Rapporto Unioncamere 2005. L'economia reale dal punto di osservazione delle Camere di Commercio
Autori e curatori
Contributi
Carlo Sangalli
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 304,      1a edizione  2006, allegati: cd-rom   (Codice editore 1813.8)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 56,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846473448

Presentazione del volume

L'economia reale ha saputo raccogliere la sfida delle difficoltà congiunturali e strutturali emerse con forza in questi ultimi anni, riuscendo a innescare efficaci processi di trasformazione, anche se all'insegna di una forte selezione. Le protagoniste di questi nuovi percorsi di sviluppo sono soprattutto società di capitale, di medie o di medio-piccole dimensioni, a capo di filiere produttive e nella maggior parte dei casi organizzate in forma di gruppo. Si tratta spesso di quelle stesse medie imprese che rappresentano l'avanguardia del cosiddetto New Made in Italy, che interpreta nel modo migliore il concetto di nicchia globale e che si basa sulla capacità di produrre e trasmettere un nuovo senso dell'eccellenza nel campo dell'ideazione, dell'innovazione, della qualità, del servizio.
Il punto di osservazione delle Camere di Commercio - che offriamo con questo Rapporto 2005 del Centro Studi Unioncamere - vuole essere un contributo originale alla comprensione delle dinamiche evolutive in atto, che vanno dalle difficoltà di alcuni sistemi produttivi, ai nuovi modi di fare impresa che stanno cambiando il volto del Paese. Partendo non dalla macroeconomia ma da quanto "raccontano" le singole imprese che producono beni e servizi, ricchezza e occupazione.
L'attenzione è quindi posta soprattutto sui processi di crescita e trasformazione del nostro tessuto imprenditoriale, grazie ai quali l'Italia continua a mantenere posizioni di rilievo sui mercati internazionali. E potrà farlo anche per il futuro, a patto di fondare sempre più la sua capacità competitiva su fattori-chiave di successo quali il lavoro qualificato, l'innovazione tecnologica e il cambiamento organizzativo.

Indice



Carlo Sangalli, L'economia italiana tra il 2004 e il 2005: considerazioni di sintesi
Le modificazioni nella morfologia dell'apparato produttivo italiano
(Le piccole e medie imprese in Europa e in Italia; Verso un profilo produttivo di stampo europeo; Il tessuto imprenditoriale continua a espandersi; Le dinamiche settoriali; Le aziende costituite da imprenditori immigrati; Imprese femminili alla conquista di nuovi spazi; Le imprese entrate in fallimento e in liquidazione; La dinamica delle forme societarie; L'evoluzione dei gruppi d'impresa; Le virtù delle medie imprese; Innovazione, organizzazione e risorse umane nelle medie imprese)
Il bilancio dell'attività produttiva nel 2004 e gli scenari economici 2005-2006
(Lo scenario internazionale; L'economia italiana nel 2004; La proiezione sui mercati esteri; Gli scenari economici a breve; Il clima d'affari delle imprese europee)
Il quadro e le prospettive occupazionali: aumenta la qualificazione delle risorse umane
(Il mercato del lavoro in Italia; L'occupazione nel 2005; Il profilo delle imprese che assumono; Regolazione del mercato del lavoro e domanda di occupazione; Difficoltà di reperimento e richiesta di esperienza; Le strategie di riposizionamento delle imprese e la domanda di capitale umano; La formazione richiesta e la formazione offerta dalle imprese)
L'azienda-famiglia al centro dello sviluppo
(Consumi e inflazione; I bilanci delle famiglie italiane; Il reddito disponibile e la dimensione delle famiglie)
Le leve della competizione: lavoro qualificato, innovazione tecnologica e cambiamento organizzativo
(La capacità competitiva sull'estero; Le scelte di localizzazione su scala internazionale; Il ricorso alle professioni dell'innovazione produttiva e organizzativa; I comportamenti innovativi; La capacità brevettuale; Domanda e offerta di tecnologia dell'Italia all'estero; Le altre esternalità per competere: infrastrutture e credito).