L'Italia e l'Europa negli anni Ottanta. Storia, politica, cultura
Autori e curatori
Contributi
Maria Eleonora Guasconi, Stefania Mangano, Marina Milan, Monica Penco, Fabio Sozzi, Gian Marco Ugolini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 176,      1a edizione  2015   (Codice editore 1136.101)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891729132
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891737960
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume racchiude i risultati di una ricerca interdisciplinare in cui storici, scienziati della politica e geografi, coniugando differenti metodologie d’indagine, hanno contribuito a indagare temi e momenti diversi, ma peculiari, degli anni Ottanta, un decennio particolarmente significativo nella storia dell’Europa e dell’Italia.
Presentazione del volume

Perché studiare gli intrecci tra Italia ed Europa negli anni Ottanta? A livello europeo essi fecero da sfondo al percorso di "riunificazione" del Vecchio Continente, diviso per oltre quarant'anni dalla pesante cortina di ferro. La caduta del Muro di Berlino rappresentò un fattore di accelerazione del processo d'integrazione comunitaria, ma ne avrebbe modificato alcuni caratteri e in parte la direzione. La stretta interconnessione tra le riforme interne promosse da Gorbacëv e la sua politica estera si tradusse anche nel disegno della "casa comune europea"; con il Piano Genscher-Colombo la dimensione politica dell'integrazione pose l'accento sull'europeismo del governo italiano in quegli anni; il Parlamento europeo, eletto per la prima volta a suffragio universale nel 1979, appariva come il luogo della costruzione democratica dell'edificio comunitario; la Commissione europea s'impegnò più attivamente anche attraverso azioni e programmi nel contesto ampio dell'educazione e della cultura, per incidere nei vari settori dell'opinione pubblica e accelerare la creazione di una identità europea diffusa.
Per questo il volume racchiude i risultati di una ricerca interdisciplinare in cui storici, scienziati della politica e geografi, coniugando differenti metodologie d'indagine, hanno contribuito a indagare temi e momenti diversi, ma peculiari, di un decennio particolarmente significativo nella storia dell'Europa e dell'Italia.

Lara Piccardo, ricercatore di Storia delle relazioni internazionali presso l'Università degli Studi di Genova. È autrice dei volumi L'Europa del nuovo millennio. Storia del quinto ampliamento (1989-2007), Bologna, Clueb, 2007, e Agli esordi dell'integrazione europea. Il punto di vista sovietico nel periodo staliniano, Pavia, Interregional Jean Monnet Centre of Excellence, 2012, e ha al suo attivo diversi saggi su Urss/Russia e integrazione europea e sui rapporti tra i rivoluzionari ottocenteschi italiani e slavi.

Indice
Lara Piccardo, Introduzione
Lara Piccardo, La perestrojka in politica estera. Gorbacëv e l'integrazione europea
Maria Eleonora Guasconi
, Il Piano Genscher-Colombo
Fabio Sozzi, Rappresentanti di chi? Un'indagine empirica della rappresentanza nel Parlamento europeo
Marina Milan, Giornali e giornalisti verso la sfida dell'informazione digitale. Un dibattito tra Italia ed Europa
Monica Penco, Cambiare per non cambiare: l'università italiana dagli anni Ottanta ad oggi
Stefania Mangano, Gian Marco Ugolini, Beni culturali in Italia: quali, dove, per chi
Gli Autori
Indice dei nomi.