Paris les Halles. Storie di un futuro conteso
Autori e curatori
Contributi
Paola Viganò
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 210,      1a edizione  2017   (Codice editore 1584.1)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 27,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891760166
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 19,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891764775
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume assume il récit delle Halles come mezzo per leggere i paradigmi urbani a cui era affidato il compito di trasformare l’intera Parigi. I progetti per le Halles si rivelano difatti come prove generali di futuro, in cui conflitti e negoziazioni investono tutti i livelli della vita pubblica. Attraverso prove e indizi, risultato di un’indagine d’archivio, questo libro offre un’interpretazione del processo di trasformazione delle Halles, nel tentativo di fornire qualche elemento interpretativo per leggere le trasformazioni urbane contemporanee.
Utili Link
L'Indice Recensione (di Cristina Bianchetti)… Vedi...
Presentazione del volume

Il quartiere delle Halles di Parigi ha cambiato radicalmente la sua faccia più volte nella seconda metà del Novecento.
Dalla metà degli anni Sessanta alla fine degli anni Ottanta i padiglioni in ferro e vetro dei mercati generali hanno lasciato il posto al nodo infrastrutturale immaginato da De Gaulle, poi al giardino di Giscard d'Estaing e infine al sistema di servizi pubblici di Jacques Chirac, tracciando un percorso eccezionale.
Quali sono le radici di queste continue trasformazioni? E quali le idee di città che le guidano? Quali meccanismi sono stati messi in atto per cambiare il volto del centro di Parigi?
Il tentativo di risposta a queste domande è una storia colma di personaggi di cui si fa fatica a riconoscere i volti, nascosti sotto pile di lucido per disegni e faldoni stenografati di rapporti dei consigli comunali. Solo di tanto in tanto un architetto conosciuto, un personaggio politico, un presidente della Repubblica, fa capolino, spesso con un ruolo molto più insolito di quello che si potrebbe immaginare. In primo piano restano così i documenti e i progetti, a centinaia, attraverso i quali questi personaggi raccontano professionalità e intenzioni, a volte mostrandosi, più spesso celandosi, dietro una moltitudine di acronimi.
Il récit delle Halles diventa anche un mezzo per leggere i paradigmi urbani a cui era affidato il compito di trasformare l'intera Parigi. I progetti per le Halles si rivelano così come prove generali di futuro, in cui conflitti e negoziazioni investono tutti i livelli della vita pubblica.
Attraverso prove ed indizi, risultato di un'indagine d'archivio, questo libro offre un'interpretazione del processo di trasformazione delle Halles, nel tentativo di fornire qualche elemento per leggere le trasformazioni urbane contemporanee.

Daniele Campobenedetto è architetto e ricercatore. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia dell'Architettura e dell'Urbanistica presso il Politecnico di Torino e in Architettura presso l'Université Paris Est, e dal 2015 è docente a contratto in Composizione architettonica e urbana presso il Politecnico di Torino. La sua attività di ricerca, svolta tra Torino e Parigi, si concentra sulle trasformazioni urbane e sul riuso del patrimonio edilizio esistente.

Indice
Lista delle abbreviazioni
Paola Viganò, Prefazione
Introduzione. Storie di un futuro conteso
La città nuova (dal dopoguerra al 1968)
(Un nuovo centro per Parigi; Una collezione di immaginari; Tentativi di mediazione e tentativi di rivoluzione; Fare la città. Tra burocrazie e prove di pianificazione)
Parigi contesa. Tra rénovalition e conservation (1969-1973)
(Vague soterraine; L'architettura delle burocrazie e degli architetti; La battaglia delle Halles)
Architettura di una transizione (1974-1977)
(Continuità e discontinuità; Desideri di grandeur e di spazio pubblico; Verso un'architettura urbana)
Un'eredità difficile (1978-1989)
(Un altro Beaubourg; Equilibri in movimento; Le Halles in contraddizione)
Postfazione (o embellissement)
Appendici
Bibliografia.