Il corpo in gioco. La sfida di un sapere interdisciplinare
Autori e curatori
Contributi
Samantha Bonucci, Raffaele Federici, Silvia Fornari, Fabrizio Fornari, Valentina Grassi, Loredana Laghezza, Claudia Mazzeschi, Elisa Moroni, Alba G.A. Naccari, Paolo Ruffino, Riccardo Sebastiani, Domenico Secondulfo
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 272,      1a edizione  2008   (Codice editore 1520.621)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856802078

In breve
In un’epoca ammaliata dall’immateriale, dove il primato indiscusso della vista tra i sensi rende sempre più complesso il problema dell’apparire, il corpo è l’ultimo memento della fisicità e limitatezza dell’essere umano. Dalla sociologia alla psicologia, dalla pedagogia alla farmacologia, il volume indaga i versanti frastagliati della contemporaneità: le difficoltà dell’intimità, il fascino di Second Life, il crescente ricorso alla medicina e le strategie di decorazione e individualizzazione del sé...
Presentazione del volume

In un'epoca ammaliata dall'immateriale, dove il primato indiscusso della vista tra i sensi rende sempre più complesso il problema dell'apparire, il corpo è l'ultimo memento della fisicità e limitatezza dell'essere umano. Nella complessità abissale della sua esistenza le fiabe dell'eterna giovinezza e della sconfitta del Tempo si rivelano per quello che sono. Sensazione continua che accompagna la nostra vita, ricca di una miriade di sfumature cui si presta poca o nessuna attenzione, il corpo è anche l'arresto dell'emozione, la sfrenatezza del gioco, il benessere di un giusto vivere lo spazio. È un sapere che non ha bisogno di parole.
Questo libro si confronta con temi di solito trascurati o interpretati in chiave di dominio, rigenerando la carica sovversiva che ne ha decretato la progressiva emarginazione o il travisamento sottile. Tenta di restituirne lo spessore sostanziale e qualitativo e mostra come esso cortocircuiti l'approccio oggi prevalente.
Dalla sociologia alla psicologia, dalla pedagogia alla farmacologia, i prismi descrittivi rivelano versanti frastagliati della contemporaneità: le difficoltà dell'intimità, il fascino di Second Life, il crescente ricorso alla medicina, la grammatica della paura, parlandone attraverso il dialogo tra autori provenienti da discipline diverse e impegnati nell'esplorazione dei territori che si aprono alla riflessione quando il pensiero riesce a liberarsi dalle convenzioni e dagli ingombri ideologici.

Fabio D'Andrea insegna Sociologia all'Università degli Studi di Perugia, dove è anche Coordinatore Scientifico del network di ricerca interdisciplinare OpenLab. È autore di saggi e monografie dedicati a una lettura "attuale" del pensiero di Simmel, alla sociologia francese - in particolare all'opera di Michel Maffesoli e alla sociologia dell'immaginario - e ai processi culturali. Attualmente si occupa delle dinamiche immaginali che informano le società tardomoderne: le nuove frontiere della comprensione del corpo; il gioco, anche di ruolo, e la realtà virtuale come categorie per l'interpretazione della contemporaneità e le loro applicazioni nell'alta formazione. Tra i suoi libri: L'esperienza smarrita. Il gioco di ruolo tra fantasy e simulazione (Rubbettino, Soveria Mannelli 1998), L'uomo mediano. Religiosità e Bildung nella cultura occidentale (FrancoAngeli, Milano 2005) e Ideologia moderna e cultura europea. Il deficit culturale dell'UE (Perugia, Morlacchi 2007). Ha curato Il corpo a più dimensioni. Identità, consumo, comunicazione (FrancoAngeli, Milano 2005) e, con A. De Simone, La vita che c'è. Vol. 1 Teorie dell'agire quotidiano. Vol. 2 Forme dell'agire quotidiano (FrancoAngeli, Milano 2006).

Indice


Fabio D'Andrea, Introduzione
Il gioco delle emozioni
Silvia Fornari, Avere o essere corpo. Il corpo vissuto nell'epoca delle corporeità aleatorie
Alba G.A. Naccari, Metafore del corpo. Per una pedagogia della mediazione analogica
Elisa Moroni, Devianza emotiva e condotte di vita
Fabrizio Fornari, Il corpo e il suo altro: note sulle radici sociali della paura
Interferenze
Domenico Secondulfo, Il corpo come metafora sociale: il progressivo spostamento del confine tra artificiale e naturale
Paolo Ruffino, Corpi senza spessore e metafore di corpi: la pulizia degli avatar nei giochi digitali
Raffaele Federici, L'interno delle persone. Gli scambi "moltiplicati e (forse) perduti" fra i farmaci e i corpi
Fabio D'Andrea, Claudia Mazzeschi, Loredana Laghezza, Samantha Bonucci, Corporeità e compresenza. Dalla psiche alla prossemia
Valentina Grassi, Riccardo Sebastiani, Il corpo olistico: approccio immaginale ed esperienza motoria
Indice dei nomi
Note sugli autori.