Sardi in fuga in Italia e dall'Italia

Aldo Aledda

Sardi in fuga in Italia e dall'Italia

Politica, amministrazione e società in Sardegna nell'era delle moderne emigrazioni

L’autore, reputando il fenomeno migratorio, in particolare quello sardo, tutt’altro che negativo, non concorda con chi vorrebbe tentare di arginarlo, ma cerca di dimostrare anzi come esso abbia giovato alla società aiutandola a crescere e migliorare. Questo volume intende dimostrare quanto la società sarda, la politica e l’amministrazione siano responsabili dell’abbandono del territorio da parte di tanti sardi. Allo stesso modo, nel proporre rimedi alle distorsioni create, cerca di offrire un ulteriore paradigma interpretativo dell’emigrazione italiana, in particolare di quella meridionale e insulare.

Edizione a stampa

36,00

Pagine: 268

ISBN: 9788835137382

Edizione: 1a edizione 2022

Codice editore: 2000.1579

Disponibilità: Buona

Pagine: 268

ISBN: 9788835141365

Edizione:1a edizione 2022

Codice editore: 2000.1579

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Pagine: 268

ISBN: 9788835141471

Edizione:1a edizione 2022

Codice editore: 2000.1579

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: ePub con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

L'emigrazione di circa la metà degli italiani negli ultimi due secoli, dai primi decenni dell'Ottocento ai giorni nostri, ha finito per condizionare tutto il percorso della società italiana nelle sue direttrici economiche e sociali.
Le ragioni di questa "fuga", a parte la volontà del singolo di cercare realizzazione nel più ampio palcoscenico internazionale, sono sicuramente da rintracciare in strozzature e patologie di varia natura, che autorizzano a ritenere che non si fugge tanto dall'Italia o da qualche sua regione o villaggio in particolare, bensì da alcune realtà italiane che contrastano con la rara bellezza del paese, il cui ricordo struggente peraltro l'emigrante porta nel cuore per tutta l'esistenza.
Non fa eccezione l'expat sardo proveniente da un'isola che si è conservata nei suoi valori e limiti per secoli, fino a quando quasi un terzo della sua popolazione, dopo aver dato in precedenza un modesto contributo ai flussi migratori di massa italiani, non ha deciso nell'ultimo Dopoguerra di iscriversi alle uscite più consistenti delle regioni meridionali verso il Nord Italia e all'estero.
L'autore, reputando questo fenomeno tutt'altro che negativo, benché comporti perdita di risorse umane, non concorda con chi vorrebbe tentare di arginarlo, ma cerca di dimostrare anzi come esso abbia giovato alla società sarda aiutandola a crescere e a migliorare. Il fenomeno in realtà non è stato compreso a fondo da una classe politica e dirigente locale miope e autoreferenziale che oggi assiste impotente e priva di idee allo spopolamento e all'invecchiamento crescente della popolazione con l'uscita dei più giovani.
Quanto la società sarda, la politica e l'amministrazione siano responsabili dell'abbandono da parte di tanti sardi del territorio è ciò che si ripromette di dimostrare questo lavoro. Così come, nel proporre rimedi alle distorsioni create, cerca di offrire un ulteriore paradigma interpretativo dell'emigrazione italiana, in particolare di quella meridionale e insulare.

Aldo Aledda, che per oltre trent'anni si è occupato ai massimi livelli istituzionali di emigrazione sarda e italiana nel mondo, è coordinatore del Comitato 11 ottobre, un think tank che analizza i temi e i problemi della mobilità italiana nel mondo. Oltre a numerosi scritti di natura sociale e politica, nel 1991 ha pubblicato I sardi nel mondo e, per i nostri tipi, nel 2016, Gli italiani nel mondo e le istituzioni pubbliche.

Metodo e ringraziamenti
Parte I. Perché fuggire dalla Sardegna?
L'isola che non c'è più
Affrontare l'incognito. Il sardo errante
Le ragioni della fuga. La teoria dell'amante
Il provincialismo tossico
I figli di Sardegna. Chi sono e dove sono
Le catene migratorie
Parte II. Il movimento associazionistico sardo e il quadro istituzionale
I circoli sardi
Le grandi aspettative
L'abbraccio mortale della politica
Il socialismo irreale
Gli ambasciatori della Sardegna
Lungo le rotte del cannonau
Il Moloch burocratico
Il giocattolo strapazzato
Parte III. La diaspora sarda
Mentalità e rappresentazione dei sardi all'estero
I sardi nell'American Dream
Il Sardus Novus
Guardare avanti
Conclusioni: un dialogo tra... sordi? Forse no
Bibliografia
Indice dei nomi.

Potrebbero interessarti anche