Educare e ricercare. Oltre la fine della pedagogia nella cultura contemporanea
Autori e curatori
Contributi
Rossana Brambilla Brambilla, Michela Brugali, Alessandra Buzzanca, Simona Faucitano, Sandro Mandrini, Andrea Marchesi, Jole Orsenigo, Massimiliano Potenzoni, Giorgio Prada, Fabio Ramella, Gisella Rossini, Gabriella Vaccaro
Livello
Textbook, strumenti didattici. Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 238,   2a ristampa 2017,    1a edizione  2015   (Codice editore 565.1.3)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891705877

In breve
Quale che sia la posizione da cui si indaga l’educazione, porsi continue domande di ricerca e imparare a «pensare il disordine» emergono come competenze pedagogiche trasversali delle professioni educative contemporanee.
Presentazione del volume

Questo testo è frutto dell'interesse condiviso in un gruppo di pratici e teorici dell'educazione a rinnovare lo sguardo sul lavoro educativo come oggi si presenta. Lungi infatti dall'essere soppiantato da esigenze altre, esso è però mimetizzato e nascosto da istanze che lo rendono irriconoscibile: solo un paziente lavoro di ricerca può portarlo alla luce, riattrezzando uno sguardo pedagogico. Per questo è nato il Laboratorio permanente "Il lavoro educativo: professione e formazione" del Centro Studi Riccardo Massa.
Le ricerche che il Laboratorio ha realizzato nel suo primo progetto (2011- 2013) hanno permesso di leggere pratiche plurali da cui l'educazione emerge di volta in volta come pratica che dà ancora senso al desiderio professionale delle nuove generazioni di educatori; fondale di progetti culturali dedicati ai giovani, o reticolo di significati tesi tra servizi educativi formali e agenzie informali come le famiglie; terreno comune di azione professionale ma anche di coabitazione multiculturale nella costruzione di équipe multidisciplinari; luogo di difficile equilibrio tra l'istanza progettuale e quella di documentazione e valutazione; esperienza di qualità nelle riflessioni di attori educativi sociali del territorio e infine esperienza di secondo livello in cui, grazie al consulente pedagogico, genitori, figli, insegnanti e educatori si possono permettere di riflettere su pratiche e criticità dell'agire educativo.
Alla fine del percorso, si tratteggia anche una possibile risposta alla domanda intorno al nucleo costitutivo del lavoro educativo: che cosa fa l'educatore professionale? E il pedagogista?
Quale che sia la posizione da cui si indaga l'educazione, porsi continue domande di ricerca e imparare a "pensare il disordine" si definiscono sempre più come competenze pedagogiche trasversali delle professioni educative contemporanee, necessarie per sapere e poter "leggere", "scrivere" e "rendere conto" di esperienze educative di qualità.

Paola Marcialis è pedagogista, socia fondatrice dell'Associazione Centro Studi Riccardo Massa e referente del Laboratorio permanente "Il lavoro educativo: professione e formazione". Docente a contratto presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione Riccardo Massa dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca, tra le sue pubblicazioni ricordiamo L'Arte della domanda. Il linguaggio sulla scena della Clinica della formazione (FrancoAngeli, 2005).

Indice

Paola Marcialis, Svelare il visibile. Introduzione a un percorso di ricerca e ai suoi risultati
Parte I. Come nasce un laboratorio di ricerca
Giorgio Prada, Jole Orsenigo, Simona Faucitano, Paola Marcialis, Ritrovare lo sguardo pedagogico. Uno, nessuno, centomila ruoli per l'educatore
Jole Orsenigo,
"Politiche dell'amicizia". Ricercare insieme secondo l'atteggiamento clinico
Giorgio Prada,
Approfondimento. Tratti & Trazioni nel lavoro educativo
Paola Marcialis,
Esercizi di distanza e posture di ricerca: l'educatore al lavoro tra sapere situato e nuove strategie di costruzione della conoscenza
Simona Faucitano, Approfondimento. Topos e Polemos
Parte II. L'educatore non è solo un esecutore. I risultati delle ricerche
Paola Marcialis, Ricercare non è per tutti?
Andrea Marchesi, L'educatore e il lavoro del desiderio. Professionalità educativa e mondo della vita: come cambia il lavoro dell'educatore in età adulta
Gisella Rossini, Project Management. La progettazione educativa individualizzata tra prassi e rappresentazione
Alessandra Buzzanca, Per lasciar traccia. I cinque punti cardine dell'area residenziale come presidio del portato educativo dei suoi servizi: quali sono e cosa regolano
Massimiliano Potenzoni,
Fabio Ramella, L'educatore professionale e il lavoro con i giovani. L'esperienza del progetto "Notturno Giovani", laboratorio di politiche socioeducative e giovanili
Sandro Mandrini,
Famiglia/famiglie
Rossana Brambilla, Gabriella Vaccaro, Educatori in ricerca di qualità. Indagare la percezione del lavoro educativo
Michela Brugali,
La consulenza pedagogica: tra identità e ruolo. Professione contemporanea
Paola Marcialis,
Gli educatori al lavoro su due tavoli. Come riaprire il lavoro nei servizi, negli interventi e nei progetti educativi
Gli autori.