Il commercio dei prodotti tessili e per l'abbigliamento, di calzature e di articoli in pelle e cuoio
Autori e curatori
Livello
Dati
pp. 152,      7a edizione  1991   (Codice editore 1795.4)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21,50
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820469078

Presentazione del volume

Questo volume fa parte di una collana di testi realizzati dall'Indis sotto il patrocinio del Capac, della Confederazione Generale Italiana del Commercio e del Turismo e dell'Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura per la preparazione all'esame di idoneità all'esercizio del commercio previsto dalla legge 11-6-1971, n.426.

Più esattamente esso comprende le nozioni di carattere particolare sul commercio dei prodotti tessili - delle confezioni per uomo, donna e bambino:

• sul commercio dei prodotti tessili

• delle confezioni per uomo, donna e bambino

• della biancheria personale, corsetteria, maglieria, calze, cappelli e accessori per l'abbigliamento

• della pellicceria e degli articoli in pelle e cuoio (valigeria ecc.) Ø degli articoli sportivi

• delle calzature

• della biancheria per la casa, i tessuti per l'arredamento, le passamanerie, i tappeti, costituenti

- insieme alle nozioni di carattere generale contenute nel volume Introduzione al commercio al minuto e all'ingrosso pubblicato in questa collana, materia di esame per coloro che fanno domanda d'iscrizione al registro degli esercenti il commercio per la tabella merceologica IX, X e XI.

Per agevolare i lettori e fornire una guida per risolvere i principali problemi che si possono porre al commerciante, nella redazione del testo sono stati seguiti criteri e accorgimenti particolari:

1. viene innanzitutto offerto un quadro panoramico della materia in oggetto del capitolo, il più possibile in forma tabellare, in modo da evidenziare i punti chiave degli argomenti trattati;

2. vengono trattati in modo approfondito i singoli problemi che il commerciante deve affrontare nella pratica dando una risposta esauriente ai diversi quesiti che possono porsi (e che potranno formare oggetto di domande nel corso dell'esame);

3. vengono date facili spiegazioni dei termini non di uso corrente e definizioni precise sulle caratteristiche merceologiche dei singoli prodotti.

Indice

• Introduzione
• l'evoluzione del commercio tessile
* L'evoluzione del consumatore
* La moda: che cos'è e cosa comporta - Negli anni '50 la rivoluzione dei consumi - Esistono diverse categorie di consumatori - Vendere è un servizio
* Gli sviluppi dell'industria tessile e della confezione Come si è affermata l'industria italiana - La moda come filo conduttore
* La rivoluzione nelle fibre
* Gli sviluppi nelle calzature
* L'evoluzione degli altri articoli in pelle e cuoio
* La confezione su misura
* Il ruolo fondamentale dei grossisti e le tendenze nel commercio all'ingrosso
* Le tendenze nel commercio al dettaglio
* L'associazionismo nel settore: siamo ancora ai primi passi?
• Problemi
* Chi fa la moda? E' possibile prevederla in anticipo? Ci si deve fidare delle indicazioni delle Case e delle riviste?
* L opportuno includere nel proprio assortimento articoli molto - spinti - in fatto di gusto, o no?
* Esistono altri fattori che influenzano le vendite, oltre alla moda? Quali sono? Che peso hanno?
* Esiste un mercato dei giovani in Italia? Che importanza ha? Quando è conveniente seguirlo? Cosa si deve tenere?
* E' opportuno specializzarsi in articoli per bambini e neonati?
* E' opportuno specializzarsi in articoli per gestanti e per neonati? Che assortimento si deve tenere?
* Quali caratteristiche deve avere una boutique per avere successo?
* Qual è la politica seguita dalla grande distribuzione?
* E' opportuno adottare il libero servizio? Quando?




* Quando e come è opportuno organizzare - vendite speciali »?
• Domande di controllo

• Le fibre, i filati, i tessuti
* Le fibre tessili naturali
* Le fibre di origine animale - Le fibre di origine vegetale - Le fibre di origine minerale
* Le fibre chimiche
* Le fibre artificiali Le fibre sintetiche
* Altre fibre
* I filati
* Dalla fibra al filato Classificazione dei filati - Il titolo dei filati
* I tessuti
* Dal filato al tessuto Il telaio e la tessitura - Classificazione dei tessuti La rifinitura dei tessuti - Aspetti merceologici - Le caratteristiche dei tessuti
* Problemi
* Perché vengono sempre più utilizzate fibre miste?
* I tessuti di pura lana vergine hanno dei vantaggi sugli altri? Per quali impieghi?
* Si può riconoscere la composizione di un tessuto? Ha importanza come argomento di vendita?
* Quali consigli si devono dare al cliente per la migliore riuscita di tessuti contenenti fibre sintetiche?
* Quali consigli si devono dare al cliente per la migliore riuscita di tessuti di lana, cotone, lino, canapa?
* Conviene tenere filati per lavorare a maglia e articoli da ricamo e da cucito? Cosa si deve fare per venderli?
* A chi conviene la « piccola merceria - (spilli, aghi, bottoni, nastri, fettucce, cucirini, ecc.)?
* Quale assortimento si deve tenere per vendere ai sarti o a chi confeziona da solo a casa gli abiti? E' opportuno soddisfare anche questo tipo di clienti e quando?
* Domande di controllo

