Confini e trasgressioni di confini nella sociologia economica, del lavoro e dell'organizzazione
Contributi
Filippo Barbera, Giacomo Becattini, Giuseppe Bonazzi, Luigi Burroni, Gian Primo Cella, Barbara Czarniawska, Marco Marzano, Nicola Negri, Francesca Odella, Immacolata Romano, Enzo Rullani, Roberto Serpieri, Antonio Strati, Carlo Trigilia
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,      1a edizione  2004   (Codice editore 1529.92)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846453211

Presentazione del volume

I contributi presentati in questo volume intendono affrontare il tema della frammentazione del "discorso sulla società" , oggetto privilegiato di discussione nel convegno dell'Associazione Italiana di Sociologia - Sezione Economia Lavoro Organizzazione - che si è svolto presso l'Università di Cagliari il 25-26 ottobre 2002 su "Confini e trasgressioni di confini nella sociologia economica, del lavoro, dell'organizzazione", i cui risultati principali sono resi dunque qui disponibili.

Intenzione degli organizzatori del convegno era soprattutto quella di presentare le esperienze di ricerca di coloro che si definiscono scienziati sociali e che nella loro attività si sono trovati a fare i conti con la "vita ai confini" tra le discipline che riguardano la società. Non si voleva pertanto discutere in astratto dei confini e delle rispettive competenze disciplinari, ma raccogliere una serie di indicazioni e spunti derivanti dal lavoro concreto di analisi sociale.

Tale approccio è peraltro verificabile in tutti gli interventi qui pubblicati.

Il tema dei rapporti tra discipline sottende da sempre - in maniera esplicita o più spesso tacita - la nostra pratica di ricerca sociologica. Nel caso della sociologia economica, del lavoro e dell'organizzazione si tratta addirittura di un tema che caratterizza fondamenti ed inizi della sociologia stessa.

Il call for papers presentava come obiettivo del convegno quello di "far emergere una nozione condivisa di ciò che aggiungiamo di originale e di specifico alla conoscenza di quei fenomeni in quanto sociologi". Ci si è sforzati, quindi, di portare alla luce un certo numero di assunti impliciti, e su questo terreno sono emersi, più che contrasti, accentuazioni di punti di vista diversi, anche se, almeno potenzialmente, complementari.

Indice


Serafino Negrelli, Angelo Pichierri, Introduzione. Il destino della sociologia economica del lavoro e dell'organizzazione al confine tra discipline
Parte I
Barbara Czarniawska, Allargare i confini: la teoria dell'organizzazione come un ibrido
Giuseppe Bonazzi, Teoria delle risorse e analisi organizzativa: un possibile incontro interdisciplinare
Enzo Rullani, Società del rischio e reti di conoscenza: il capitale sociale della modernità riflessiva
Giacomo Becattini, Luigi Burroni, Il distretto industriale come strumento di ricomposizione del sapere sociale
Gian Primo Cella, Come riconoscere le scienze sociali?
Carlo Trigilia, Uscire dai confini o consolidarsi?
Parte II
Francesca Odella, Conseguenze inattese e genesi dei processi economici: il ruolo delle esternalità nell'approccio sociologico
Antonio Strati, Centralità della 'pratica' nello studio dell'organizzazione e conoscenza sensibile
Immacolata Romano, Roberto Serpieri, Per una concezione stratificata dell'"attore competente
Marco Marzano, Ancora separati? Una sorta di manifesto per un matrimonio molto atteso. Antropologia e sociologia nel nuovo millennio
Filippo Barbera, Nicola Negri, Relazioni pericolose: tre modelli di relazione tra economia e sociologia economica