L'Io-Impresa

Narciso al lavoro nell'economia transestetica

Autori e curatori
Collana
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 208,      1a edizione  2015   (Codice editore 2001.117)

L'Io-Impresa. Narciso al lavoro nell'economia transestetica
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891711557

In breve

Il volume vuole stimolare un necessario confronto con la nuova generazione di giovani-futuri-imprenditori-di-se-stessi che inizia nelle aule universitarie. In modo forse sorprendente, i capitoli di studio portano a riflettere sulle radici psicologiche profonde del voler fare impresa, con l’intenzione esplicita di far capire che l’Impresa è idea, sogno e desiderio.

Presentazione del volume

Il volume vuole stimolare un necessario confronto con la nuova generazione di giovani futuri-imprenditori-di-se-stessi che inizia nelle aule universitarie, ma termina obbligatoriamente nell'assunzione di responsabilità personali, oltre che civiche, professionali e dunque economiche. La "scoperta" che si può e si deve essere imprenditori è fondamentale per ogni millennial, nerd o stem che viaggia verso la metà del XXI secolo. La consapevolezza che l'impresa non sta là fuori con le sue belle mura e le sue sfidanti macchine in attesa di accoglierci, ma che è racchiusa nel corpo di ciascuno, testa-mente per progettare l'idea, cuore-mente per realizzarla, è essenziale. In modo forse sorprendente, i capitoli di studio portano a riflettere sulle radici psicologiche profonde del voler fare impresa, con l'intenzione esplicita di far capire che l'Impresa è idea, sogno e desiderio. E che il lavoro, anche routinario, è specchio della capacità creativa di cui nessuno è privo.
Il volume mette in lista e analizza tutti gli elementi hard, organizzativi, tecnici ed economici che consentono al sogno e al desiderio di diventare specchio di un Narciso efficiente ed efficace in una società che ha l'intonazione soft, artistica e inusitata, che gli esperti di comunicazione chiamano transestetica... È facile scorgere nelle pieghe avvolgenti del benessere diffuso del Secondo Dopoguerra la causa dell'assopimento, se non della scomparsa, del fare nuova impresa da parte delle nuove generazioni millenarie.
Forse è solo un temporaneo appannamento, accompagnato dalla dislocazione delle idee italiane più originali e produttive su uno scacchiere industriale e commerciale ormai senza frontiere. Tornare ad essere Io-impresa: questo è comunque l'imperativo assoluto per chi vuole competere con soddisfazione da e per l'Italia.

Gian Paolo Bonani è docente di Comunicazione d'Impresa al Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell'Università La Sapienza di Roma. Psicosociologo, esperto di comportamento organizzativo e knowledge management, ha lavorato per i principali gruppi industriali italiani e numerose aziende internazionali. Ha diretto progetti formativi dell'Unione Europea ed è stato consulente della Pubblica Amministrazione centrale e regionale del nostro Paese. Da oltre un decennio si dedica al coaching individuale per imprenditori, dirigenti e professionisti italiani e stranieri. Dal 2000 ad oggi ha pubblicato oltre dieci saggi di management. I più recenti con FrancoAngeli sono Confrontarsi per competere (con Serena Baldassarre, 2009), L'Impresa aumentata (2013), L'Impresa empatica (con Serena Baldassarre, 2015).

Indice

Introduzione
Affrontare il campo estetico del business
(Lavorare: una scelta; La nuova normalità; L'atteggiamento giusto)
Il campo della vita produttiva
(Il Campo è l'esistenza; I limiti della razionalità; Il tragitto di sviluppo; Il problema tempo; Nevrosi e prestazione personale)
L'impresa come desiderio e iniziativa personale
(Il campo transestetico; L'impresa come arte personale (e lezione anglosassone); Desiderare (e sognare) l'impresa; Lo spazio dell'impresa)
Imparare a desiderare
(Desiderio o allucinazione?; Oltre l'inconscio; Alimentare il desiderio; Sognare ad occhi aperti; Il desiderio come essenza della realtà; Desire management)
L'artefice dell'impresa
(Non si vive di solo capitale; Oltre le definizioni storiche; Dalla vecchia alla nuova impresa; Intraprenditori, per garantire lo sviluppo; Startuppatori)
Prepararsi all'impresa
(Essere professional; Credere nel sapere; La ricerca del nuovo; Crescere o morire)
L'impresa produttiva
(Obiettivo Produttività; La produttività nei Servizi; La risorsa (e il vincolo) Tempo)
Il disegno d'impresa
(Strutture e organigrammi; Principi di funzionamento; Criteri di efficienza ed efficacia; Il dovere del Planning)
L'opera di Narciso
(Oltre Schumpeter; L'onda dell'arte; Narciso al lavoro)
Lo specchio della nostra impresa
(Il mito di Narciso; L'occhio psicanalitico; Una condizione di vita; Lo specchio; La normalità di Narciso; Lei Narciso; Il potere irrisolto)
Oltre la sopravvivenza, la Bellezza
(Generalisti, creativi; Bene comune, postconsumista)
Rachele Bonani Palusci, Tre microstorie imprenditoriali
Note al Testo




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access