Società della conoscenza e formazione
Contributi
Angelo Benozzo, Trevor Boutall, Massimo Bruscaglioni, Lorenzo Cantoni, Ulderico Capucci, Lauro Mattalucci, Paolo Minguzzi, Claudia Montedoro, Franco Nanetti, Roberto Panzarani, Dunia Pepe, Claudia Piccardo, Gian Piero Quaglino, Emilio Rago, Elena Sarati, Francesca Serra, Chiara Succi, Laura Tucci
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      1a edizione  2006   (Codice editore 1529.103)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846478276

Presentazione del volume

Il volume affronta un tema strategico: la formazione nella società dell'informazione e della conoscenza. Globalizzazione, new economy, finanziarizzazione dell'economia, apertura dei mercati internazionali sono alcuni degli elementi che caratterizzano le società nelle quali viviamo e con le quali i sistemi formativi devono "fare i conti". Negli scenari attuali, la risorsa strategica di base non sono più (o soltanto) il capitale finanziario o il lavoro e tanto meno le risorse naturali, ma le relazioni, le conoscenze, il capitale umano e intellettuale.
Le conoscenze, le capacità e l'immaginazione, così come il networking per la messa a fattor comune di esperienze, capacità e conoscenze e, quindi, la capacità di apprendere, contano più dei capitali fisici, tecnologici e finanziari tradizionalmente al centro degli scenari economici ed organizzativi.
Centrale diviene, dunque, il ruolo dell'individuo come risorsa, in cui l'identità professionale richiama non solo abilità di ordine tecnico, ma anche un capitale umano da costruire e ricostruire lungo tutto l'arco dell'esistenza. Nelle nostre società, inoltre, non è più possibile continuare a riprodurre le conoscenze nei modi tradizionali e, se le istituzioni formative (in primis la scuola e le università) non si adegueranno nell'organizzare nuove modalità di trasmissione dei saperi, correranno il rischio di essere emarginate dalle nuove infrastrutture di produzione della conoscenza.
Per quanto riguarda, in particolare, le aziende e le altre organizzazioni lavorative, solo negli ultimi anni la maggior parte dei "managers" hanno cominciato a considerare conoscenze e competenze come risorse strategiche. Il lavoro manageriale del futuro prossimo venturo sarà connotato, ben più di oggi, in termini di sviluppo del capitale umano e intellettuale: creazione di conoscenza organizzativa, gestione e sviluppo delle conoscenze, delle capacità e delle abilità, per diffonderle all'interno/esterno delle organizzazioni e tradurle in prodotti, servizi e sistemi operativi.

Barbara Bertagni è fondatrice e managing partner di Logos Knowledge Network, vice-presidente e amministratore delegato del Centro Studi Logos di cui coordina le aree Projects & Services e Communi-cation. Consulente di alta direzione, antropologa organizzativa, personal trainer e psicologa clinica, è specializzata in coaching, counselling, mentoring, self-empowerment, strategie di sviluppo personale e professionale, leadership development, meta-didattica e formazione dei formatori, filosofia pratica.
Michele La Rosa insegna "Sociologia del lavoro" e "Sociologia economica" presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Bologna ove presiede anche il corso di laurea in "Sociologia" ed il corso di laurea specialistica "Occupazione, mercato, ambiente". Dirige il C.I.Do.S.Pe.L del Dipartimento di sociologia bolognese. Annovera numerose pubblicazioni; fra le più recenti si ricordano Il lavoro nella sociologia (Carocci, 2004) ed Etica economica e sociale (FrancoAngeli, 2005 - con Lorenzo Morri).
Fernando Salvetti è fondatore e managing partner di Logos Knowledge Network, presidente e amministratore delegato del Centro Studi Logos di cui coordina l'area Knowledge Governance, Research & Development e l'area Business development. Consulente di alta direzione, formatore e antropologo organizzativo, avvocato, è specializzato in epistemologia e antropologia della conoscenza, knowledge governance, corporate governance, innovation and change management, leadership development, self-empowerment, edutainment, meta-didattica e formazione dei formatori, jurisprudence e filosofia del diritto, etica e filosofia pratica. Testimone e visiting professor in varie università e business schools europee, dirige "News & Views" - newsletter on self-empowerment and knowledge governance.

Indice


Barbara Bertagni, Michele La Rosa, Fernando Salvetti, Presentazione
Parte I.
Claudia Montedoro, Dunia Pepe, Francesca Serra, La formazione oggi: ruolo e prospettive
Ulderico Capucci, La formazione nella società della conoscenza
Michele La Rosa, Come e perché parlare di metacompetenze per la formazione
Fernando Salvetti, Knowledge governance e dintorni: il futuro prossimo venturo del lavoro manageriale
Gian Piero Quaglino, Una formazione centrata sulla persona
Massimo Bruscaglioni, La microcultura personale 'empowerment oriented'
Claudia Piccardo, Angelo Benozzo, Lo spazio della formazione per le comunità di pratiche
Lorenzo Cantoni, Chiara Succi, Accettazione e rifiuto dell'eLearning nelle organizzazioni: una mappa
Parte II
Barbara Bertagni, Self-empowerment: per non morire di lavoro
Franco Nanetti, La leadership situazionale tra immaginario e realtà
Roberto Panzarani, Intangibles, processi di ricerca e innovazione
Paolo Minguzzi, Gestione della conoscenza e nuovi paradigmi formativi, i risultati di un'indagine
Trevor Boutall, Competenze senza incubi: i National Occupational Standards
Lauro Mattalucci, Elena Sarati, Oltre la formazione apparente: dalle comunità di apprendimento alle comunità di pratica
Laura Tucci, La forma e il movimento. La formazione... vero cambiamento per le persone e le organizzazioni
Emilio Rago, La valutazione quantitativa della formazione aziendale. Dalle misure economico-finanziarie agli indicatori bilanciati
Summaries.