Le lingue d'Italia e le altre. Contatti, sostrati e superstrati nella storia linguistica della Penisola
Contributi
Daniele Baglioni, Adriana Cascone, Alessandra Debanne, Paolo Di Giovane, Franco Fanciullo, Werner Forner, Simone Pisano, Francesco Rovai, Stephan Schmid, Domenico Silvestri, Fiorenzo Toso
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      1a edizione  2015   (Codice editore 1095.73)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891714411
Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume cerca di fare il punto della situazione su alcuni aspetti, generali e particolari, legati alla storia linguistica della Penisola, dall’epoca preromana a oggi. Il testo offre un aggiornamento su alcune questioni di sostrato e superstrato ampiamente dibattute ma ancora irrisolte, e presenta una serie di studi su situazioni di contatto linguistico, antiche, medievali e moderne, e una serie di exempla corredati da ricche bibliografie.
Presentazione del volume

Per molti decenni la frammentazione dello spazio linguistico italoromanzo è stata considerata, soprattutto dai glottologi della scuola italiana, un effetto di lunga durata della frammentazione politica del territorio compreso tra le Alpi e il Canale di Sicilia avanti la conquista romana, con rimodulazioni determinate dalla nuova e più che millenaria disintegrazione territoriale iniziatasi con la Guerra greco-gotica. Sostrato e superstrato, in effetti, hanno rappresentato due chiavi di lettura privilegiate per l’interpretazione di numerosi fenomeni linguistici, salvo poi quasi sparire dagli orizzonti della ricerca a favore del contatto, che, concentrandosi sul momento sincronico della compresenza di codici, è stato negli ultimi decenni oggetto di grande attenzione da parte dei linguisti. Scopo del presente volume è fare il punto della situazione su alcuni aspetti, generali e particolari, legati a questi filoni di ricerca applicati alla storia linguistica della Penisola, dall’epoca preromana a oggi: da una parte, dunque, un aggiornamento su alcune questioni di sostrato e superstrato ampiamente dibattute ma ancora irrisolte; dall’altra, una serie di studi su situazioni di contatto linguistico antiche, medievali e moderne. Gli studiosi chiamati qui a raccolta hanno fornito una serie di exempla, corredati da ricche bibliografie, che potranno offrire spunti di interesse e di approfondimento al lettore meno esperto e nuovi punti di riferimento allo studioso.

Saggi di: D. Baglioni, A. Cascone, A. Debanne, P. Di Giovine, F. Fanciullo, L. Filipponio, W. Forner, S. Pisano, F. Rovai, S. Schmid, C. Seidl, D. Silvestri, F. Toso.

Lorenzo Filipponio è collaboratore scientifico presso il Romanisches Seminar dell’Università di Zurigo. Ha pubblicato la monografia La struttura di parola dei dialetti della valle del Reno (Bologna, 2012) ed è stato curatore (con C. Albizu et al.) dei volumi Anachronismen (Pisa, 2011) e Variante et variété (Pisa, 2013).
Christian Seidl è collaboratore scientifico presso il Romanisches Seminar dell’Università di Zurigo. Ha pubblicato numerosi articoli nel Französisches Etymologisches Wörterbuch (FEW) ed è stato autore (con Th. Wirth e Ch. Utzinger) di Sprache und Allgemeinbildung (Zurigo, 2006).

Indice
Lorenzo Filipponio, Christian Seidl, Premessa
Abbreviazioni
Parte I. Sostrati e superstrati
Paolo Di Giovane, La teoria ascoliana del sostrato e i suoi epigoni
Domenico Silvestri,
Il sostrato. Dal determinismo esplicativo alla ragionevolezza interpretativa. Problemi di preistoria, protostoria e storia linguistica
Christian Seidl, L’influsso delle lingue sabelliche sul latino ossia la sostratite superata
Daniele Baglioni, Z- da sibilante tra ipotesi di sostrato e superstrato
Lorenzo Filipponio,
Il sostrato celtico e la fonologia galloromanza e galloitalica. Materiali e metodi
Franco Fanciullo,
Romanzo e greco nel meridione d’Italia in età medievale
Simone Pisano,
Importanza del superstrato catalano, castigliano e italiano in alcune varietà sarde moderne: aspetti lessicali, fonetici e morfosintattici
Parte II. Contatti
Francesco Rovai, Le lingue dell’Italia antica e l’altra
Adriana Cascone,
Il genovese sul Mar Nero: osservazioni sul trecentesco Alphabetum Persicum, Comanicum & Latinum contenuto nel Codex Comanicus
Alessandra Debanne, Tra interferenza linguistica e contaminazione lessicale: l’elemento galloromanzo nel Compasso de navegare
Werner Forner,
Correnti di lingua nelle Alpi Marittime
Stephan Schmid,
Italiano e spagnolo in contatto: ibridazione linguistica e trasferibilità di morfemi legati in due lingue imparentate
Fiorenzo Toso,
Per una tipologia sociolinguistica delle “isole” alloglotte: eteroglossie interne ed eteroglossie contigue.