Quartieri e città del Novecento. Da Pessac a Carbonia. La tutela del patrimonio urbano moderno
Autori e curatori
Contributi
Antonello Sanna
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 224,      1a edizione  2010   (Codice editore 80.48)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856825022

In breve
Il volume, affrontando l’irrisolta dialettica tra conservazione e modificazione dell’architettura moderna, indaga le trasformazioni della città del Novecento, dall’esperienza dei nuovi quartieri residenziali alle città di fondazione, dalle città-giardino alle company-town, dai villaggi agricoli ai sistemi territoriali programmati delle bonifiche e delle riforme agrarie. Numerosi casi studio consentono di evidenziare alcune problematiche di fondo del complesso intervento sul patrimonio diffuso moderno.
Presentazione del volume

La tutela del patrimonio diffuso moderno occupa oggi uno spazio crescente nel più ampio dibattito del restauro dell'architettura moderna. Se ogni testimonianza del passato, anche quella minore, assume un ruolo centrale nella definizione dell'ambiente storico e del contesto culturale di una società, l'urbanistica del novecento ritrova nell'ambito della tematica del recupero urbano un nuovo significato.
Negli ultimi anni, infatti, molteplici sono stati i contributi e le sperimentazioni su pratiche e metodi per la tutela e la valorizzazione di questo patrimonio culturale. Il riconoscimento del valore storico si scontra, però, con il sostanziale disinteresse per gli oggetti prodotti dalla cultura industriale: la dimensione, anche numerica, la questione dell'efficienza dei materiali tendente a diminuire nel tempo, l'obsolescenza funzionale, gli usi e le pratiche degli abitanti, con modificazioni spesso eterogenee e spontanee, rischiano di sottrarre la città del novecento dal campo della tutela, considerato che già nel 1965 un terzo degli edifici moderni nel mondo risultavano distrutti, mentre altri avevano subito alterazioni più o meno significative.
L'irrisolta dialettica tra conservazione e modificazione dell'architettura moderna, e la naturale aspirazione delle società, soprattutto di quella occidentale, alla costruzione delle identità culturali attraverso gli oggetti della memoria, sono i termini entro i quali collocare questo lavoro. Il divenire della città costringe, allora, ad esplorare il senso e l'efficacia delle azioni sul patrimonio diffuso moderno in un'ottica nuova ed aperta, in una prospettiva che riconcilia la conservazione con l'innovazione e la modificazione. Ciò induce a riconsiderare il significato di tutela come modificazione progettata del patrimonio, espressione di una possibilità plurale ed aperta che ha il compito di difendere, proteggere, curare, portare avanti.
Questo libro indaga le trasformazioni della città del novecento, dall'esperienza dei nuovi quartieri residenziali alle città di fondazione, dalle città-giardino alle company-town, dai villaggi agricoli ai sistemi territoriali programmati delle bonifiche e delle riforme agrarie. Un argomento studiato attraverso un selezionato numero di casi che consentono di evidenziare alcune problematiche di fondo del complesso intervento sul patrimonio diffuso moderno: da Pessac a Carbonia, ogni esperienza documenta differenti modalità progettuali, procedure e sistemi normativi, con l'obiettivo di fornire un quadro conoscitivo articolato delle pratiche in atto e delle questioni teoriche e metodologiche ancora aperte.

Giorgio Peghin, architetto e dottore di ricerca, è docente a contratto del Laboratorio di Progetto e Costruzione presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Cagliari. Dal 2002 al 2007 è stato redattore della rivista di architettura Parametro. È autore e curatore di testi e studi sull'architettura moderna e sul recupero dell'edilizia residenziale del novecento, tra i quali le monografie Carbonia. Città del novecento (2009), Architettura sacra e città di fondazione in Sardegna (2007) e Nuove città tra le due guerre. L'esperienza del moderno in Sardegna (2001).

Indice


Antonello Sanna, Prefazione
Introduzione
Il patrimonio urbano del novecento. Difficoltà e prospettive per la tutela della città moderna
La città in mostra. Il Weissenhof di Stoccarda e la Werkbundsiedlung di Vienna
Abitare il moderno. La Cité Frugès a Pessac
I quartieri del moderno. Conservazione, modificazione, identità
Città giardino e company town. La tutela della città estensiva moderna
Strategie e regole per la città moderna. Ivrea e Le Havre
Città di fondazione e paesaggi moderni. Il riconoscimento dei patrimoni urbani diffusi
Progetto Carbonia. La tutela della città di fondazione
Riferimenti bibliografici.