Cinema e disabilità visive. L'esperienza filmica senza colore
Autori e curatori
Collana
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 112,   3a ristampa 2018,    1a edizione  2009   (Codice editore 2000.1275)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856815542

In breve
Nella storia del cinema, le pellicole a colori e quelle in bianco e nero sono state usate per esprimere significati diversi. Oggi il colore ha assunto un ruolo tanto importante da essere protagonista anche quando è assente. Il gioco dei contrasti, la saturazione, la quantità e la qualità della luce divengono portanti nel racconto filmico e nella definizione del ritmo narrativo. Ma come si esprime questo racconto nell’esperienza di chi quei colori, quella luce, quei contrasti non riesce a percepire?
Presentazione del volume

Nella storia del cinema, le pellicole a colori e quelle in bianco e nero sono state usate per esprimere significati diversi. Inizialmente il colore era riservato al genere fantastico o al musical, mentre il bianco e nero era considerato più adatto a rappresentare la realtà del quotidiano. Oggi la maggior parte dei film è a colori e si ricorre al bianco e nero per evocare un periodo storico, per sottolineare un tono espressivo della pellicola o di un suo momento, talvolta quasi soltanto per permettere al colore di irrompere nella scena segnando caratteri, appartenenze, tensioni. Il colore ha assunto ormai un ruolo tanto importante nella narrazione cinematografica da essere protagonista anche quando è assente. Spettri differenti vengono vissuti dallo spettatore come egualmente “realistici”, così ora è il gioco dei contrasti, la saturazione, la quantità e la qualità della luce, che divengono portanti, assieme al colore, nel racconto filmico e nella definizione del ritmo narrativo.
Ma come si esprime questo racconto nell'esperienza di chi quei colori, quella luce, quei contrasti non riesce a percepire appieno o per nulla? È ancora possibile per uno spettatore non vedente o ipovedente o acromata essere partecipe della rappresentazione filmica? È possibile recuperare parte delle informazioni perse o travisate dalle disabilità arricchendo la visione di altre stimolazioni e trasformandola in un'esperienza percettiva plurisensoriale?
E ancora, è possibile utilizzare gli strumenti della luce e del colore in modo da mantenere il loro ruolo simbolico e iconografico oltreché espressivo, in una costruzione narrativa ugualmente significativa tanto per i normovedenti che per i disabili della vista?
Questo libro nasce con l'intento di considerare la disabilità un punto di partenza per nuove riflessioni, per nuovi modi di intendere la comunicazione, la socialità e la formazione. Nasce con l'intento di sollevare interrogativi e di suscitare risposte ancora inesplorate.

Anna Poli, ricercatrice, insegna Cinema e arti visive e Nuove tecnologie visuali presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Laureata in Architettura, è dottore di ricerca in Bioingegneria, e si occupa di cultura tecnologica e dell’utilizzo delle tecnologie digitali in ambito formativo, in particolare sul ruolo della cinematografia come strumento didattico.

Indice


Premessa: il cinema e le disabilità visive
Le disabilità visive
(I disabili visivi: definizione di ipovedente e sub-vedente; Quanti sono i disabili visivi; Le capacità visive; Soluzioni per ipovedenti e subvedenti)
Il sistema visivo e il ruolo dei recettori retinici
(Anatomia e fisiologia del sistema visivo; La funzione recettoriale e nervosa della retina; La fotochimica della visione; I movimenti dell’occhio umano)
I difetti nella visione del colore
(Acromatopsia: la cecità ai colori; Vivere senza il colore; Le barriere cromatiche; Il riconoscimento dei colori: valori oggettivi e valori soggettivi)
Il colore nel cinema
(Il cinema nasce come forma d’arte a colori; Il bianco e nero; La ricerca del colore: dal cinema colorato al cinema a colori; Il ruolo del colore nel cinema: una doppia anima)
L’approccio sinestesico
(Corrispondenze e sinestesie; Il rapporto tra immagini e musica; Il colore tra visivo e sonoro; Il ruolo “emozionale” del colore)
Verso un cinema multimodale e plurisensoriale
(Quali esperienze per un cinema senza barriere; Cinema olfattivo; Film per un pubblico normodotato e ipovedente; Film che narrano storie di disabilità visive)
Conclusioni
Bibliografia
Filmografia.





newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi