Pedagogia della devianza. Fondamenti, ambiti, interventi
Contributi
Samantha Armani, Andrea Bobbio, Pino Boero, Cinzia Leone, Antonella Lotti, Luca Magani, Filippo Nurra, Luca Pino, Carla Pisano, Andrea Scaffidi
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 240,   3a ristampa 2013,    1a edizione  2010   (Codice editore 487.1)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856822359
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book per PC, Mac e iPad
Prezzo: € 25,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856873757
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il tema della devianza, alimentato anche dalla sua ricorrente amplificazione multimediale (giornali, tv, internet, ecc.), sembra assumere sempre più i contorni dell’emergenza, tanto da generare un crescente allarme sociale. Il volume propone ipotesi e strategie di intervento, progetti e realizzazioni in relazione ai diversi ambiti operativi (dalla scuola alla famiglia, dalla comunità per minori al carcere, ecc.) e alle differenti manifestazioni con le quali la devianza si esprime.
Presentazione del volume

Il tema della devianza, alimentato anche dalla sua ricorrente amplificazione multimediale (giornali, tv, internet, ecc.), sembra assumere sempre più i contorni dell'emergenza, tanto da generare un crescente allarme sociale al quale vengono associati non solo l'analisi dei contesti familiari, comunitari e istituzionali di degrado, abbandono e deprivazione, ma anche il bisogno di una riflessione pedagogica e di una progettazione educativa contrassegnate dai motivi dell'urgenza e dell'indifferibilità.
Il diffondersi delle condotte devianti nelle loro multiformi e spesso tragiche epifanie sembra profilare una sorta di trasmutazione etico-antropologica che soltanto ingenuamente può essere interpretata secondo il paradigma tradizionale dello scarto e dell'opposizione dialettica rispetto alla generazione precedente. Di fronte ai rischi dell'annullamento di sé e dell'altro, di un relavitismo che degrada il valore persona a oggetto e riduce la relazione a esercizio di violenza e di sopraffazione, il ritorno ai principi dell'intenzionalità e della responsabilità educativa e alle modalità concrete con le quali esse si esprimono può costituire la via maestra per il recupero di tante giovani vite altrimenti condannate a disperdersi in condotte autodistruttive ed antisociali.
Il volume, rivolto a educatori professionali, operatori dei servizi sociali, insegnanti e genitori, oltre ad approfondire la specificità epistemologica della pedagogia della devianza -avvalendosi anche del contributo di altri saperi disciplinari secondo la prospettiva di un approccio integrato - propone ipotesi e strategie di intervento, progetti e realizzazioni in relazione ai diversi ambiti operativi (dalla scuola alla famiglia, dalla comunità per minori al carcere, ecc.) e alle differenti manifestazioni con le quali la devianza si esprime.

Giovanni F. Ricci è professore associato di Pedagogia speciale e di Pedagogia interculturale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Genova. Tra le sue più recenti pubblicazioni, con M. Calza e D. Resico, Il benessere nei reparti pediatrici, Lucca, 2000; Dal "curare" al "prendersi cura". Bisogni e servizi educativi per un bambino ospedalizzato (cur.), Roma, 2003; con D. Resico, L'approccio integrato alla persona diversamente abile, Angeli, 2007 e con C. Lanzetti, M. Piscozzo, Ospedalizzazione pediatrica ed educazione, Angeli, 2008.
Domenico Resico è professore a contratto di Pedagogia della devianza presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Genova. Oltre a vari articoli e saggi ha scritto Continuità educativa. Significati Ragioni Strumenti, Genova, 2004; Diversabilità e integrazione. Orizzonti educativi e progettualità, Angeli, Milano, 2005 ed ha curato, con G.F. Ricci, L'approccio integrato alla persona diversamente abile, Angeli, 2007.

Indice


Pino Boero,
Introduzione
Parte I. Fondamenti della pedagogia della devianza
Domenico Resico, Fenomenologie della devianza e paradigmi pedagogici
(La devianza tra natura, storia e cultura; Prospettive disciplinari e approccio integrato; Identità e complessità della pedagogia della devianza; Prospettive pedagogiche e ambito di intervento)
Giovanni F. Ricci, Devianza e responsabilità educative in una società complessa
(Leggere per comprendere il reale; Nuovi e vecchi mondi; Dal disagio alla devianza; Tra desiderato e desiderabile; Le incertezze del dopo e le certezze del presente; La gioia come categoria educativa; È meglio passeggiare che correre; Economia e finanza da educare per educare; Investire in educazione; Criticità come problema e come possibilità di sviluppo; Cittadinanza attiva: partecipare per prevenire; Conclusione: e se ricominciassimo ad educare?)
Andrea Bobbio, Le difficili esistenze. Lineamenti di pedagogia della marginalità e della devianza
(Difficoltà educative; Tra libertà e repressione; Bisogni e doveri; Per una pedagogia dell'ascolto; Intimità e solitudine: educare il carattere; Implicazioni educative: prospettive e sviluppi)
Antonella Lotti, CBE: un modello per la formazione pertinente degli educatori
(Problemi socio-educativi e formazione professionale; La formazione basata sulla comunità: definizioni; La pianificazione della formazione basata sulla comunità; L'apprendimento basato sui problemi; La valutazione della formazione basata sulla comunità; Un esempio di educazione basata sulla comunità: il progetto UNI)
Parte II: Ambiti, strutture, figure
Domenico Resico, La famiglia da luogo di cura a luogo di alienazione
(Crisi della responsabilità educativa e devianza; Pratiche educative, maltrattamento, abuso e devianza; Per una pedagogia della/nella famiglia)
Carla Pisano; Il bullismo tra i banchi di scuola
(Definizioni e caratteristiche di un fenomeno; Una questione di analfabetizzazione emotiva, Bullismo: una forma specifica di devianza; Il palcoscenico: attori, spettatori e comparse; L'esperienza diretta raccontata dai bambini; Aspetti metodologici dell'intervento educativo)
Filippo Nurra, Prepotenze ondine. Uso della rete e cyber-bullismo
(Bulli e tecnologie; Dai valori alle norme; Tra protezione e promozione)
Samantha Armani, La vulnerabilità del migrante
(La qualità della vita; Vulnerabilità e rischi; Tutelare l'infanzia: prospettive giuridiche e formative)
Filippo Nurra, Giustizia penale minorile tra difesa sociale ed educazione
(Giustizia penale minorile e tribunale dei minori; La tensione educativa tra messa alla prova e mediazione penale; Specializzazione e rete educativa estesa)
Luca Magani, Formazione professionale e devianza giovanile
(La condizione di rischio in adolescenza; Verso la comprensione della formazione professionale; Le valenze educative della formazione professionale)
Luca Pino, Teoria e metodologia del lavoro pedagogico in comunità minorile
(La comunità come contesto di attaccamento e sviluppo; Metodologia dell'intervento educativo)
Cinzia Leone, Andrea Scaffidi, L'educatore in carcere
(La normativa ed il ruolo dell'educatore in carcere; Il contesto e la formazione dell'educatore in carcere; La funzione educativa)
Bibliografia
Gli Autori.




newsletter facebook rss

Facebook RSS Informatemi