Decolonizzazione e sviluppo economico. Dalla Cassa per la circolazione monetaria della Somalia alla Banca nazionale somala: il ruolo della Banca d'Italia (1947-1960)
Autori e curatori
Contributi
Giuseppe Ciccarone
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 96,      1a edizione  2010   (Codice editore 364.177)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18.00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856824490

In breve
Alla luce di fonti inedite conservate presso l’archivio storico della Banca d’Italia, il volume esamina il processo di decolonizzazione e il modo in cui si è articolato in Africa, e in particolare in Somalia. Il libro presenta le vicende della Cassa per la circolazione monetaria della Somalia e, più in generale, quelle legate alla scelta della Banca d’Italia di favorire la nascita di un sistema monetario somalo indipendente, capace di favorire e sostenere il processo di autogoverno del Paese.
Presentazione del volume

Negli ultimi anni, a fasi alterne, è riemersa la memoria della colonia nella società italiana. A favorire questo ritorno sono state le richieste di riparazioni provenienti da ex colonie o da paesi occupati dall'Italia durante la guerra, in particolare dall'Etiopia e dalla Libia e l'afflusso, sempre più crescente dalla metà degli anni Ottanta del Novecento, di immigrati africani, non solo in Europa ma prima di tutto in Italia, spesso provenienti da paesi ex coloniali.
Questo lavoro, alla luce di fonti inedite conservate presso l'Archivio Storico della Banca d'Italia, esamina il processo di decolonizzazione e il modo in cui si è articolato in Africa e in particolare in Somalia, collocandoli nel più generale quadro di riorganizzazione mondiale dell'economia del secondo Novecento ed evidenziandone le inevitabili ripercussioni sul recente processo di globalizzazione.
La Somalia italiana fu assegnata dall'Onu all'amministrazione fiduciaria dell'Italia per un periodo di dieci anni a cominciare dal 1950. In questo contesto le scelte operate dalla Banca d'Italia di favorire la nascita di un sistema monetario somalo indipendente, attraverso la Cassa per la circolazione monetaria della Somalia, oltre a sostenere il processo di decolonizzazione del Paese, si collocano nel più generale quadro di definizione della politica monetaria italiana del secondo dopoguerra nonché nella gestione dei rapporti internazionali.

Donatella Strangio è professore associato presso la Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma "La Sapienza". È docente di Storia economica e di Storia economica della colonizzazione e della decolonizzazione. È autrice di diversi libri ed abitualmente pubblica su diverse riviste di storia italiane e straniere (vedi i recenti, Verso l'indipendenza? La federazione etiopico-eritrea nelle fonti dell'Archivio Storico della Banca d'Italia (1952-1962), in "Africa", LXIV, 1-2, 2009; Italian colonies enterprises: Eritrea XIX-XX centuries, presentato al WEHC Utrecht, 2009; Imprese italiane in Africa e sviluppo economico. Dalla Federazione Etiopia-Eritrea alla guerra per l'indipendenza (1952-1975), in "Storia Economica", 2-3, 2008).

Indice


Giuseppe Ciccarone, Premessa
Ringraziamenti
La questione coloniale italiana: tra memoria, rimozione e globalizzazione
I problemi economici dell'indipendenza ed i piani di sviluppo i Somalia
Il processo di decolonizzazione in Somalia
La Banca d'Italia e il sistema monetario somalo
L'istituzione del somalo
La Cassa per la circolazione monetaria della Somalia
(Il conto di gestione valutaria e il clearing italo-somalo)
L'istituzione della Banca nazionale somala
(I risultati di bilancio dopo la prima metà del periodo "fiduciario" di gestione della Cassa (1950-1955); Il bilancio di esercizio del 1958; La cessazione e la liquidazione dell'attività della Cassa (1959-1960); Il bilancio di esercizio dell'ultimo anno di Cassa (1960))
Considerazioni conclusive
Fonti
Bibliografia.



Pubblicità