Governare le reti. La multi-network governance
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 158,      1a edizione  2015   (Codice editore 1356.2)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,50
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Chiarire il significato dell’abusato termine governance può rappresentare un’operazione funzionale a un suo migliore utilizzo analitico. Approfondire, comprendere e delineare i contorni di una governance “propria” può agevolare l’azione di programmazione da parte dei policy-maker, contribuendo così a un più efficace perseguimento di risultati in materia di sviluppo economico e locale.
Presentazione del volume

Dall'organizzazione aziendale agli studi sull'Unione Europea, dalle Relazioni Internazionali all'amministrazione delle politiche locali, il termine governance è ormai entrato nel vocabolario comune degli studiosi di diverse discipline, diventando una sorta di "mantra" per policy-maker e amministratori. Ma al di là del costante riferimento alla governance, qual è il reale significato del termine? Cosa ci aiuta a spiegare? La governance è un sinonimo di government o una modalità specifica di governing? Uno strumento analitico o il nucleo fondamentale di una teoria prescrittiva sull'azione di governo? E come può il ricorso al concetto di governance aiutarci a progettare e implementare politiche di sviluppo locale di successo, segnando un cambio di passo rispetto a quanto realizzato finora in Italia?
Ripercorrendo le origini scientifiche del tema della governance, questo volume guarda in particolar modo ai due ambiti della Scienza Politica in cui questo ha conosciuto una più compiuta elaborazione: la policy analysis e gli studi sull'Unione Europea. La network governance e la multi-level governance convergono nel porre al centro della riflessione il fenomeno della perdita di "onnipotenza" da parte dello stato centrale.
La diffusione dell'autorità "verso l'alto" (gli organismi internazionali), "verso il basso" (i governi locali) e "di lato" (la società) pone oggi l'attore governativo nel mezzo di una rete in cui attori pubblici e privati, posti a diversi livelli territoriali, cooperano e competono per influenzare i processi di policy-making. Dal punto di vista metodologico, l'affermarsi delle reti impone una svolta decisiva: l'analisi degli attori lascia il posto all'analisi dei processi. Non interessa più (tanto) come funziona il governo quanto come funziona il governare. Non più il government ma la governance. Ma quale governance? La proposta è di coniugare la multi-level e la network in un concetto utile sotto il profilo tanto analitico quanto esplicativo: la multi-network governance rappresenta il tratto saliente del governo della contemporaneità.

Andrea Scavo è dottore di ricerca in Scienza della Politica. Ha collaborato con università e centri di ricerca in ambito politico e sociale in Italia, in Germania e nel Regno Unito. Da anni si occupa di Unione Europea, politiche pubbliche e temi del lavoro. Ha pubblicato Il ratto di Europa. La battaglia globale della nuova sinistra europea (Ediesse, 2014).
Indice
Introduzione. La "nuova governance" tra confusione semantica e utilità analitica
Un nuovo modo di governare?
(Alle origini della governance; Due assunti fondamentali; Un policy-making democratico?; Processo o prescrizione? Una proposta)
Gli attori della politica: dai gruppi ai network
(Elitisti e (neo)pluralisti; Il neo-corporatismo e la proliferazione tipologica; Le critiche al pluralismo e al neo-corporatismo; I "policy sub-system")
I policy network
(Un concetto "nuovo"; Gli attori nella rete; Una definizione analitica; Attori, interessi e risorse)
La teoria della rete: il network come modello di governance
(Fare chiarezza; Il network come strumento analitico: l'interest intermediation school; Il network come teoria: la network governance; Tra gerarchia e mercato; Un nuovo modo di governare, definire, analizzare; I concetti centrali; I tratti della network governance)
Lo "svuotamento" dello stato
(L'apertura del governo: la società e gli altri governi; La cooperazione interstatale nelle Relazioni Internazionali; Gli studi sull'Unione Europea; La prospettiva della multi-level governance; Tra politics, policy e polity; Il decentramento e le tendenze federaliste; L'anima "democratica" del federalismo; La spinta verso il basso; La dimensione locale di governo dello sviluppo)
Il policy-making a più livelli: lo sviluppo locale tra Europa e territori
(Il policy-making dell'Unione tra attori e livelli; La governance multilivello dell'Unione Europea; Le fasi del processo; Ogni ambito ha la sua governance; Attori, leader e istituzioni nel decentramento italiano; Un processo incompiuto)
La multi-network governance: una proposta analitica
(Quante multi-level governance?; Uno strumento per l'analisi dello sviluppo locale; Due prospettive per la governance; Una governance per il territorio; La network analysis: l'utilizzo empirico del modello)
Riferimenti bibliografici.