Che cos'è il genere?
Contributi
Michel Bozon, Yannick Chevalier, Marie-Elisabeth Handman, Jaqueline Laufer, Séverine Lemière, Catherine Louveau, Pascale Molinier, Nicole Mosconi, Evelyne Peyre, Christine Planté, Silvera Rachel, Geneviève Sellier, Réjane Sénac, Catherine Vidal, Joelle Wiels
Livello
Saggi, scenari, interventi. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 208,      1a edizione  2017   (Codice editore 62.76)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891760159

In breve
Il volume fa luce sulle lotte contro le discriminazioni, le battaglie per la parità e l’uguaglianza, i progressi sociali e giuridici nei diritti dei singoli individui, mostrando gli effetti concreti di uno strumento scientifico – il genere – nella società di oggi. Specialisti dell’educazione, del lavoro, della sessualità, della psicoanalisi, dello sport, dell’economia, della linguistica, della neurobiologia, della religione e della cultura illustrano qui tutta la ricchezza degli “studi di genere”.
Utili Link
Storicamente Recensione (di Maria Pia Casalena)… Vedi...
Presentazione del volume

Che cos'è il genere? Specialisti dell'educazione, del lavoro, della sessualità, della psicoanalisi, dello sport, dell'economia, della linguistica, della neurobiologia, della religione e della cultura illustrano qui tutta la ricchezza degli "studi di genere", una serie di ricerche multidisciplinari che analizzano i rapporti sociali e di dominazione tra i sessi. Pubblicato in Francia nel 2014 per iniziativa dell'Institut Émilie du Châtelet di Parigi, curato da Laurie Laufer e Florence Rochefort, il testo fa luce sulle lotte contro le discriminazioni, le battaglie per la parità e l'uguaglianza, i progressi sociali e giuridici nei diritti dei singoli individui, mostrando gli effetti concreti di uno strumento scientifico - il genere - nella società di oggi.

Laurie Laufer
, presidentessa del comitato scientifico dell'Institut Émilie du Châtelet, è psicoanalista e docente di Psicopatologia clinica all'Università Paris Diderot. Autrice di numerosi articoli sulle questioni di psicoanalisi e genere, ha recentemente co-diretto l'opera Foucault et la psychanalyse (Herman, 2014).

Florence Rochefort
, presidentessa dell'Institut Émilie du Châtelet, è ricercatrice al CNRS, dove dirige il programma multidisciplinare "Genere, religioni, secolarizzazione". Ha curato in particolare Normes religieuses et genre (Armand Colin, 2013, in collaborazione con M.E. Sanna). Co-dirige la rivista CLIO. Femmes, Genre, Histoire.

Indice
Alfonsina Bellio, Premessa all'edizione italiana
Premessa
Laurie Laufer, Florence Rochefort, Yannick Chevalier, Christine Planté, Ciò che il genere deve alla grammatica
(Ciò che la nozione di genere deve alla grammatica; Come la norma grammaticale incide sul genere (in francese))
Marie-Élisabeth Handman, L'antropologia sociale del genere
(Il sesso impone il genere; Quando il genere prevale sul sesso)
Évelyne Peyre, Joëlle Wiels, Il sesso predefinito
(Dall'antichità al XVI secolo: il sesso unico; Nel XVII secolo, le premesse della specificità femminile; Nel XVIII secolo, i sessi incommensurabili; Dal 1759 al 1859: immagini per una femminilità naturale; Il differenzialismo egalitario: il "sesso forte" e il "bel sesso"; Nascita dell'antropologia: numeri sconvolgenti per le donne; La determinazione del sesso da parte della genetica nel XX secolo)
Catherine Vidal, La cosiddetta "teoria del genere" alla prova delle neuroscienze
(Il genere, nel mirino dei conservatori; Cos'è la cosiddetta "teoria del genere"?)
Geneviève Sellier, Il cinema al prisma del genere
(La nascita degli studi di genere sul cinema; Approcci di ricercatori anglofoni al cinema francese nell'ottica del genere; Le tappe dell'appropriazione francese; Le resistenze francesi agli studi di genere sul cinema; Il posto delle donne cineaste: una specificità francese)
Catherine Louveau, Cos'è una "vera" donna per il mondo dello sport?
("Non è femminile" assestare un colpo; Una vera donna = XX?; La sotto-rappresentazione delle sportive nei media)
Nicole Mosconi, Le femmine sono brave solo a scuola?
(Quale successo scolastico per le femmine?; Prospettive di genere sugli orientamenti scolastici e professionali; Prospettive di genere sulla socializzazione sessuata a scuola; Prospettive di genere sui saperi disciplinari)
Jacqueline Laufer, Séverine Lemière, Rachel Silvera, Perché il lavoro delle donne vale di meno?
(Lavoro domestico e lavoro professionale: la divisione sessuale del lavoro; Il sesso nelle qualifiche professionali; Un salario eguale per un lavoro di valore eguale; Esperienze straniere; Rivedere le classificazioni professionali)
Pascale Molinier, Genere, lavoro e sessualità
(Due teorie disgiunte dell'oppressione delle donne; La guerra dei sessi; Lavoro ordinario e sublimazione; Il sesso in fabbrica; La sessualità nel lavoro del care; Il continuum tra il lavoro di care e il lavoro sessuale; Per un'etnografia delle sessualità e del lavoro)
Michel Bozon, Perché sessualità e parità non vanno molto d'accordo
(Sessualità e parità: richiamo storico; Verso la parità formale; Dai controlli esterni alle discipline interne; Trasformazione dei comportamenti; Un'asimmetria duratura?; Le radici dell'eteronormatività)
Laurie Laufer, Effetti del genere sulla psicoanalisi
(La psicoanalisi ha sempre avuto a che fare con la nozione di genere; Quando le "minoranze" sessuali si emancipano dai discorsi dotti; Un nuovo slancio erotico per la psicoanalisi)
Florence Rochefort, "Matrimonio per tutti": genere, religione e secolarizzazione
(Una reazione cattolica precoce; Convergenze delle opposizioni religiose; Polemiche sulla "teoria del genere"; Approcci religiosi e problematica di genere)
Réjane Sénac, Il contratto sociale alla prova dell'offensiva della cosiddetta "teoria del genere"
(Legittimità della complementarità contro legalità della parità; Marcatori e interferenze politiche; Persistenza di un contratto sociale fraterno; Espressione contemporanea dell'ossessione della indifferenziazione dei sessi e delle sessualità)
Riferimenti bibliografici
Gli autori e le autrici.