Storia dell'educazione e delle istituzioni scolastiche nell'Italia moderna
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 360,   2a ristampa 2018,    1a edizione  2015   (Codice editore 1583.2)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 39,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891710604

In breve
La prima parte di una più ampia storia dell’educazione e delle istituzioni scolastiche nell’Italia moderna e contemporanea, destinata a completarsi con la pubblicazione di un volume dedicato ai secoli XIX e XX. Il testo offre una ricostruzione delle principali tappe che hanno contrassegnato l’evoluzione dei modelli educativi e tenta di ‘rileggerne’ taluni passaggi fondamentali alla luce delle categorie interpretative proposte dalla più recente storiografia sociale e religiosa italiana ed europea.
Utili Link
Estudios sobre Educación Recensione (di Javier Laspalas)… Vedi...
ASSR Recensione (di Michel Ostenc)… Vedi...
Presentazione del volume

Il volume costituisce la prima parte di una più complessiva storia dell'educazione e delle istituzioni scolastiche nell'Italia moderna e contemporanea, destinata a completarsi prossimamente con la pubblicazione di un secondo volume dedicato ai secoli XIX e XX.
Il testo intende rispondere a due diverse esigenze, tra loro strettamente correlate: quella di fornire agli studenti dei corsi universitari di scienze della formazione e, più in generale, del settore umanistico una ricostruzione organica e aggiornata di stampo manualistico delle principali tappe e dei molteplici fattori e processi - politici, religiosi, culturali e socio-economici - che hanno contrassegnato l'evoluzione degli indirizzi e dei modelli educativi, le caratteristiche e lo sviluppo delle istituzioni scolastiche e dei processi di scolarizzazione, il diffondersi di nuove pratiche formative e didattiche nel corso della lunga e complessa fase storica che dalla prima età moderna giunge fino al periodo rivoluzionario e napoleonico; e quella di rendere possibile una più ampia ricezione, sul piano didattico, dei nuovi indirizzi e filoni di ricerca nel settore storico-educativo e scolastico e delle acquisizioni della relativa storiografia, nonché di 'rileggere' taluni passaggi fondamentali della storia dell'educazione e della scuola nell'Italia moderna alla luce delle categorie interpretative proposte dalla più recente e accreditata storiografia sociale e religiosa italiana ed europea.

Roberto Sani è professore ordinario di Storia dell'educazione presso il Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo dell'Università degli Studi di Macerata, dove dirige il Centro di studi e documentazione sulla storia dell'Università. Ha fondato e dirige la rivista scientifica internazionale History of Education & Children's Literature (HECL). È autore di diversi volumi e di numerosi saggi e articoli sulla storia dell'educazione e delle istituzioni scolastiche in epoca moderna e contemporanea e sulla politica scolastica italiana tra Otto e Novecento.

Indice
Introduzione
Parte I. La trattatistica sull'educazione e sull'insegnamento
Pier Paolo Vergerio e il De ingenuis moribus et liberalibus adulescentiae studiis (1402)
Maffeo Vegio da Lodi e il De educatione liberorum et eorum claris moribus (1444)
Jacopo Sadoleto e il De liberis recte instituendis (1533)
Alessandro Piccolomini e il dialogo Raffaella o della Creanza delle donne (1540)
Silvio Antoniano e i Tre libri dell'educazione christiana dei figliuoli (1584)
Orlando Pescetti e l'Orazione dietro al modo dell'instituire la gioventù (1592)
Antonio Possevino e la Coltura de gl'ingegni (1598)
Giambattista Vico e il De nostri temporis studiorum ratione (1708)
Scipione Maffei e il Parere sul migliore ordinamento della R. Università di Torino (1718)
Gasparo Gozzi e il trattato Sulla riforma degli studj (1770)
Giuseppe Gorani e il Saggio sulla pubblica educazione (1773)
Gian Rinaldo Carli e il Nuovo metodo per le scuole pubbliche d'Italia (1774)
Giacinto Sigismondo Gerdil e le Considerazioni sopra gli studi della gioventù (1785)
Gaetano Filangieri e il trattato Delle leggi che riguardano l'educazione, i costumi e l'istruzione pubblica (1785)
Giovanni Agostino De Cosmi e il Ragionamento su la pubblica educazione (1786)
Girolamo Bocalosi e il trattato Dell'educazione democratica da darsi al popolo italiano (1796)
Matteo Galdi e il Saggio d'istruzione pubblica rivoluzionaria (1798)
Gian Domenico Romagnosi e il trattato Della costituzione di una monarchia nazionale rappresentativa (1815)
Parte II. Istituzioni, pratiche e modelli formativi tra cultura, religione e politica
Programmi e metodi d'insegnamento della scuola umanistica
Rinnovamento ecclesiastico ed educazione cristiana. I decreti di riforma del Concilio di Trento (1545-1563)
Il catechismo e l'alfabeto. Le "Scuole della Dottrina Cristiana" (sec. XVI-XVII)
Cura pastorale, rinnovamento dei costumi ed educazione della gioventù nella Milano di Carlo Borromeo
Proposte educative e istituzioni scolastiche delle congregazioni e degli ordini religiosi (sec. XVI-XVII)
Maestri e istruzione primaria e popolare nella penisola tra '600 e '700: il "caso romano"
L'istruzione nell'età delle riforme. La riorganizzazione degli studi negli Stati assolutistici del Settecento
Scuola e istruzione pubblica in Italia durante la fase giacobina e napoleonica (1796-1814)
Indice dei nomi.