Ripensare la città. Senza dimora e intervento sociale
Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 144,      1a edizione  2017   (Codice editore 1563.60)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 18.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891760081

In breve
Il libro presenta sia il profilo e i percorsi di vita delle persone senza dimora, sia le forme di intervento sociale attivate per rispondere alla loro condizione di vulnerabilità. Attraverso lo sguardo sull’homelessness, il volume ci permette di cogliere l’insieme delle trasformazioni in corso nella città contemporanea e nei nostri sistemi di welfare.
Utili Link
Sociologia urbana e rurale Recensione (di Stefania Ferraro)… Vedi...
Presentazione del volume

La persona senza dimora, sempre "atopos, senza luogo, fuori luogo, inclassificabile" (P. Bourdieu), è al centro del percorso di ricerca presentato nel volume. L'homelessness è assunta come un prisma che permette di cogliere l'insieme delle trasformazioni in corso nella città contemporanea e nei nostri sistemi di welfare. Posare lo sguardo su ciò che si cristallizza ai margini dello spazio urbano e alla periferia della struttura sociale, nella prospettiva di lettura proposta dall'Autore, costituisce un invito a pensare l'insieme della società e i processi che la attraversano e la (de)strutturano.
Il volume analizza la diffusione di situazioni sempre più marcate dalla deprivazione nel quadro dello sfaldamento delle forme di regolazione sociale proprie della golden age del welfare state e della città fordista.
L'opera propone di superare le rappresentazioni dominanti del "popolo dell'abisso" e di assicurarne una conoscenza densa, privilegiando uno sguardo "dal basso" e "dall'interno". A partire da un'analisi situata, il libro presenta sia il profilo e i percorsi di vita dei senza dimora, sia le forme di intervento sociale attivate per rispondere alla loro condizione di vulnerabilità.

Maurizio Bergamaschi
insegna Sociologia dei servizi sociali di territorio e Sociologia delle migrazioni presso la Scuola di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Bologna. Svolge attività di ricerca in particolare sui processi di impoverimento in ambiente urbano e sulle politiche di contrasto alla povertà. Tra le sue più recenti pubblicazioni per i nostri tipi: I nuovi volti della biblioteca pubblica. Tra cultura e accoglienza (a cura di, 2015); La città contesa. Popolazioni urbane e spazio pubblico tra coesistenza e conflitto (a cura di, con M. Castrignanò, 2014).

Indice
Persone senza dimora: un mondo a parte?
(Il contrasto alla grave emarginazione come problema pubblico; Questione sociale vs questione urbana; Punire o proteggere?; La "grande trasformazione"; Il senza dimora nello spazio pubblico urbano; Un "analizzatore in carne e ossa")
Persone senza dimora nella città che cambia
(Nota metodologica; Persone senza dimora: profili e percorsi di vita (1985-2014); Individui désaffiliés?; "Malattie della povertà" e reazione sociale; La "naturalizzazione" della condizione del senza dimora)
Gli operatori sociali, professionisti della relazione
(La centralità dell'operatore nella relazione di servizio; La pratica riflessiva nel lavoro sociale; Il lavoro nel sociale: una fatica di Sisifo; L'organizzazione: un supporto nel lavoro sociale; Formazione vs lavoro sul campo?; Il paradosso del lavoro sociale nella crisi della società salariale)
L'azione volontaria e gli ultimi della fila
(Un universo differenziato; Centralità sociale e azione volontaria; Appartenenza e continuità; Motivazioni e attività di volontariato; I volontari e l'organizzazione; La relazione con la persona senza dimora; L'azione volontaria tra investimento personale e lavoro condiviso)
Lavoro e accompagnamento sociale nella città dei flussi
(Il "grande integratore" e l'erosione della società salariale; Il lavoro: luogo di inclusione sociale?; Domanda di lavoro e identità sociale; L'educazione al lavoro e relazione di aiuto; La paura di "non farcela"; Verso l'istituzionalizzazione di un mercato precario del lavoro?).