La città che cammina. Per una sociologia del corpo metropolitano
Autori e curatori
Contributi
Nicola Porro
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 144,   1a ristampa 2015,    1a edizione  2014   (Codice editore 1569.9)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 17.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891705129

In breve
La camminabilità della città, la sua fruibilità mediante il cammino, costituisce una risorsa disponibile per il ripensamento urbanistico reso necessario dalla grande crisi, sapendo che non ci sarà un ritorno al passato ma uno sviluppo sociale collettivo. In questa prospettiva la ricerca con tecnica Delphi riportata nel volume nasce dal convincimento che camminare nella città sia un esercizio di libertà, per tutti.
Utili Link
Alias L'arte di dimenticata del camminare (di Pasquale Coccia)… Vedi...
Presentazione del volume

Camminare conviene. Questo libro si propone di spiegare il perché. Conviene sotto molti punti di vista: è un'attività fisica di tutto rispetto, favorisce le relazioni, vivifica la città, concorre a risolvere traffico e inquinamento, aumenta la sicurezza dei cittadini, realizza il diritto a una cittadinanza più ampia, apre la strada all'introspezione, permette la migliore conoscenza dell'ambiente e di se stessi, genera salute.
Camminare costituisce la giusta misura, il parametro per definire il grado di attenzione che la città dedica alle persone, l'amministrazione ai cittadini, la politica alla polis e alla comunità. È un obiettivo alto, un orizzonte di riferimento; un programma vasto, ambizioso eppure obbligato se si vogliono ridefinire i modi di vivere la città in chiave di sostenibilità, ambientale e civile. Accoglie finalmente anche il principio della sostenibilità della pratica motoria in relazione al corpo, alle persone nel loro stato, nelle diverse stagioni della loro esistenza. Si evidenzia meglio, quindi, il nesso tra ambiente urbano, socialità, soggettività, fino al configurarsi di una prospettiva sincretica. Intorno al corpo metropolitano si gioca una sfida notevole per le scienze sociali e per la cultura del movimento.
La camminabilità, ovvero la fruibilità della città mediante il cammino, costituisce una risorsa disponibile per la rigenerazione urbana resa necessaria dalla grande crisi, nella consapevolezza che non è possibile un ritorno al passato, né lo sarà mai. Dalla crisi si uscirà sviluppando la società, gli esseri umani, le istituzioni: tutti insieme. In questa prospettiva la ricerca riportata nel volume - svolta con tecnica Delphi - nasce dal convincimento che camminare nella città sia un autentico esercizio di libertà, per tutti.

Giulio Bizzaglia è PhD in Scienze dello sport, docente di Sociologia dello sport presso l'Università di Roma "Tor Vergata", incaricato di insegnamenti sociologici presso l'UCSC, sede di Roma. È autore del neologismo sportpertutti; ha innescato il filone di ricerca sugli indysciplinati (ovvero i disciplinati e indipendenti attori postmoderni delle pratiche motorie non istituzionali). Da alcuni anni ha centrato la sua attività di studio e ricerca sul cammino e sulla camminabilità delle città. Per i nostri tipi ha pubblicato "Tre tricicli" sul numero monografico Sport e salute della rivista "Salute e società" (a. 7, n. 2, 2008), curato da Nicola Porro e Sergio Raimondo.

Indice


Nicola Porro, Presentazione
Prefazione
Introduzione
Camminare festina lente
(Un problema aperto per le Scienze dello sport; Sport, movimento, attività fisica, cammino; Il rischio dell'insignificanza; I numeri per capire; Le scienze sociali, il corpo, la città; Le connessioni del camminare: il capitale sociale; La causale urbana; La strada come spazio sociale; Conclusione: un paradigma aperto)
La città camminabile. Uno scenario per il prossimo futuro: i risultati della ricerca Delphi
(Perché un'indagine sul cammino; Il panel; I risultati: lo scenario secondo i diversi temi d'indagine)
Conclusioni
(Una tassonomia minima; Una strada per la cultura del movimento; La fine è l'inizio9
Appendice
(Nota metodologica; Risultati del 2° Round Delphi: obiettivi generali dello scenario e azioni concrete per la loro realizzazione; Commenti)
Bibliografia e sitografia di riferimento
Indice dei nomi (concetti e autori).