Italian language attrition in Australia. The verb system
Autori e curatori
Argomenti
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 224,      1a edizione  2010   (Codice editore 1095.67)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,50
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856822441
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856827187
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume affronta la perdita linguistica attestata per l’italiano d’Australia, allo scopo di indagare aspetti strutturali dell’attrition, con riferimento specifico alla perdita della morfologia verbale. Scopo del volume non è solo di individuare i cambiamenti strutturali del sistema verbale indotti dalla situazione di contatto con l’inglese, ma anche di verificare l’ipotesi secondo cui tali cambiamenti siano governati da principi universali, come avviene nelle interlingue o nel mutamento linguistico.
Presentazione del volume

Nell'Australia multiculturale di oggi, dove sempre più persone parlano un'altra lingua accanto all'inglese, l'italiano, oltre a godere di prestigio come lingua di cultura, mantiene il primato di lingua comunitaria più diffusa. Eppure, insieme ad altre lingue europee di vecchia immigrazione, la lingua italiana è in declino e, come già ampiamente dimostrato, è soggetta a fenomeni di erosione (language attrition). Questo libro affronta la perdita linguistica attestata per l'italiano d'Australia allo scopo di indagare aspetti strutturali dell'attrition, con riferimento specifico alla perdita della morfologia verbale. L'analisi dei dati è basata sui metodi della sociolinguistica, mentre la prospettiva teorica per l'esame dell'erosione tiene conto delle ricerche sugli universali linguistici e sulla marcatezza. Lo scopo dell'indagine pertanto non è solo quello di individuare i cambiamenti strutturali del sistema verbale indotti dalla situazione di contatto con l'inglese, ma anche di verificare l'ipotesi secondo cui tali cambiamenti siano governati da principi universali, come avviene nelle interlingue o nel mutamento linguistico.
Il volume si rivolge a linguisti, sociolinguisti e a studiosi dei contesti migratori ma anche a insegnanti e operatori culturali interessati a trarne proposte didattiche per il mantenimento dell'italiano all'estero.

Marinella Caruso è professore, titolare della Cattedra Cassamarca di Italiano e Linguistica Italiana, alla University of Western Australia. Ha svolto attività didattica e di ricerca presso l'Università di Bergamo e la Flinders University, in South Australia. I suoi interessi di ricerca si rivolgono al contatto linguistico in contesto migratorio con particolare attenzione all'italiano in Australia. Si occupa anche di acquisizione di lingue seconde, su cui ha pubblicato Inglese lingua straniera. L'apprendimento di frasi relative (Guerini 1989).

Indice


Premessa (in Italian)
Acknowledgements
List of tables and figures
Introduction
Language attrition
(Definitions; First language attrition in contact situations)
Italian in Australia
(The social context: the Italo-Australian community; The linguistic context: Italian in Australia)
Markedness and the Italian verb system
(The notion of markedness; Markedness in language acquisition and loss; The verb system of standard Italian)
Constructing a corpus
(Methodological principles; The informants; The elicitation technique; Formulating an attritional continuum; The attritional continuum)
Attrition in the system
(Procedures of analysis; The Italian verb system of first-generation speakers; The Italian verb system of second-generation speakers; Attrition in the verb system across generations; Attrition in the verb system along the continuum; "Outside" the continuum: the speaker of dialect)
Conclusions
References.