Le sfide della Pedagogia Speciale e la Didattica per l'inclusione
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 176,      1a edizione  2016   (Codice editore 347.3)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891741882

In breve
La Didattica sostiene effettivamente i processi inclusivi e l’apprendimento? Il volume cerca di rispondere a questo e ad altri interrogativi inerenti il miglioramento dei processi di apprendimento in contesti di appartenenza di tutti gli alunni (come i contesti scolastici). Nel libro sono presentate anche delle griglie che, sulla base di indicatori sottesi alla Didattica per l’inclusione, possono suggerire una risposta agli insegnanti.
Presentazione del volume

La Pedagogia Speciale si pone oggi con contenuti trasgressivi e ancora rivoluzionari, perché le prospettive inclusive e solidali che indica appaiono controcorrente rispetto alla tendenza di alcuni a preferire la separazione e la divisione tra "categorie" del genere umano. L'umanità, oggi, ha bisogno di riprendere traguardi umanizzanti che potrebbero generarsi da scelte globalmente condivise, meno individualistiche e più inclusive.
La scuola, che da oltre quarant'anni cerca di porsi come contesto accogliente e inclusivo, oggi sente di dover opporre alle spinte avverse che giungono dall'esterno un impegno decisivo e costruttivo verso l'inclusione: questi ideali educativi si esprimono attraverso sfide pedagogiche da cui la scuola non può allontanarsi.
Gli apprendimenti e le pratiche didattiche possono indirizzare le azioni inclusive nelle classi, attraverso la partecipazione, la cooperazione, l'interdipendenza e la metodologia laboratoriale. I compiti progettuali che sottendono ai processi inclusivi promossi dalla scuola sono riferibili a due dimensioni, differenti e intrecciate al contempo: una riferita al Piano Triennale dell'Offerta Formativa e al Piano Annuale dell'Inclusività, e una seconda che rimanda alla Programmazione individuale per la classe, al Piano Educativo Individualizzato e al Piano Didattico Personalizzato.
I due livelli di progettazione non possono essere separati: non riconoscere questa relazione rischia di ipotizzare un ideale di scuola che potrebbe essere ben delineato nei documenti redatti dalle istituzioni scolastiche, senza rientrare nell'azione inclusiva quotidiana nella/per la classe, ponendosi esclusivamente come ideale non realizzato.
La Didattica sostiene i processi inclusivi e l'apprendimento? Il volume cerca di rispondere a questo e ad altri interrogativi inerenti il miglioramento dei processi di apprendimento; vengono presentate anche delle griglie che, sulla base di indicatori sottesi alla Didattica per l'inclusione, possono suggerire una risposta agli insegnanti.

Roberto Dainese è ricercatore presso il Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna, dove svolge attività di studio e ricerca nell'ambito della Didattica per l'inclusione e della Pedagogia Speciale. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Pensare la Didattica come pratica inclusiva (CLEUP 2012; tradotto in lingua albanese - CLEUP 2016 - grazie al contributo dell'Agenzia Italiana di Cooperazione allo Sviluppo e di Save the Children Italia ONLUS) e Sistemi scolastici e prospettive inclusive (CLEUP, 2012).

Indice
Introduzione
Le prospettive (attuali) della Pedagogia Speciale
(L'inclusione come risposta all'individualismo; La Pedagogia Speciale e la sua prospettiva umanizzante; I recenti modelli interpretativi della disabilità; La ricerca in Pedagogia Speciale; La dimensione europea e internazionale dell'inclusione)
L'inclusione scolastica: le sfide più urgenti
(L'inclusione scolastica dalla Legge 517 del 1977 alla Direttiva sui BES; Gli insegnanti curricolari e quelli specializzati; Le prospettive di cambiamento del ruolo dell'insegnante specializzato per le attività di sostegno; Il Progetto di Vita: sostenerlo con decisione; L'alternanza scuola lavoro, i laboratori territoriali per l'occupabilità e l'apprendistato)
La Didattica per l'inclusione
(La Didattica per l'inclusione e l'apprendimento; L'interdipendenza, fulcro della Didattica per l'inclusione; La metodologia laboratoriale; La classe come contesto di apprendimento; L'alleanza con la famiglia)
Progettare e valutare per procedere con coscienza
(La dimensione progettuale di primo livello; La dimensione progettuale di secondo livello; Gli indicatori a partire dalla Didattica per l'inclusione; La valutazione in funzione dell'apprendimento)
Conclusioni
Allegati
Bibliografia.