La difesa dell'ambiente e il riordino dei livelli istituzionali e dei corpi tecnici territoriali
Contributi
Fulvio Adobati, Arturo Beltrami, Paola Brambilla, Mario Di Fidio, Moris Lorenzi, Massimiliano Rondanin, Paolo Sabbioni
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 290,      1a edizione  2016   (Codice editore 1820.303)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 32,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891741158
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 22,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891747686
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
I ritardi nell’adeguare comportamenti e scelte politiche in materia ambientale e le difficoltà nel modificare stili di vita inadeguati alla gravità della situazione rendono assai complicata una necessaria correzione di rotta. Oggi come mai in passato, tuttavia, disponiamo delle conoscenze e delle tecnologie che rendono praticabile la piena integrazione delle società con il loro ambiente di vita ed è perciò possibile intervenire sulle strutture decisionali e operative e sui comportamenti collettivi per renderli coerenti con questo obiettivo.
Presentazione del volume

La distanza tra le parole usate dagli scienziati e dalle autorità per denunciare la gravità della situazione ambientale e le pesanti ricadute sociali ed economiche di vaste aree del pianeta, e i risultati conseguiti dalle iniziative dei governi nazionali e delle amministrazioni locali, continua a essere così marcata che, in diversi ambienti, avanza il dubbio che non possa più essere colmata e che si sia imboccata una strada senza via d'uscita.
I ritardi nell'aggiornare e adeguare comportamenti e scelte politiche e le difficoltà nel modificare stili di vita inadeguati alla gravità della situazione rendono assai complicata la necessaria correzione di rotta.
Oggi come mai in passato, tuttavia, disponiamo delle conoscenze e delle tecnologie che rendono praticabile la piena integrazione delle società con il loro ambiente di vita ed è perciò possibile, oltre che necessario, intervenire sulle strutture decisionali e operative e sui comportamenti collettivi per renderli coerenti con questo obiettivo.
Serve un impegno rigoroso e di lunga lena per capire cosa sia bene fare per correggere gli errori del passato e creare nuove condizioni.
I contributi qui pubblicati costituiscono una sintesi della ricerca "Difesa dell'ambiente e riordino dei livelli istituzionali e dei Corpi tecnici territoriali", affidata al Centro Studi sul Territorio "Lelio Pagani" dell'Università di Bergamo, al Dipartimento di Diritto privato e pubblico dell'economia dell'Università Cattolica di Milano e al WWF Lombardia, e vogliono rappresentare un piccolo contributo in questa direzione. A partire da essi il Centro Studi politico sociali J.F. Kennedy di Magenta si impegna a proseguire nel confronto per consolidare un approccio efficace e condiviso alla gestione del territorio.

Il Centro Studi politico sociali J.F. Kennedy nasce a Magenta nel 1966 per porsi come soggetto di studio, confronto e coinvolgimento dei cittadini dell'Est Ticino sulle problematiche che riguardano il territorio, l'ambiente, le emergenze sociali (lavoro, sanità, uso improprio del territorio) oltre che per la valorizzazione delle tradizioni e del patrimonio storico e artistico dei Comuni che gravitano su quest'area. Dal 1981 pubblica la rivista periodica "i Quaderni del Ticino" giunta al 72° numero. Tra le finalità future, ricerca, informazione e formazione.

Indice
Arturo Beltrami, Prefazione. Corpi tecnici di interesse nazionale e poteri locali: le ragioni di una ricerca
Parte I. La tutela dell'ambiente e profili comparatistici in alcuni Paesi europei
Paola Brambilla, Massimiliano Rondanin, La salvaguardia della biodiversità in Italia
(Conoscenza, monitoraggio, protezione e contabilità ambientale; Gli indicatori della biodiversità; La protezione della biodiversità nella Rete Natura 2000. Il ruolo dei corpi tecnici)
Mario Di Fidio, La gestione delle acque e la difesa del suolo in Germania
(La normativa federale; Le idrovie federali (Bundeswasserstrassen); L'Agenzia federale per l'ambiente (UBA); La comunità di lavoro per le acque (LAWA); I Consorzi idraulici; I Consorzi di scopo per i servici idrici comunali (Wasser-Abwasserzweckverbände); I Consorzi idraulici e di bonifica (Wasser- und Bodenverbände); L'organizzazione della Baviera; Le Autorità idrauliche speciali in Baviera (Wasserwirtschaftliche Fachbehörden))
Mario Di Fidio, La gestione delle acque e la difesa del suolo in Austria
(Introduzione; La normativa federale in materia di gestione delle acque e difesa del suolo; La normativa sui contributi federali alle opere di difesa dalle acque; La normativa sulle sistemazioni montane; L'organizzazione per la sistemazione idraulica e la difesa del suolo: il Ministero federale (Lebensministerium); Il Servizio tecnico-forestale per le sistemazioni montane)
Mario Di Fidio, La protezione della natura e del paesaggio nella Confederazione Elvetica
(Introduzione; La normativa primaria sulla protezione della natura e del paesaggio; Normativa del Canton Ticino; La normativa secondaria sulla protezione della natura e del paesaggio; La normativa forestale; La normativa agricola; La normativa sui sentieri escursionistici; L'organizzazione per la protezione della natura e del paesaggio; La Conferenza dei capi dei servizi per la protezione dell'ambiente della Svizzera (CCA); L'organizzazione per la protezione della natura e del paesaggio nel Canton Ticino; L'organizzazione dei parchi svizzeri)
Mario Di Fidio, La protezione della natura e del paesaggio in Francia
(Introduzione; L'amministrazione territoriale francese; Il Ministero dell'Ecologia (MEDDE): l'assetto generale; La protezione del paesaggio e i "grandi siti francesi": le basi giuridiche; Parchi e riserve naturali; I parchi naturali regionali; Le riserve naturali; Le Aree marine protette; La protezione del litorale; L'associazione Rivages de France; Strumenti complementari per la protezione della natura; La protezione dei biotopi; Gli "spazi naturali sensibili"; Il laboratorio tecnico degli spazi naturali (ATEN); Le grandi agenzie operative dello Stato nei settori fauna selvatica e delle foreste; L'Ufficio Nazionale delle Foreste (ONF))
Parte II. La tutela dell'ambiente: istituzioni, organizzazione, politiche
Paolo Sabbioni, Livelli istituzionali nella tutela di acqua e suolo, paesaggio e natura
(La tutela dell'ambiente e il riparto della competenza legislativa; La ripartizione delle funzioni amministrative nel settore della tutela del suolo e delle acque; L'assetto organizzativo della Regione Lombardia nella tutela delle risorse idriche e del suolo; La tutela del paesaggio; Tutela della natura; Tutela del paesaggio e della natura nella Regione Lombardia; Conclusioni)
Fulvio Adobati, Moris Lorenzi, La tutela dell'ambiente in Italia. Il ruolo dello Stato e delle Regioni
(Tutela ambientale, un lungo cammino non privo di ostacoli; La tutela della natura e della biodiversità in Italia; La tutela del paesaggio in Italia; La tutela del suolo in Italia; La tutela delle risorse idriche in Italia; Politiche per la tutela dell'ambiente: sfide aperte nel governo del territorio; Il "consumo" di suolo: prospettiva comunitaria di "consumo 0" al 2050 e opportunità per la pianificazione territoriale; Riferimenti bibliografici)
Mario Di Fidio, Il Genio Civile italiano da Antonio Tadini a Giulio de Marchi
(Il Genio Civile da Napoleone all'Unità nazionale (1805-1859); Il Servizio del Genio Civile nei maggiori Stati italiani della Restaurazione; Il Corpo del Genio Civile nel primo decennio del Regno d'Italia (1859-1869); Il memoriale Maiuri (1869): un punto di vista alternativo; La riforma Baccarini (1882); I Magistrati alle acque di Venezia (1907) e del Po (1956); Il Servizio idrografico italiano; Il Ministero dei Lavori Pubblici e il Genio Civile alla vigilia della riforma regionale (1970))
Conclusioni, a cura del Gruppo di lavoro.