Dire il vero scherzando. Moralismo, satira e utopia nei Ragguagli di Parnaso di Traiano Boccalini
Autori e curatori
Contributi
Gian Mario Anselmi
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,      1a edizione  2017   (Codice editore 1051.33)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Noto come scrittore politico, in un’epoca caratterizzata dal clima controriformistico, Traiano Boccalini seppe essere, grazie all’uso sapiente di una satira acuminata e grottesca, magmatico creatore, con i suoi Ragguagli di Parnaso, di un universo allegorico che trasfigura la realtà per criticarne le degenerazioni e i capricci.
Presentazione del volume


Una nuova stagione di studi sembra arridere a Traiano Boccalini, scrittore politico ma anche inesausto creatore, con i suoi Ragguagli di Parnaso, di un universo allegorico che trasfigura la realtà per condannarne le degenerazioni e i capricci.
Lo strumento utilizzato da Boccalini per compiere la sua operazione critica è quello della satira: una satira acuminata e grottesca, che induce alla risata attraverso invenzioni spesso paradossali, in grado di mettere in relazione, non sempre armonizzandoli, lembi differenti di un mondo apparentemente disgregato e votato al proprio fallimento.
E se una certa attitudine scettica sembra scontrarsi con posizioni visibilmente di retroguardia, tipiche del clima controriformistico in cui Boccalini visse e operò, l'atteggiamento critico alla base di questa satira opulenta presuppone comunque la volontà di un cambiamento, prefigura l'utopia di nuove relazioni sociali, di nuovi apparati politici capaci di contenere e dare forma all'enigmatico disordine del reale.

Nicola Bonazzi svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell'Università di Bologna. Ha pubblicato Il carnevale delle idee. L'antipedanteria nell'età della stampa (Gedit 2007), Dalla parte dei sileni. Percorsi nella letteratura italiana del Cinque e Seicento (il Mulino 2011), Asino chi legge. Elogi dell'asino e altre "asinerie" del Cinquecento italiano (Pàtron 2015) e, insieme a Gian Mario Anselmi, Niccolò Machiavelli (Le Monnier 2011). Ha curato, con Federica Rossi, la ristampa anastatica del Cane di Diogene di F.F. Frugoni (Forni 2009) e, insieme a A. Campana, N. Maldina e F. Giunta, il manuale Itinerari nella letteratura italiana (Carocci 2013). È tra i redattori del portale di letteratura Griseldaonline.

Indice
Gian Mario Anselmi, Premessa
Con la maschera sul volto. A mo' di introduzione
"Scherzando... dir daddovero". Moralismo e satira in Parnaso
Salita al Parnaso
Carnevale in Parnaso
Riformare il mondo
La scena della corte: il principe
La scena della corte: i cortigiani
Cani, pecore e lupi
Dipingere il corpo, dipingere l'animo. Natura, metafora, allegoria
Venezia, la politica, l'utopia
Il romanzo di Apollo e l'ambigua utopia di Parnaso
Indice dei nomi.