Teoria e politica dell'aiuto allo sviluppo
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 288,   3a ristampa 2014,    1a edizione  2006   (Codice editore 367.52)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 27,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856823134

Presentazione del volume

Nella prima parte del libro, dopo avere collocato l'origine e le motivazioni della cooperazione allo sviluppo nel quadro delle relazioni internazionali, si presenta la tipologia dei programmi e progetti di aiuto e dei soggetti, pubblici e privati, nazionali e internazionali che li finanziano. Il variare nel tempo degli obiettivi e delle forme della cooperazione viene spiegato, oltre che dal peso degli interessi economici e politici dei "donatori", dal succedersi di diverse teorie dello sviluppo e dalla loro influenza sugli orientamenti delle Organizzazioni internazionali da Bretton Woods ad oggi. La presentazione e il commento dei dati statistici rilevanti dagli anni '60 del 900 ai primi del nuovo secolo completa questa parte del libro.
Nella seconda parte vengono discussi gli effetti macroeconomici dell'aiuto in presenza di diverse ipotesi sulle preferenze e i comportamenti degli attori e, a livello microeconomico, si esamina come l'aiuto possa modificare tali comportamenti, quali effetti possano produrre specifici progetti e come essi vengano valutati. La fiducia negli effetti positivi dei processi di globalizzazione ha dato voce all'idea che l'apertura dei paesi in via di sviluppo al commercio estero possa sostituire l'aiuto. La discussione di questa tesi e l'esame del problema della povertà sono oggetto di due capitoli che si propongono di mettere in evidenza come l'aiuto sia ancora necessario e quali debbano essere le sue priorità. Partendo da questi risultati, nelle conclusioni si indicano le principali ragioni della diffusa insoddisfazione sull'efficacia della cooperazione e si avanzano alcune ipotesi sulle nuove forme che essa dovrebbe assumere per contribuire a un reale sviluppo dei paesi e dei popoli più poveri.

Mario Biggeri insegna Economia della transizione nell'Università di Firenze ed è autore di numerosi saggi sull'economia cinese, sul lavoro minorile, sulle attività informali.
Franco Volpi insegna Economia dello sviluppo nell'Università di Firenze. È autore di volumi e saggi di economia pubblica, politica economica, metodo e storia dell'economia politica, teoria e politica dello sviluppo. La sua più recente pubblicazione su questi ultimi temi con la nostra casa editrice è la monografia: Lezioni di economia dello sviluppo (2003).

Indice


Introduzione
L'aiuto nelle relazioni internazionali
(Le relazioni internazionali; Cooperazione internazionale e aiuto allo sviluppo; Le motivazioni dell'aiuto)
I soggetti dell'aiuto allo sviluppo
(I donatori; Le organizzazioni internazionali e multilaterali; La Cooperazione multi-bilaterale l'Unione Europea; La Cooperazione bilaterale; Le ONG)
La tipologia degli adulti
(Le diverse forme di aiuto; Aiuti bilaterali e multilaterali; Il contenuto degli aiuti; Aiuti per progetto e per programma; Gli aiuti "legati"; Gli aiuti condizionali)
Teorie dello sviluppo e politiche dell'aiuto
(L'aiuto allo sviluppo nella teoria economica; Gli orientamenti delle politiche di aiuto nei primi decenni del dopoguerra; Distribuzione del reddito e povertà: nuovi obiettivi negli anni '70; Gli anni '80: l'epoca dell'aggiustamento; Nuovi orientamenti delle teorie e delle politiche)
Ammontare e destinazione degli aiuti
(Flussi totali di risorse ai PVS e composizione degli aiuti per tipologia; Composizione degli aiuti per obiettivi; Aiuti bilaterali "legati", lotta alla povertà e aiuti a fini politici; Destinazione degli aiuti per aree geografiche e in base al livello di reddito; L'impegno nell'aiuto dei paesi appartenenti al DAC; Dipendenza dall'aiuto dei paesi beneficiari)
Macroeconomia dell'aiuto: i modelli dei gap
(Gli obiettivi dell'aiuto e i vincoli allo sviluppo; Il modello del doppio gap; Il modello dei tre gap; Osservazioni conclusive sulla teoria dei gap)
Fungibilità e condizionalità dell'aiuto
(La fungibilità e condizionalità dell'aiuto
(La fungibilità; Effetti della fungibilità su risparmio e consumo; Fungibilità e allocazione settoriale delle risorse; La condizionalità dell'aiuto)
Gli effetti macroeconomici dell'aiuto
(Effetti diretti e indiretti dell'aiuto; Gli effetti sulla crescita; L'impatto dell'aiuto sulle finanze pubbliche; Gli effetti dell'aiuto sull'indebitamento estero; Gli effetti dell'aiuto sulla struttura dei prezzi e il tasso di cambio; L'impatto dell'aiuto sull'investimento del settore privato; L'aiuto legato e i suoi effetti)
Microeconomia dell'aiuto
(L'approccio microeconomico; Effetti degli aiuti sul comportamento dei soggetti; Aiuti e istituzioni; La valutazione degli effetti dei progetti; Limiti dell'analisi costi-benefici)
L'aiuto e la liberalizzazione degli scambi internazionali
(La proposta di un Nuovo Ordine Economico Internazionale e il suo fallimento; Liberalizzazione e globalizzazione; "Trade not aid"?; Gli effetti della liberalizzazione; Effetti della liberalizzazione sulla crescita e sulla povertà; Qualche conclusione)
L'aiuto e la lotta alla povertà
(La nuova enfasi sulla povertà nelle politiche di aiuto; Definizioni e misurazione della povertà; Cause della povertà; Le politiche per combattere la povertà; La realtà dell'aiuto alla lotta alla povertà)
Qualche conclusione: quale aiuto per quale sviluppo?
(L'aiuto ha aiutato lo sviluppo?; L'ambiente istituzionale come condizione dell'efficacia dell'aiuto; Errori e limiti delle politiche di aiuto; Qualche considerazione sulla riforma delle politiche di aiuto)
Giovanni Canitano, Il sistema delle Nazioni Unite, la cooperazione dell'Unione Europea e le principali organizzazioni internazionali
Giovanni Canitano, I Millennium Development Goals, obiettivi e indicatori
Franco Viciani, Il programma alimentare mondiale
Giovanni Canitano, Dalla crisi del debito estero all'iniziativa HIPC
L'indice di povertà (Human Poverty Index, HPI)
Targeting: gli interventi di sicurezza alimentare
Tipologie di aiuto: esempi per paesi donatori (Italia, Norvegia, Usa) e per paesi beneficiari (Bangladesh, Bolivia, Etiopia)
Bibliografia.