Ambienti per lo sviluppo professionale degli insegnanti. Web 2.0, gruppo, comunità di apprendimento
Contributi
Paolo Lorenzi, Manuela Repetto, Guglielmo Trentin
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  2010   (Codice editore 431.3.1)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856835557
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856842043
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
I risultati di una ricerca sull’uso didattico delle tecnologie per sviluppare ambienti di apprendimento nella realtà scolastica della Provincia di Bolzano di lingua italiana. L’enfasi è stata posta sulla possibilità di sviluppare negli insegnanti competenze di progettazione relative all’integrazione delle tecnologie nella vita della classe. Il testo presenta quindi un’attività di formazione, svolta da un gruppo di insegnanti, intesa a utilizzare le forme innovative offerte dagli strumenti del web 2.0.
Presentazione del volume

Il testo presenta i risultati di una ricerca promossa dalla Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano. Una prima fase ha portato a un´indagine sull´uso didattico delle tecnologie per sviluppare ambienti di apprendimento nella realtà scolastica della Provincia di Bolzano di lingua italiana.
L´enfasi infatti è stata posta sulla possibilità di sviluppare negli insegnanti competenze di progettazione relative all´integrazione delle tecnologie nella vita della classe. I risultati hanno restituito alcune evidenze: l´interpretazione che viene data all´uso delle tecnologie dell´apprendimento; il bisogno di formazione non solo di tipo tecnologico ma capace di incidere sulle pratiche del fare scuola; la necessità di costituire un ambiente professionale di riflessione continua.
Una seconda fase ha realizzato un´attività di formazione svolta da un gruppo di insegnanti coordinati dal gruppo di referenti per le Tecnologie dell´Informazione e della Comunicazione della Sovrintendenza Scolastica Italiana della Provincia di Bolzano, intesa a utilizzare le forme innovative offerte dagli strumenti del web 2.0.
Tale attività, realizzata dall´ITD, Istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR di Genova, si è sviluppata in un ambiente esteso in presenza e a distanza, intercettando quindi i bisogni di sviluppo della comunitá professionale. La pluralità di risorse messe a disposizione dal Web 2.0, aprendo nuovi orizzonti sull'uso didattico-educativo delle tecnologie informatiche e della comunicazione in ambito scolastico, promuove l'esigenza di aiutare i docenti a scoprire questo nuovo universo con azioni sperimentali finalizzate a un avvicinamento graduale, autonomo e consapevole al Web 2.0.

Monica Parricchi è ricercatore in Pedagogia generale e sociale presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano. Le tematiche sulle quali è impegnata riguardano la dimensione dell'e-learning quale ambiente e filosofia formativa, sia in ambito scolastico che nella formazione continua, di insegnanti e risorse umane nelle organizzazioni. Inoltre si occupa da anni di ricerche inerenti alla professionalità docente e alla dirigenza educativa.
Piergiuseppe Ellerani è ricercatore in Pedagogia generale e sociale presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano. Dagli inizi degli anni '90 si occupa di ricerca sull´apprendimento cooperativo e delle sue diverse modalità di applicazione in ambienti di tipo costruttivista, di valutazione per l´apprendimento, della Scuola come comunità di apprendimento e di pratica e di modelli formativi per l´innovazione.

Indice


Piergiuseppe Ellerani, Monica Parricchi, Introduzione
Quadro teorico
Piergiuseppe Ellerani, Web 2.0 contesto per l'apprendimento continuo dicomunità professionali?
(La prospettiva della scuola come comunità di apprendimento professionale; Le teorie dell'apprendimento adulto nella comunità di apprendimento professionale; Condizioni per uno sviluppo professionale efficace degli insegnanti nell'apprendimento continuo (lifelong learning); Modelli per lo sviluppo professionale e continuo degli insegnanti; Il web 2.0 come estensione e sostegno della comunità professionale di apprendimento (continuo) e di qualità; Formazione 2.0: la scuola ripensata attraverso il web; Questioni aperte)
Guglielmo Trentin, Le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione nel panorama del web2.0 oggi
(La questione chiave; La scuola come una e non unica fonte di sapere; Un solco che si sta sempre di più divaricando; I luoghi dell'insegnamento supportato dalle tecnologie; Da insegnante a insegnante 2.0; La consapevolezza dei punti chiave su cui si basa l'insegnamento 2.0; Lo sviluppo professionale continuo dell'insegnante 2.0; Riassumendo...)
La ricerca
Monica Parricchi, Prima fase. Un´indagine conoscitiva: competenze e capacità degli insegnanti in merito alle TIC
(Metodologia e disegno di ricerca; Alcune evidenze emerse dall'analisi dei questionari)
Manuela Repetto, Seconda fase. Un percorso evolutivo: Aladin 2.0 e 2.1
(L'approccio adottato; Considerazioni sulla piattaforma utilizzata come ambiente di formazione; I risultati; Conclusioni)
Prospettive: dalle tecnologie, ai processi di apprendimento alle comunità di apprendimento professionale
Paolo Lorenzi, Dieci anni di promozione delle tecnologie nella-Scuola Italiana in Alto Adige
(Dal Programma di Sviluppo delle Tecnologie Didattiche ad Aladin 2.0; Prospettive)
Monica Parricchi, Dalla comunicazione in forum all'essere community
(Evidenze a margine della ricerca; Ricadute e riflessioni; Impressioni ed idee)
Piergiuseppe Ellerani, Tecnologie e didattica: alcune prospettive
(La ricerca. Alcune chiavi interpretative; La prospettiva pedagogiche delle tecnologie in azione nella scuola: co-costruire la conoscenza e formare abitudini mentali; La propensione positiva degli insegnanti: un primo atteggia­mento da trasformare in azione)