Clicca qui per scaricare

Vino e controversie internazionali (Wine and International Disputes)
Titolo Rivista:  AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI
Autori/Curatori: Alberto Germanò
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 13 P. 11-23 Dimensione file: 606 KB
DOI: 10.3280/AIM2011-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più, clicca qui e qui

  • Preview
  • Presentazione

L’autore analizza quattro casi sul vino che offrono l’occasione per un esame della normativa in materia. Nel dirimere la controversia concernente il vino friulano "Tocai", nel 2005 la Corte di giustizia ha confermato il divieto di utilizzare il suddetto nome oltre il 31 marzo 2007 respingendo ogni contestazione basata sull’omonimia tra il segno "Tocai" (per un vino bianco secco del Friuli) e quello "Tokaj" (per un vino dolce dell’Ungheria), dato che questa non può esistere tra nomi che sono espressione di entità differenti: vitigno nel caso italiano, vino nel caso ungherese. Il Panel Wto del 15 marzo 2005 ha affrontato la questione sorta nel 2003 sul rapporto tra un marchio geografico extracomunitario anteriore e una indicazione geografica comunitaria successiva, riconoscendo la legittimità della normativa comunitaria rispetto all’Accordo Trips e, pertanto, ammettendo la coesistenza di indicazioni geografiche comunitarie con marchi geografici precedentemente registrati, purché non vi sia induzione in errore. L’Accordo del 10 marzo 2006 tra Usa e Ue sul mercato dei vini, nel confermare l’Accordo Trips che esclude la protezione dei segni (anche geografici) divenuti generici, precisa che gli Usa ritengono generiche le indicazioni Chianti e Marsala. Con sentenza dell’11 maggio 2010, il Tribunale di I grado ha rigettato l’istanza di registrazione come marchio comunitario del nome "Cuvèe Palomar", per la presenza della doc Valencia comprensiva, nella tutela, del comune "el Palomar". Il Tribunale ha fondato la decisione sulla tutela assoluta che viene riconosciuta sia dall’art. 23 dell’Accordo Trips che dall’art. 7, par. 1, lett. j) del regolamento n. 40/1994 e, quindi, sul divieto di utilizzare anche l’indicazione geografica del luogo in cui viene realmente prodotto il vino che si voleva marcare con il nome "Cuvèe Palomar" che è uguale al nome dell’indicazione geografica protetta identificatrice dei vini prodotti nella differente regione di Valencia.



Keywords: Vini; indicazioni geografiche; marchi; coesistenza


    1. blallala, lalalal llalal llallal. 2011
    2. blallala, lalalal llalal llallal. 2012
     
    Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per  acquistare il download credit.

    Pan
    Zoom out
    Zoom in
    Display actual size
    Zoom to page
    Zoom to width
    Rotate page counter clockwise
    Rotate page clockwise

    FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche
    Acquista qui

    Informazioni sulla rivista

    Sottoscrivi il FEED
    per conoscere subito
    i contenuti dell'ultimo fascicolo di questa Rivista

    English Version

    Download credit

    Pubblicità