Il processo di trasformazione della responsabilità dei pubblici dipendenti

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 664,      1a edizione  2014   (Codice editore 1801.25)

Il processo di trasformazione della responsabilità dei pubblici dipendenti
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 50.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891709899
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 35.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891719799
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Il lavoro si propone di indagare sulla responsabilità amministrativa, indicando le prospettive alle quali può andare incontro l’istituto della responsabilità che, per caratteristiche strutturali, è connotato da un elevato valore di dinamicità. Lo scarno, sintetico e a volte poco coordinato quadro normativo, infatti, amplifica al massimo l’attività interpretativa della magistratura che, di fatto, è padrona assoluta della materia.

Presentazione del volume

La responsabilità amministrativa ha natura risarcitoria o sanzionatoria?
Le società ed i privati cittadini possono essere assoggettati al giudizio di responsabilità? Da quale momento decorre la prescrizione dell'azione di responsabilità? Cosa si intende per danno pubblico? Quali sono gli elementi idonei a qualificare come grave la condotta dell'amministratore e del dipendente pubblico? Il giudice contabile può sindacare ogni atto pubblico od esiste un ambito riservato, alla pubblica amministrazione, e, dunque, sottratto al giudizio della magistratura contabile? I vantaggi acquisiti dall'amministrazione devono sempre essere conteggiati ai fini della determinazione del danno od esistono, al proposito, delle eccezioni?
Il lavoro si propone di indagare sulle tematiche sopra citate e di indicare le prospettive alle quali può andare incontro l'istituto della responsabilità che, per caratteristiche strutturali, è connotato da un elevato valore di dinamicità. Lo scarno, sintetico e a volte poco coordinato quadro normativo, infatti, amplifica al massimo l'attività interpretativa della magistratura che, di fatto, è padrona assoluta della materia.

Stefano Girella, dirigente pubblico e collaboratore di tsm-Trentino School of Management in qualità di docente di diritto amministrativo, ha pubblicato numerosi articoli su prestigiose riviste giuridiche nazionali (T.A.R., Consiglio di Stato, Rivista della Corte dei conti) e locali (Rivista giuridico-amministrativa per il Trentino - Alto Adige). Attualmente scrive sulle riviste giuridiche del Sole 24 ore (Guida al Pubblico impiego). Ha pubblicato per i nostri tipi: Organismi di diritto pubblico e imprese pubbliche (2010). Nell'attività didattica e scientifica si è sempre occupato dei vari profili della responsabilità amministrativa.

Indice

Presentazione
Evoluzione legislativa in tema di responsabilità di amministratori e dipendenti pubblici
Natura giuridica e caratteri della responsabilità amministrativa
L'inarrestabile ampliamento della giurisdizione contabile: dal pubblico impiegato al privato cittadino
(Introduzione; L'attività di indirizzo della Corte di Cassazione; Il tendenziale allineamento del giudice contabile; Le persone giuridiche pubbliche (enti, associazioni e società) nella giurisprudenza contabile; Conclusioni)
La prescrizione della responsabilità amministrativa
(Il fondamento: certezza del diritto e funzione preventiva; Giurisprudenza erariale e decorrenza della prescrizione; Conclusioni: l'oscillazione del giudice contabile dal principio di conoscenza effettiva a quello di conoscibilità)
Gli elementi costitutivi della responsabilità amministrativa: la particolare configurazione di danno e colpa
(Osservazioni generali in tema di elementi essenziali; Danno ragionieristico-patrimoniale e colpa grave nella giurisprudenza contabile; I danni da lesioni non immediatamente patrimoniali; Progressiva evoluzione della giurisprudenza sui danni "incerti"; Considerazioni finali; Prospettive future)
L'insindacabilità delle scelte discrezionali
(La sottile linea di confine tra discrezionalità e merito; Giurisprudenza di legittimità e confini del sindacato sulle scelte discrezionali; Conclusioni; Il merito amministrativo nelle decisioni erariali: un atteggiamento prudente; Osservazioni di sintesi)
I vantaggi conseguiti dall'amministrazione
(Vantaggi dell'amministrazione e riduzione degli effetti dannosi; Incertezze e riluttanza della magistratura erariale; Valutazioni finali)
Conclusioni
Appendice
(Giurisdizione; Giurisprudenza della Corte di cassazione; Giurisprudenza contabile in tema di assoggettabilità al giudizio di responsabilità: In generale, Sugli enti pubblici economici, Sulle società).



newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi