La guerra dei bambini. Gioco, violenza e rito da una testimonianza rinascimentale
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 128,   1a ristampa 2015,    1a edizione  2013   (Codice editore 250.8)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820425913

In breve
Un libro originale rivolto a tutti coloro che sono interessati a esplorare inaspettate valenze educative, sociali e simboliche del gioco, della violenza e del rito nel presente e nel passato.
Presentazione del volume

Nel 2012 presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca gli autori hanno promosso un'innovativa sperimentazione didattica, ideata nel confronto con altri colleghi sulle opportunità e le condizioni del dialogo fra le discipline.
Nel corso di due lezioni congiunte hanno analizzato, secondo i rispettivi punti di vista, la testimonianza risalente al 1499 di un gioco di guerra fra bambini, svoltosi entro una ricca cornice rituale e degenerato in una rissa fra adulti. Per lo storico è stata l'occasione di riconsiderare le pratiche di mobilitazione militare collettiva in una comunità di frontiera ancora vive in un'età nota soprattutto per lo sviluppo degli eserciti professionali, il comportamento aggressivo e il conflitto cerimoniale nel tardo medioevo, dal Carnevale ad altre occasioni festive. Alla pedagogista ha offerto l'opportunità per riflettere sui labili confini dell'esperienza ludica e per provocare il senso comune, ma anche la propria tradizione disciplinare, a proposito della violenza oggi negata nella scuola e in famiglia, per questo tanto più a rischio di riemergere pervertita nella vita del bambino.
Ne è nato un originale libro rivolto a tutti coloro che sono interessati ad esplorare inaspettate valenze educative, sociali e simboliche del gioco, della violenza e del rito nel presente e nel passato.

Francesca Antonacci è ricercatore e docente di Pedagogia del gioco presso il Dipartimento di Scienze umane per la formazione "Riccardo Massa" dell'Università di Milano Bicocca. È tra i soci fondatori dell'associazione Iris (Istituto di Ricerche Immaginali e Simboliche) e fa parte del gruppo di ricerca di pedagogia immaginale. Tra le sue pubblicazioni Condividere la conoscenza, Milano, 2005; TerrAcqua. Schermi immaginali (a cura di), Milano, 2007 e, per questi tipi, Puer ludens, Milano, 2012; Corpi radiosi, segnati, sottili. Ultimatum a una "pedagogia dal culo di pietra" (a cura di), Milano, 2012.
Massimo Della Misericordia è ricercatore e docente di Storia medievale presso il Dipartimento di Scienze umane per la formazione "Riccardo Massa" dell'Università di Milano Bicocca. Si occupa di istituzioni, società e culture locali nel tardo medioevo. A questi temi ha dedicato varie ricerche, fra cui Divenire comunità. Comuni rurali, poteri locali, identità sociali e territoriali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo medioevo, Milano, 2006, e una sintesi recente: The rural communities, in A. Gamberini, I. Lazzarini, a cura di, The Italian Renaissance state, Cambridge, 2012.

Indice


Francesca Antonacci, Introduzione: un'esperienza didattica
Massimo Della Misericordia,
Il gioco consentito
Massimo Della Misericordia, L'immunità ludica
Francesca Antonacci, La cornice ludica
Massimo Della Misericordia, L'iniziazione violenta: le relazioni individuali, l'azione collettiva, la guerra
Francesca Antonacci,
Per un'educazione alla violenza
Massimo Della Misericordia,
Il rito: cerimonie polemiche e conflittualità festiva nelle Alpi centrali
Francesca Antonacci,
Gioco, sacro e violenza
Francesca Antonacci, Il gioco vietato
Bibliografia.



Pubblicità