Roma metropolitana. Prospettive regionali e ipotesi cross-border d'area vasta
Contributi
Raffaele Bifulco, Maria Coronato, Angela D'Orazio, Stefano Franco, Valeria Giovannini, Daniela Quaranta Leoni, Maurizio Stirpe
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 448,      1a edizione  2016   (Codice editore 365.1131)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 55,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891729361
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 38,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891737076
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
I risultati di una ricerca volta ad affrontare il tema della Capitale e delle sue prospettive di crescita nel quadro delle sfide di status, posizione, contenuti delineati dalla “Legge Delrio”. Il testo assegna a Roma Capitale Città Metropolitana, alla Regione che la integra a livello nazionale, ai territori e alle imprese, una posizione centrale nella politica europea, sottolineandone il dato fisiologico distintivo nelle sfide innovative assunte dal Paese.
Utili Link
Territorio Recensione (di Carlo Alberto Barbieri)… Vedi...
Presentazione del volume

Il volume dal titolo Roma metropolitana. Prospettive regionali e ipotesi crossborder d’area vasta raccoglie i risultati della ricerca promossa da Unindustria per affrontare il tema della Capitale e delle sue prospettive di crescita nel quadro delle sfide di status, posizione, contenuti delineate dalla “Legge Delrio”, avvicinando i territori italiani all’ampia ed innovativa visione disegnata dall’Europa per il 2020 e il 2050. Diverse dimensioni della crescita metropolitana si intrecciano con l’intensificarsi della competizione territoriale e la necessità di sostenerla, adottando forme organizzative d’area vasta e regionali, guardando alla cooperazione per attrarre e radicare attività produttive ad alto valore aggiunto e capitale umano fortemente qualificato in un contesto capace di offrire servizi, accessibilità e qualità della vita.
Corposi riferimenti scientifici e documentari internazionali, analisi comparative e di contesto, accompagnano la pubblicazione che assegna a Roma Capitale Città Metropolitana, alla Regione che la integra a livello nazionale, ai territori e alle imprese, una posizione centrale nella politica europea, sottolineandone il dato fisiologico distintivo nelle sfide innovative assunte dal Paese. La tradizionale visione di una Roma monocentrica è superata in favore di una nuova visione tendenzialmente policentrica, articolata in 11 Unioni di Comuni che includono i municipi romani trasformati in comuni autonomi. A questo si affianca la visione di una regione Lazio, anch’essa policentrica, funzionale alla costruzione di Agende territoriali sussidiarie che vedono insieme Regione, Roma Capitale Città Metropolitana, Province del Lazio.

Matteo G. Caroli, professore ordinario di Gestione delle imprese internazionali, Dipartimento di Impresa e Management, Università Luiss “Guido Carli”.
Maria Prezioso, professore ordinario di Geografia politica-economica e Economia e pianificazione del territorio, Dipartimento di Management e Diritto, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

Indice
Maurizio Stirpe, Presentazione
Matteo Caroli, Maria Prezioso, Introduzione
Le regioni metropolitane in Europa: dalla letteratura più recente ai modelli organizzativi
(La scala metropolitana dello sviluppo: regioni metropolitane europee; Il ruolo delle capitali nel quadro delle tipologie geografico-economiche; Aree Metropolitane: modelli policentrici e trans-scalari d’area vasta e regionali; I contesti organizzativi e le strutture nelle strategie di pianificazione metropolitana; Dall’eccezione al dominio delle regole: una sintesi del quadro italiano nel contesto europeo; Il ruolo delle regioni/Aree Metropolitane nella prospettiva Europe 2050)
Dinamiche della competitività territoriale a livello regionale e di grandi aree urbane
(Introduzione; La struttura del Regional Competitiveness Index e l’articolazione degli indicatori; Il posizionamento competitivo delle principali aree urbane in Europa; L’evoluzione dei fattori di competitività nelle principali aree urbane in Europa; Nota metodologica)
Lo stato del dibattito nazionale: dal macro al meso al micro
(La lettura dell’assetto metropolitano attuale: gli approcci “di scuola”; Il ruolo della dimensione metropolitana nelle politiche territoriali di sviluppo regionale; Assetto metropolitano italiano: caratteri di competitività e complementarità del policentrismo morfologico e funzionale; Le ipotesi in corso; Una controproposta di metodo per affrontare il caso di Roma Capitale; Quadro di insieme del capitale reale e potenziale in ambiti provinciali e metropolitani)
La delimitazione del dominio della Città Metropolitana di Roma Capitale e la relazione con la dimensione regionale delle politiche
(La delimitazione dell’Area Metropolitana romana: un dibattito trentennale su quale forma di regionalizzazione adottare; La misura del capitale potenziale territoriale come riferimento operativo per la valutazione delle politiche di coesione; Le proposte più recenti per le Città Metropolitane e Roma Capitale; Il Territorial Impact Assessment dell’Area Metropolitana romana nel contesto regionale; Allegato A: un progetto sperimentale di Capitale; Sostenibilità, coesione, sussidiarietà, metropolitanizzazione: punti di qualità del progetto; Il territorio: luogo del piano/progetto di economia e gestione dei sistemi locali; Gli strumenti; I piani progetto per l’attuazione del modello “Provincia di Roma”; Prime valutazioni sugli effetti del cambiamento)
Condizioni per la competitività territoriale di Roma e del Lazio e delle principali filiere produttive
(Riflessioni attorno al problema della competitività di Roma e del Lazio; Posizione competitiva delle principali filiere produttive del Lazio: situazione attuale e prospettive future)
Le Città Metropolitane nella legge 56 del 2014 e nella prospettiva della revisione costituzionale
(Le Città Metropolitane nel contesto delle global cities e della dimensione europea; Le Città Metropolitane come problema costituzionale; Breve riepilogo delle più recenti innovazioni legislative in materia di Province e Città Metropolitane; I profili organizzativi delle Città Metropolitane; I profili funzionali delle Città Metropolitane; La disciplina della Città Metropolitana di Roma: osservazioni critiche; Città Metropolitane e Regioni; Le leggi regionali di riordino; La revisione costituzionale in corso e le Città Metropolitane; Considerazioni conclusive sulla Città Metropolitana di Roma)
La proposta
(Il modello strategico integrato di governance metropolitana per la regione capitale policentrica; Il rapporto tra Città Metropolitana e aree interne; La proposta di assetto: Comunità di Comuni policentriche e policentrismo regionale; La valutazione delle policy di sostegno regionale a supporto della proposta)
Conclusioni
(Premessa; Un’organizzazione “policentrica” della regione Lazio; L’assetto della Città Metropolitana di Roma Capitale nel modello policentrico della regione Lazio; La proposta strategica per rafforzare la competitività di Roma e del Lazio; Gli obiettivi strategici e le azioni di medio termine)
Daniela Quaranta Leoni, Postfazione
Bibliografia
Sitografia
Credits.