• La confezione per uomo, donna e bambino
* Il commercio di articoli di confezione oggi
* Il problema delle taglie
* Assortimento ampio o limitato?
* Quanto acquistare su campionario?
* Da chi acquistare?
* Cosa fare con l'invenduto?
* Il problema degli adattamenti
• Problemi
* A chi conviene vendere - articoli di vestiario confezionati ? Quali articoli sono compresi sotto tale voce e quali esclusi?
* Quando un capo confezionato è considerato prodotto dell'artigianato e dell'alta moda? Cosa si deve fare per poterlo vendere?
* Sino a che punto si deve seguire la moda nelle confezioni da uomo?
* Sono veramente richiesti i conformati? Quando vale la pena di tenerli? Cosa si deve fare per venderli?
* Cosa può fare per vendere confezioni per donna un piccolo negozio?
* Che tipo di confezioni ha convenienza a tenere un piccolo negozio in località turistica?
* Ci sono degli accorgimenti validi per - accelerare le vendite - di articoli che vanno poco?
* E' opportuno tenere abiti da cerimonia?
• Domande di controllo

• La biancheria personale esterna e intima, la corsetteria, la maglieria, le calze, i cappelli e gli accessori per l'abbigliamento
* La biancheria personale esterna L'assortimento
* La biancheria, la maglieria intima e la corsetteria
* Evoluzione del settore - Come comporre l'assortimento
* La maglieria esterna
* Evoluzione del settore - Come comporre l'assortimento
* Calzetteria
* L'evoluzione del settore - La calzetteria donna - La calzetteria uomo e bambino - Come comporre l'assortimento
* I cappelli
* Evoluzione del settore - L'assortimento
* Gli accessori per l'abbigliamento Evoluzione del settore - L'assortimento
* Problemi
* E' opportuno specializzarsi in biancheria e maglieria intima? A chi conviene tenere questi articoli?
* Quando conviene tenere la corsetteria? A chi conviene venderla?
* A chi conviene vendere calze? Di che tipo? Con quale assortimento? Quali negozi possono tenerle?
* E' opportuno specializzarsi in maglieria esterna? A chi conviene venderla?
* E' importante tenere accessori per l'abbigliamento? Sino a che punto ci si deve spingere?
* Chi può vendere gli ombrelli, i parasole, i bastoni da passeggio? Quando conviene tenerli? Che assortimento deve avere un negozio non specializzato?
• Domande di controllo

• Gli articoli in cuoio e pelle. La pellicceria

* Il cuoio e la pelle
* Evoluzione del settore - La pelle nell'abbigliamento
* L'assortimento
* La pellicceria
* Evoluzione del settore - L'assortimento
* La pelle negli accessori
* Evoluzione del settore - L'assortimento - Il mercato del sintetico
* la valigeria e gli altri articoli in pelle e cuoio Evoluzione del settore - Il mercato degli articoli da regalo
• Problemi
* Chi può vendere confezioni in pelle?
* Chi può vendere pellicce? Quando conviene tenerle nei negozi non specializzati?
* Chi può vendere accessori per l'abbigliamento in pelle e quali? Quando conviene tenerli? Che assortimento devono avere i negozi non specializzati che decidono di tenerli?
* A chi conviene tenere articoli di valigeria? E quali? Che assortimento devono avere i negozi non specializzati che decidono di tenerli?
• Domande di controllo

• Gli articoli sportivi
* Evoluzione del settore
* L'assortimento
* Quale segmento di mercato scegliere
• Problemi
* Quali articoli hanno convenienza a tenere i negozi non specializzati in questo campo?
* Quali articoli è opportuno abbiano i negozi di località turistiche?
* Domande di controllo

• Le calzature
* Evoluzione del settore
* Il negozio di calzature
* L'assortimento
• Problemi
* A quale tipo di negozio conviene vendere calzature?
* Hanno la convenienza a tenere calzature i negozi non specializzati? Che assortimento minimo è opportuno avere?
• Domande di controllo

• La biancheria per la casa, i tessili per l'arredamento
* La biancheria per la casa
* Biancheria da letto - Biancheria da tavola - Biancheria da bagno - Biancheria da cucina - Materassi e guanciali -
* L'assortimento - La promozione del bianco -
* I tessili per l'arredamento
* Levoluzione del settore - Il tappeto la moquette, gli articoli da pavimento, varie - L'assortimento
• Problemi
* Quale tipo di negozio ha convenienza a vendere la biancheria da letto, coperte, trapunte? (idem per la biancheria da tavola; idem per la biancheria da bagno). Quale assortimento devono tenere i negozi non specializzati? Si deve avere l'esclusiva delle marche tenute?
* Chi può tenere tessuti d'arredamento, tende, tappezzerie in stoffa, passamaneria, tappeti? Che assortimento debbono avere i negozi non specializzati?
• Domande di controllo

• La nuova legge sull'etichettatura obbligatoria







newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo


Segnalazioni