La scuola secondaria in Italia. Ordinamento e programmi dal 1859 ad oggi
Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 192,   1a ristampa 2018,    2a edizione, aggiornata  2014   (Codice editore 292.2.143)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820498672

In breve
Il volume ricostruisce le trasformazioni dell’assetto ordinamentale delle scuole secondarie e dei loro contenuti disciplinari, nella convinzione che tale storia rappresenti un tassello quanto mai costitutivo della più ampia storia della scuola, materia complessa proprio perché inter-poli-transdisciplinare.
Utili Link
Società e Storia Recensione (di Umberto Chiaramonte)… Vedi...
Presentazione del volume

Oggetto di numerosi tentativi di riforma, talvolta riusciti, più spesso mancati, la scuola secondaria riveste da sempre, non solo in Italia, una posizione strategica nella formazione delle giovani generazioni e nel loro accesso al mondo delle professioni e degli studi superiori. Dalla legge Casati (1859) ad oggi essa ha costituito non solo un significativo vettore di cultura e scienza fra le generazioni, prima (e molte volte unica) forma di alfabetizzazione professionale, ma anche un 'tempio' rilevante di costruzione delle future classi dirigenti nazionali.
Concepito come un excursus storico sulla legislazione in materia, il volume ricostruisce le trasformazioni dell'assetto ordinamentale di questo importante grado di scuole e dei loro contenuti disciplinari, nella convinzione che tale storia rappresenti un tassello quanto mai costitutivo della più ampia storia della scuola, materia complessa proprio perché inter-poli-transdisciplinare.
Il testo, nato per la formazione universitaria, si rivolge a tutti coloro che operano e opereranno nel mondo dell'istruzione, ma anche a chi è chiamato a studiarne, sotto svariati punti di vista, il vissuto quotidiano. Il repertorio normativo ragionato, vero cuore del lavoro, è preceduto da uno scorcio critico di carattere storico e storiografico sull'argomento, così che il libro si presenta come uno strumento di facile consultazione per quanti vivono da attori o anche solo da spettatori consapevoli una realtà in rapido e costante mutamento.

Matteo Morandi, dottore di ricerca in Storia e poi in Istituzioni, idee, movimenti politici nell'Europa contemporanea, è cultore della materia di Pedagogia e Storia della pedagogia presso l'Università di Pavia. Studioso di storia delle istituzioni educative italiane e delle politiche municipali in tema d'istruzione, ha pubblicato, tra l'altro, Lezioni di cose, lezioni di immagini. Percorsi di riflessione e studi di caso nella scuola italiana tra XIX e XXI secolo (con M. Ferrari ed E. Platé, Parma 2011), Formare alle professioni. Commercianti e contabili dalle scuole d'abaco ad oggi (a cura di, Milano 2013) e Cremona civilissima. Storia di una politica scolastica (1860-1911) (Pisa 2013).

Indice


Introduzione
(La storia della scuola come pensiero e come azione; Itinerari storiografici sulla secondaria nell'Italia unita; Dalla legge Casati alla riforma Gelmini: una storia in sei quadri; Due considerazioni conclusive: microscene semantiche e culture scolastiche)
Evoluzione normativa
(Avvertenza e abbreviazioni; Parte prima. L'era casatiana, 1859-1923; Parte seconda. La riforma Gentile e il fascismo, 1923-1944; Parte terza. La scuola postfascista e repubblicana: democrazia, partecipazione, autonomia, 1944-2013)
Quadri sinottici
(L'era casatiana, 1859-1923; La riforma Gentile e il fascismo, 1923-1945; La Prima Repubblica, 1945-2003; Recenti riforme, 2003-2013)
Prospetto diacronico dei rami d'istruzione
Testi citati
Indice tematico.



Pubblicità