Dal momento che, oggi, come mai in passato, la tecnologia è entrata a far parte della sintesi di nuovi valori e di nuovi criteri di giudizio (1998). Gli attori sociali si trovano di fronte alla possibilità di operare un irreversibile salto di qualità: ma il problema non è soltanto rilevare, osservare il fatto scientifico, quanto prendere atto che la comunicazione è soprattutto un comportamento che genera comportamenti e produce valore. E, nel far questo, è di fondamentale importanza non confondere i mezzi con i fini, il piano degli strumenti con quello dei contenuti, la comunicazione con la connessione.

Piero Dominici (PhD) insegna Comunicazione pubblica e Sociologia della comunicazione presso l'Università di Perugia ed è Visiting Professor presso Universidad Complutense Madrid. Si occupa di innovazione, comunicazione organizzativa, teoria dei sistemi, complessità, etica pubblica, responsabilità sociale. Tra le sue pubblicazioni: Per un'etica dei new-media (1998); La comunicazione nella società ipercomplessa. Istanze per l'agire comunicativo e la condivisione della conoscenza (2005); La società dell'irresponsabilità (2010); La comunicazione nella società ipercomplessa. Condividere la conoscenza per governare il mutamento (2011).

Indice
Introduzione
Comunicazione è complessità
Dalla società di massa. Percorsi e spunti per la comprensione del contemporaneo
(C'era una volta... la società di massa; La civiltà della comunicazione; Nuove socializzazioni; Dalla ricerca sulle comunicazioni di massa. Altri spunti per l'approfondimento; Un momento di svolta nella Communication Research: il flusso a due fasi della comunicazione; Le ricerche sugli effetti a lungo termine dei media)
Tra istanze di emancipazione e derive dell'individualismo: per una cittadinanza digitale
(Modernità radicale e globalizzazione; Società della conoscenza ed ecosistema della comunicazione; L'architettura distribuita del web e la nuova sfera pubblica; Comunicazione e cittadinanza: tra inclusione e nuove asimmetrie; Sulla comunicazione pubblica)
Dentro la Società interconnessa: rischi e opportunità della nuova complessità sociale
(La centralità strategica di informazione e conoscenza; L'analisi della società interconnessa; Razionalità limitata e vulnerabilità; La società interconnessa e il ritardo nella cultura della comunicazione)
Rimettere la Persona al centro: per un nuovo Umanesimo
(Una rifondazione dell'etica; La Persona, l'etica e le libertà digitali; Comunicazione e informazione: bisogni primari. Presupposti teorici ed elementi di approfondimento; Elementi per un'etica della comunicazione; Libertà è responsabilità; Il problema della responsabilità)
Conclusioni
Riferimenti bibliografici.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi