Per esser pronti. Ripensare la gestione dell'emergenza in città
Autori e curatori
Contributi
Domenico Patassini, Edward Blakely
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 170,      1a edizione  2018   (Codice editore 1740.146)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891761927
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891766670
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il libro ripercorre il rapporto tra la città, intesa innanzitutto come spazio di relazione e di complessità, e l’insorgere della catastrofe. Il volume si apre sulle definizioni e gli approcci al rischio, dialoga con mondi disciplinari diversi e propone un modello valutativo per descrivere l’efficacia del piano d’emergenza. Un’occasione per l’Italia per ripensare il proprio futuro, riconoscendo i grandi pericoli che essa ha di fronte, e le opportunità che possiede per assicurare alle future generazioni adeguati strumenti e guide nella gestione dei suoi pericoli (Edward Blakely).
Utili Link
Il Giornale della Protezione Civile Intervista a Mattia Berin (di Martina Nasso)… Vedi...
Presentazione del volume

Questo lavoro è un prodotto straordinariamente forte e importante per comprendere e agire in uno scenario così delicato come quello che l'Italia deve affrontare, sia nella preparazione, sia nella rigenerazione. Può e deve essere considerato base per sviluppare una politica nazionale, a partire dal livello nazionale verso quelli regionali e locali. È tempo per l'Italia di usare questo lavoro per ripensare il proprio futuro, riconoscendo i grandi pericoli che essa ha di fronte, e le opportunità che possiede per assicurare alle future generazioni adeguati strumenti e guide nella gestione dei suoi pericoli (Edward Blakely).

Cosa significa governare un'emergenza? Come si prepara una città alla catastrofe? Chi dev'esser pronto a intervenire? A più di cinquant'anni dal Vajont, in Italia la gestione della sicurezza locale continua a essere descritta come una questione tecnica, quasi ingegneristica. I piani d'emergenza, strumento chiave per la gestione dei disastri, spesso risultano strumenti burocratici, poco operativi e leggibili solo da addetti ai lavori molto formati.
Per esser pronti ripercorre il rapporto tra la città, intesa innanzitutto come spazio di relazione e di complessità, e l'insorgere della catastrofe. Attraverso un procedere ermeneutico il volume si apre sulle definizioni e gli approcci al rischio, dialoga con mondi disciplinari diversi e propone un modello valutativo per descrivere l'efficacia del piano d'emergenza. Il nucleo del volume mette in costellazione i problemi emersi con le questioni del potere e della rappresentazione, nel piano e nel governo degli eventi catastrofici, nel tentativo di riportare l'emergenza da una dimensione tecnica ad una politica. Il lavoro si chiude riportandoci alla città, non più come sistema amministrativo, ma interrogandosi sul ruolo della comunità nella gestione dell'evento, riconsegnando alla cittadinanza responsabilità e competenza di fronte al rischio.

Mattia Bertin, dottore di ricerca in Governo e progettazione del territorio, è assegnista di ricerca sui temi della pianificazione dell'emergenza e adattamento al cambiamento climatico presso il Dipartimento di Pianificazione e progettazione in ambienti complessi dell'Università Iuav di Venezia.

Indice
Domenico Patassini, