Il soggetto nei contesti traumatici
Contributi
Giuseppe Moccia, Giovanni Meterangelis, Cristiana Pirrongelli, Luigi Solano, Sergio Bordi, Giovanna Goretti, Stephen Seligman, Basilio Bonfiglio, Vittorio Lingiardi, Francesco Gazzillo, Antonello Correale, Anna Maria Nicolò, Mario Rossi Monti
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 208,      1a edizione  2010   (Codice editore 1215.5.1)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 31,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856830224
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856828825
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Alcuni tra i più validi psicoanalisti italiani contemporanei ragionano di un tema – la concezione del trauma e le origini del disturbo mentale - tornato oggi di rilevante attualità, per ragioni sociali e scientifiche.
Presentazione del volume

Nella tradizione psicoanalitica la concezione del trauma e dei suoi effetti patogenetici nel funzionamento mentale e nello sviluppo dell'individuo è stata a lungo questione controversa e di difficile soluzione unitaria nella diversa enfasi assegnata al ruolo giocato dalla realtà esterna o dalla realtà interna, dalla realtà oggettiva o dalla fantasia, dall'evento o dall'esperienza.
Il tema è tornato oggi di attualità per ragioni sociali e scientifiche: la persistenza nel mondo contemporaneo della violenza sulle donne e sui bambini, dell'intolleranza, della tirannia del più forte, della miseria e della mancanza di tutela dei deboli, ha riproposto alla coscienza delle opinioni pubbliche progressiste occidentali la crisi del sistema delle garanzie sociali e l'universalità dei fenomeni di scissione e negazione dell'umano alla base di quanto Freud definì "la follia dell'uomo".
Il tema del trauma riguarda anche quello più generale di una concezione eziopatogenetica del disturbo mentale che, nella dialettica fra influenze ambientali e determinanti istintuali, eviti sia i rischi di riduzionismo biologico sia i rischi di un ambientalismo ingenuo.
Il volume raccoglie una serie di contributi recenti su questi temi da parte di alcuni tra i più validi psicoanalisti italiani contemporanei, oltre ad una elaborazione particolarmente significativa di Steven Seligman, che è stato ospite del Centro di Psicoanalisi Romano nel 2008, e ad uno storico lavoro (1998) di Sergio Bordi, recentemente scomparso; lavoro che può considerarsi in qualche modo un capostipite e una cornice rispetto agli altri.
I diversi lavori si dispongono lungo una linea che si snoda dalle teorie generali sul trauma ed i legami che ne originano (Bordi, Goretti, Seligman) all'incontro con il trauma quando lo ritroviamo, a distanza di anni, nella situazione clinica (Bonfiglio, Lingiardi-Gazzillo), fino ai rapporti tra trauma, psicosi, patologie borderline (Correale, Nicolò, Rossi Monti).

Il Centro di Psicoanalisi Romano è una delle due Sezioni romane della Società Psicoanalitica Italiana, componente dell'International Psychonalytical Association. Ha la funzione di promuovere la ricerca, l'aggiornamento, la diffusione della psicoanalisi nei suoi aspetti teorici e clinici. La curatela del volume è stata affidata a Giovanni Meterangelis, Giuseppe Moccia, Cristiana Pirrongelli, Luigi Solano.

Indice


Giuseppe Moccia, Prefazione
(Attualità del trauma; Fenomenologia e psicodinamica del trauma; Freud e le due teorie del trauma; Trauma, sentimento di sé e senso di realtà; Bibliografia)
Giovanni Meterangelis, Cristiana Pirrongelli, Luigi Solano, Introduzione
Parte I. Teoria del trauma e genesi dei legami traumatici
Sergio Bordi, Trauma e abusi infantili: teorie della dissociazione e teorie della rimozione
(Bibliografia)
Giovanna Goretti, Concezioni dell'uomo e teorie del trauma
("Andare all'oggetto" (Green, 1985); I simboli dell'evento separativo: fort-da, baby o-o-o, x; x+y, x+y+z; Situazioni diverse relative alla qualità catastrofica del sentirsi perso; Bibliografia)
Stephen Seligman, Identificazione proiettiva e asimmetrie coercitive nelle interazioni bambino-genitore: un'applicazione convergente degli approcci kleiniano e intersoggettivista
(Pasicoanalisi kleiniana: assunti centrali e psicologia bipersonale; Infant observation research e pensiero clinico psicoanalitico: uno sfondo selettivo; Applicazioni cliniche e teoriche: asimmetrie patologiche nelle interazioni bambino-genitore traumatiche e il concetto di identificazione proiettiva; Illustrazione di un caso: Daniel e suo padre, all'età di tre giorni; Identificazioni proiettive e asimmetrie coercitive nel primo sviluppo: fantasie, strutture interattive non-verbali e trasmissione intergenerazionale del trauma; Alcune implicazioni teoriche e cliniche relative all'integrazione della ricerca osservativa genitore-bambino con concetti kleiniani; Riconoscimento e pensiero auto-riflessivo nei processi evolutivi e clinici: verso un'integrazione dei modelli post-kleiniani e intersoggettivisti sul trauma precoce e la psicopatogenesi; Implicazioni cliniche del considerare le "identificazioni proiettive" degli adulti come ripetizioni di relazioni coercitive nella prima infanzia; Conclusione; Bibliografia)
Parte II. Ripetizioni e riparazioni delle memorie traumatiche nella stanza d'analisi
Basilio Bonfiglio, I vincoli delle situazioni traumatiche alla costruzione della soggettività
(Modelli di sviluppo; Ambiente. Funzionamento diadico; Una vicenda clinica; Funzioni dell'analista; Cos'è traumatico?; Bibliografia)
Vittorio Lingiardi, Francesco Gazzillo, Terrore della speranza e umanizzazione nell'analisi di due pazienti traumatizzati
(Note di background teorico; Due esemplificazioni cliniche: Giancarlo e Giovanna; Conclusioni; Bibliografia)
Parte III. Trauma e vie di ingresso nella psicosi
Antonello Correale, Borderline: come differenziarsi dall'oggetto traumatico?
(Introduzione; La relazione traumatica; Il senso di vuoto; La speranza; Il trattamento analitico; Bibliografia)
Anna Maria Nicolò, Esordi: come sopravvivere ad un funzionamento traumatico
(Quale trauma per il breakdown?; Quali traumi per il breakdown?; Le difese post-traumatiche; Modalità perverse per esistere; Curarsi nell'altro; Conclusioni; Bibliografia)
Mario Rossi Monti, Trauma e deliri transitori borderline
(Tre domande; I borderline delirano? E se sì, come?; Questa non è una pipa; Quale funzione svolge il delirio borderline?; Trauma e traumaticità borderline; Bibliografia)
Gli autori.





  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Pubblicità