L'Unione Monetaria Europea: realtà in crisi e modello di integrazione monetaria regionale
Contributi
Cosimo Magazzino, Marco Mele
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 224,      1a edizione  2013   (Codice editore 365.1008)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820423988
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820459772
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
I risultati di una ricerca sull’Unione Monetaria Europea: luci e ombre dell’UME nel suo ruolo di modello di integrazione monetaria regionale per le aree economiche del Gulf Cooperation Council, dell’ASEAN e dell’Africa Occidentale. Una serie di insegnamenti utili per le potenziali unioni monetarie del pianeta, per gli stati membri dell’UME e per quelli che si preparano ad aderirvi dopo la grande crisi finanziaria mondiale.
Presentazione del volume

Il volume raccoglie i risultati di una ricerca sull'Unione Monetaria Europea (UME) svolta da Cosimo Magazzino, Olga Marzovilla, Marco Mele e Gian Cesare Romagnoli sulle luci e le ombre dell'Unione Monetaria Europea nel suo ruolo di modello di integrazione monetaria regionale per le aree economiche del Gulf Cooperation Council, dell'ASEAN e dell'Africa Occidentale. Da questa ricerca si possono trarre insegnamenti utili per le potenziali unioni monetarie del pianeta, per gli stati membri dell'UME e per quelli che si preparano ad aderirvi dopo la grande crisi finanziaria mondiale.
Dopo gli anni di successo iniziale dell'euro, l'impatto della crisi è stato molto diverso per i paesi che presentavano finanze pubbliche compromesse e per quelli con i conti pubblici in ordine. Di fronte alla crisi dell'euro che ha seguito quella finanziaria mondiale, l'UME sembra aver scelto una via di mezzo, volutamente esitante e riluttante, mentre essa può superare la crisi solo se ritrova coerenza di comportamenti e solidarietà tra gli Stati membri. L'analisi economica delle tre diverse aree planetarie di integrazione monetaria conduce gli autori alla conclusione che per il successo dell'unificazione monetaria non sono sufficienti un lungo e meditato processo di gestazione della moneta unica, la costituzione di un solido quadro istituzionale per governarla, l'individuazione di valide regole e parametri che assicurino la convergenza delle dinamiche economiche, ma che è fondamentale anche l'esistenza di una reale volontà di cooperare dei governi dei paesi membri.
Questa volontà non è ancora maturata nelle aree che sono state qui oggetto di studio e ciò fa apparire i loro progetti di unificazione monetaria obiettivi perseguibili in un futuro ancora lontano.

Olga Marzovilla è professore ordinario di Economia politica nell'Università Luspio. Ha insegnato anche nelle Università Sapienza di Roma e Luiss. È vice presidente della Società di Economia, Demografia e Statistica. Ha pubblicato monografie e saggi su temi di economia monetaria internazionale, politica macroeconomia, politica ambientale.
Gian Cesare Romagnoli è professore ordinario di Politica economica nell'Università Roma Tre. Ha insegnato anche nelle Università di Pisa, Urbino, Sapienza di Roma, Firenze. Partecipa a vari progetti di ricerca nazionali e internazionali sulla economica europea.

Indice


Olga Marzovilla, Gian Cesare Romagnoli, Introduzione
Gian Cesare Romagnoli,
L'Unione Monetaria Europea: una realtà tra crisi e successi
(Introduzione; Aree valutarie ottimali e unioni monetarie; Il primo decennio dell'UME; La crisi finanziaria internazionale e la crisi dell'euro; La nuova governance europea; Gli insegnamenti delle alterne vicende dell'euro; Conclusioni; Opere citate)
Olga Marzovilla, L'unione monetaria dei paesi del Gulf Cooperation Countries: problemi e prospettive
(Introduzione; I parametri di Maastricht come modello per l'unificazione monetaria dei paesi del GCC; L'opportunità del modello di Maastricht per i paesi del GCC; La teoria delle aree valutarie ottimali e l'area del GCC; Le condizioni necessarie per la simmetria degli shock; Le condizioni che facilitano l'aggiustamento degli shock nei paesi del GCC; Le economie del GCC non costituiscono un'area valutaria ottimale; Il processo di diversificazione dei paesi del GCC; L'impatto del processo di diversificazione sull'omogeneità delle strutture economiche dei paesi del GCC; Le ragioni per l'anchor peg; Gli effetti inflazionistici del dollar peg; La rilevanza della scelta dell'anchor del sistema dei cambi; Considerazioni conclusive; Opere citate)
Marco Mele, Un'unione monetaria per i paesi ASEAN
(Introduzione; Le teorie delle aree valutarie e la realtà dei paesi dell'ASEAN; La sincronizzazione dei cicli economici: il caso dell'ASEAN; L'integrazione politica e istituzionale; Conclusioni; Opere citate)
Cosimo Magazzino, Le esperienze di unioni monetarie in Africa occidentale
(Introduzione; Una rassegna della letteratura; Indicatori macroeconomici e crescita per WAEMU, WAMZ, ECOWAS; Componenti cicliche e crescita; Gli scambi internazionali; Conclusioni; Appendice: indicatori macroeconomici dei singoli paesi del WAEMU; Opere citate)
Olga Marzovilla, Gian Cesare Romagnoli, Governance, cooperazione e solidarietà: tre fattori necessari per le unioni monetarie
(Il successo dell'euro; La crisi dell'euro; Indicazioni per uscire dalla crisi).