Il conciliatore professionale. Attitudini, competenze e tecniche operative
Autori e curatori
Contributi
Maria Mangeri, Giuseppe Nardiello
Collana
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 208,      1a edizione  2010   (Codice editore 1060.186)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856824674

In breve
Per effetto della L. 69/2009 la conciliazione si sta diffondendo, per le controversie di ambito civile e commerciale, anche in Italia. Questo è il primo libro che spiega che attitudini e quali competenze deve possedere il conciliatore. Il testo accompagna il lettore ad acquisire le tecniche più efficaci e ad assumere quella mentalità di apertura, disponibilità e ascolto necessaria per diventare un conciliatore.
Utili Link
Avvenire è Lavoro Che fa concilia? (di Lara Liberti)… Vedi...
Italia Oggi Recensione (di Federico Unnia)… Vedi...
Presentazione del volume

Per effetto della L. 69/2009 la conciliazione - "procedimento volontario di negoziazione facilitata" - si sta diffondendo, per le controversie di ambito civile e commerciale, anche in Italia. A condurre le "parti" verso l'accordo saranno i conciliatori.
Ma che ruolo svolge il conciliatore professionale? Che attitudini deve possedere e quali competenze deve acquisire?
Scritto con un taglio operativo ricco di riferimenti pratici, il testo accompagna il lettore attraverso un percorso formativo che, passo dopo passo, lo aiuterà non solo ad acquisire le tecniche più efficaci da utilizzare in un setting conciliativo, ma soprattutto ad assumere quella mentalità di apertura, disponibilità e ascolto (così lontana dalla nostra cultura avversativa), necessaria per diventare un conciliatore.
Con questo percorso - fatto di riflessioni, "porte" da varcare, esempi tratti dall'esperienza, esercizi e test - viene proposta una nuova tecnica del fare conciliazione, creata appositamente per questo setting, che ai classici strumenti della negoziazione e della gestione del conflitto, ne aggiunge alcuni della PNL e del coaching.
La tecnica viene poi "sistematizzata" nel primo modello della conciliazione, strutturato in fasi successive, che guidano il professionista attraverso la conduzione dell'incontro, delineando una mappa mentale a cui fare costantemente riferimento.
Completano il volume una fondamentale parte normativa, curata da Maria Mangeri (avvocato e conciliatore), sulla figura del conciliatore dal punto di vista giuridico e un'appendice sulla metodologia ADR, esercizi e test.
Per le sue caratteristiche, il volume si rivolge non solo ai formatori che vogliano trarre spunti per la loro pratica, ma anche a quanti - laureati in discipline legali ed economiche - intendano acquisire le skill di questa nuova figura professionale.

Raffaella Verga, coach certificato dal 2007, consulente e formatrice in ambito organizzativo, si occupa di gestione dei conflitti e team coaching. È docente di corsi di formazione per conciliatori professionali in Prodest s.c.a.r.l., Ente Accreditato presso il Ministero della Giustizia per la formazione in materia di Conciliazione.

Indice


Giuseppe Nardiello, Prefazione
Introduzione. Conflitto e conciliazione; mondo odierno e norme giuridiche
Che cos'è la conciliazione
(La cultura conciliativa da un punto di vista sociologico; La mentalità conciliativa; L'habitus: come favorirlo; La visione win-win; Il setting conciliativo; La comunicazione conciliativa: alcune premesse)
Chi è il conciliatore
(Le attitudini e le competenze; Il conciliatore e io conflitto; Il percorso: le sette porte per assumere una mentalità conciliativa; Gli stili conciliativi)
Che cos'è il conflitto in conciliazione
(Entrare nel conflitto; La gestione del dissenso e del disaccordo; Il conflitto è nella testa di chi lo vive: l'importanza della percezione; Gli elementi caratterizzanti del conflitto: conoscerli per gestirli; Le proprietà transitive e l'escalation del conflitto; La check list del conflitto)
Le tecniche di gestione del conflitto in conciliazione
(L'arte di ascoltare: ascolto attivo, empatico, partecipativo e contestuale; L'arte maieutica: le domande aperte (di scoperta) circolari, di riformulazione; Il brainstorming: cos'è, come e quando utilizzarlo; Riconoscimento e blocco delle distorsioni della percezione; La minaccia sempre attiva dell'interpretazione: come bloccare il fenomeno; Calibrazione e ricalchi: cosa sono, a cosa servono, come e quando utilizzarli; La "zona del possibile" accordo)
Le sei fasi (momenti) della conciliazione
(Accoglienza e presentazione; Esplorazione; Focusing; Colloqui individuali; La zona di possibile accordo; Chiusura e formalizzazione dell'accordo)
Il modello della conciliazione
(Il primo modello di conciliazione: "Il modello 5836"; Esercitazione consigliata; Modalità di lavoro durante l'esercitazione; Role play consigliati; Un esempio di role play giocato e commentato: iniziamo a orientarci)
La cornice normativa
La figura del conciliatore nella normativa precedente alla L. 69/2009
(Origini dell'istituto della conciliazione; La conciliazione nel diritto del lavoro; Il tentativo obbligatorio previsto dalla L. 192/98 nei contratti di sub fornitura; I riti societari di cognizione sommaria e la conciliazione; Il codice del consumo; Il diritto di famiglia ed il ruolo particolare del conciliatore: il mediatore; La conciliazione nel settore agrario; Conciliazione e telecomunicazioni)
Gli aspetti giuridici della nuova figura professionale
(La legge delega n. 69 del 18 giugno 2009; Ambiti applicativi della conciliazione; La cultura legale: ruolo dell'avvocato; La cultura conciliativa; Le due culture a confronto; La conciliazione in sede privata e la conciliazione c.d. amministrativa)
Panoramiche attuali e scenari futuri
(Applicazioni pratiche; Il nuovo processo civile e la condanna alle spese; La conciliazione internazionale; La risoluzione delle controversie ondine (ODR))
Appendici
(La Metodologia ADR; Test PCSI sugli stili conciliativi; Scheda di autopercezione; Esercizi percettivi; Soluzione del gioco "Il texano geloso")
Bibliografia.