Una città, due imperi. Amministrazione pubblica e decurionato a Lodi tra Spagna e Austria (secoli XVI-XVIII)
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 274,      1a edizione  2018   (Codice editore 1573.455)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891761804
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891774514
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Attraverso un profondo scavo tra le carte degli archivi locali e di quelli del capoluogo lombardo, l’Autore ricostruisce lo scenario dell’amministrazione pubblica lodigiana, sia nei rapporti, conflittuali ma anche solidali, tra il ceto decurionale che governa città e contado, sia nelle relazioni con Milano e con le più lontane capitali delle dominazioni che, in età moderna, si sono succedute sul territorio del Ducato, da Madrid a Vienna.
Utili Link
il Cittadino Lodi, una città fra due imperi (di Marco Ostoni)… Vedi...
Presentazione del volume

Una piccola città del Ducato di Milano, ma con un contado ricco di acque e di campi ubertosi: Lodi, con un ceto di aristocratici di antico e nuovo lignaggio e di professionisti aspiranti nobili, è il "microcosmo" al centro di questo studio. Attraverso un profondo scavo tra le carte degli archivi locali e di quelli del capoluogo lombardo, l'Autore ricostruisce lo scenario dell'amministrazione pubblica lodigiana sia nei rapporti, conflittuali ma anche solidali, all'interno del ceto decurionale che governa città e contado, sia nelle relazioni con Milano e con le più lontane capitali delle dominazioni che, in età moderna, si sono succedute sul territorio del Ducato.
Madrid prima e Vienna poi restano sullo sfondo, ma sempre in dialogo, a volte non conciliante, con le autorità cittadine. Una politica spagnola che, alla luce delle rivisitazioni storiografiche degli ultimi decenni, riesce ad innovare e ad ottenere risultati, pur all'insegna del compromesso; e una austriaca che tenta di operare profondi cambiamenti, imponendo però, più che altro, una svolta facilitata da un ceto decurionale ormai estenuato demograficamente ed economicamente meno agguerrito.

Maurizio Sangalli
insegna Storia moderna presso l'Università per Stranieri di Siena. Studioso di storia socio-religiosa e di storia dell'educazione in età moderna, tra i suoi lavori più recenti si segnalano Le smanie per l'educazione. Gli scolopi a Venezia tra Sei e Settecento, Viella, Roma 2012; Maria Teresa d'Asburgo. L'arte del possibile, Edises, Napoli 2014.

Indice
Introduzione
Sotto gli Austrias madrileni (1535-1706): Lodi spagnola
(De decurionibus; L'amministrazione civica lodigiana tra Cinque e Seicento: istituzioni e fi gure; Gli alloggiamenti militari; I Conservatori del Patrimonio, 1626-1698)
Sotto gli Asburgo di Vienna (1706-1796): Lodi austriaca
(L'ingegneria istituzionale lodigiana nel Settecento; Il progetto Priero, 1706; Il progetto Pras, 1709; Il primo censimento, 1718-1733: echi e dibattiti in provincia; Il ceto decurionale: la decadenza, i disordini, 1706-1749; Il ceto decurionale: la fi ne dell'autonomia, 1750-1760; La Congregazione di Patrimonio e il catasto teresiano, 1755-1760; Il regio delegato, 1760-1775; Da ministri a impiegati: il funzionariato lodigiano dopo il 1755; Da Giuseppe II a Leopoldo II a Francesco II: l'ultimo ventennio asburgico)
Conclusioni
Indice dei nomi.