L'educazione extrascolastica nella seconda metà del Novecento. Tra espansione e rinnovamento (1945-1975)
Autori e curatori
Contributi
Luciano Caimi, Carla Callegari, Marnie Campagnaro, Pietro Causarano, Hans-Heino Ewers, Monica Ferrari, Giordana Merlo, Simonetta Polenghi, Fabio Targhetta
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 290,   1a ristampa 2018,    1a edizione  2017   (Codice editore 1583.7)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 35,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891753854

In breve
Il mondo dell’extrascuola nel trentennio successivo al secondo conflitto mondiale si è rinnovato, ma anche ideologizzato, diviso, osteggiato in tante sue espressioni, ispirate spesso da contrapposizioni politiche, economiche e religiose. Gli interventi raccolti nel volume si propongono di ricostruire tutti questi aspetti, esplorati solo parzialmente in sede storiografica, ma che appaiono essenziali per conoscere meglio una stagione vivace e complessa, destinata a trovare un punto di svolta nel riformismo dell’Italia degli anni Settanta.
Utili Link
Pedagogika.it Recensione (di Claudia Alemani)… Vedi...
Presentazione del volume

Il trentennio successivo al secondo conflitto mondiale è stato caratterizzato da una forte espansione del sistema scolastico e da un notevole fermento del mondo dell'educazione extrascolastica, cresciuto spesso in modo tumultuoso e disordinato. Gli spazi del "fuori scuola" si sono progressivamente moltiplicati e dilatati: da quelli dell'associazionismo e dell'animazione socio-culturale a quelli delle Istituzioni educativo-assistenziali e dei mezzi di comunicazione di massa, a cominciare dal cinema e dalla televisione.
Un posto privilegiato ha conservato la carta stampata: in particolare, ha registrato un deciso sviluppo e un significativo rinnovamento il settore dell'editoria per ragazzi. Luoghi come musei e biblioteche hanno riscoperto una vocazione promozionale e educativa assente nel passato. Anche il tempo dell'educazione si è articolato e gradualmente allargato raggiungendo tutte le età della vita, dalla prima infanzia all'età adulta a quella anziana, nella prospettiva dell'educazione continua o permanente. Su questi processi di trasformazione ha esercitato una sensibile influenza il contesto sociale e culturale: il mondo dell'extrascuola si è rinnovato, ma anche ideologizzato, diviso, osteggiato in tante sue espressioni, ispirate spesso da contrapposizioni politiche, economiche e religiose. Gli interventi raccolti nel volume si propongono di ricostruire tutti questi aspetti, esplorati solo parzialmente in sede storiografica, ma che appaiono essenziali per conoscere meglio una stagione vivace e complessa, destinata a trovare un punto di svolta nel riformismo dell'Italia degli anni Settanta.

Giuseppe Zago è professore ordinario di Storia della pedagogia e dell'educazione e insegna nell'Università di Padova. Ha condotto ricerche su varie istituzioni formative e su alcune figure di pedagogisti e educatori del passato. Ha dedicato diversi studi alla ricostruzione del rapporto educazione-lavoro in età moderna e contemporanea e all'approfondimento metodologico della ricerca storica nel settore pedagogico-educativo. Collabora con varie riviste pedagogiche e fa parte del Comitato scientifico di "Rassegna di Pedagogia" e "Studium Educationis".

Indice
Giuseppe Zago, Extrascuola e storiografi a educativa. Linee di ricerca su un trentennio
Parte I. Luoghi istituzioni e agenzie dell'educazione extrascolastica
Luciano Caimi, Cattolici e educazione extrascolastica nell'Italia del secondo dopoguerra (1945-1975). Fra esperienze consolidate ed esigenze di rinnovamento
(Dal conflitto mondiale alla prova della democrazia; Fra anni Cinquanta e Concilio Vaticano II; Nel primo quindicennio post-conciliare; Indicazioni bibliografiche)
Pietro Causarano, Dalla parte del popolo. Mobilitazione civile e sociale e formazione extrascolastica nell'Italia del secondo dopoguerra
(Premessa; Il punto di vista; Speranze e limiti di un passaggio d'epoca; Le resistenze del passato e la risposta dall'alto; Il lungo dopoguerra: fra acculturazione dei lavoratori e tempo libero; Dall'alto, dal basso: verso la rottura degli anni Settanta; Indicazioni bibliografiche)
Monica Ferrari, Asili nido e scuole dell'infanzia nel primo trentennio della Repubblica italiana tra proposte educative e disposizioni normative
(L'avvio dell'educazione prescolastica della Repubblica fino al 1958; Dal 1958 al 1968: verso la nascita della scuola materna statale; Dal 1968 al 1975/1976: dagli Orientamenti per la scuola dell'infanzia alle leggi regionali sugli asili nido; Indicazioni bibliografiche)
Fabio Targhetta, Un trentennio in continua evoluzione: nascita e consolidamento della didattica museale tra il 1945 e il 1975
(Premessa; Il ruolo della museografia nel processo di cambiamento; Le sollecitazioni dall'estero: tra dialogo e aspirazioni; Il contesto nazionale: le prime pioneristiche esperienze; L'emergere di nuove questioni e l'intervento istituzionale; Gli anni Settanta: verso una didattica museale per tutti; Conclusioni; Indicazioni bibliografiche)
Giuseppe Zago, Il settore educativo-assistenziale per i minori. Trasformazioni istituzionali culturali e professionali (1948-1978)
(La "parte più significativa" dell'educazione extrascolastica; Le dimensioni quantitative dell'istituzionalizzazione dei minori; Le Istituzioni educativo-assistenziali per "normali": dall'espansione alla crisi; Le continuità con il passato del sistema assistenziale italiano; Le indagini e le proposte degli anni Cinquanta; Il dibattito scientifico sui bisogni dell'infanzia; Il dibattito pedagogico fra gli anni Cinquanta e Sessanta; Il rinnovamento della cultura professionale degli educatori; La stagione dei movimenti e la lotta contro la emarginazione negli istituti; La svolta riformistica degli anni Settanta; Indicazioni bibliografiche)
Parte II. Editoria media e prospettive dell'educazione extrascolastica
Giordana Merlo, Leggere per capire, leggere per pensare: il rinnovamento tematico della letteratura per l'infanzia
(Un nuovo lettore; Storie di lotta per la libertà; Storie di una nuova umanità; Opporsi all'abitudine: la volontà di cambiare; Tutto nelle mani dei più giovani; Il riscatto al femminile; Indicazioni bibliografiche)
Marnie Campagnaro, A immagine e somiglianza di bambino. Le trasformazioni dell'editoria per ragazzi e della pedagogia della letteratura per l'infanzia negli anni Sessanta e Settanta
(Premesse per un cambiamento: il contesto sociale post-bellico e la letteratura per l'infanzia in Europa; Segnali di un mutamento: il 1962 in Italia, annus mirabilis; Come leggere gli accadimenti del 1962? Una riflessione conclusiva; Indicazioni bibliografiche)
Hans-Heino Ewers, La letteratura per l'infanzia nella Germania Occidentale dalla Seconda Guerra mondiale al Nuovo Millennio
(Un rifugio del modernismo; La riforma della letteratura per ragazzi e adolescenti intorno al 1970; La ricerca di un nuovo equilibrio tra serietà e leggerezza; Conclusione; Indicazioni bibliografiche)
Simonetta Polenghi, Al crocevia tra i media. Educazione, cinema e televisione nelle pagine del "Corriere dei Piccoli" (1954-1971)
("Ascolta non la TV, ma i tuoi genitori": l'iniziale diffidenza; La curiosità per la "prodigiosa scatola delle immagini"; La svolta della direzione di Zucconi: la TV nel giornalino; La direzione di Triberti: "ormai la TV fa parte della nostra vita"; Il cinema: "tanti film sciocchi, rivoltanti e dannosi"; Conclusioni; Indicazioni bibliografiche)
Carla Callegari, L'educazione continua nei documenti internazionali dal dopoguerra agli anni Settanta
(Premessa; I documenti internazionali: l'educazione permanente come educazione continua; L'educazione continua: la tensione utopica personale; L'educazione continua: la tensione utopica comunitaria; Indicazioni bibliografiche)
Gli autori
Indice dei nomi.



Pubblicità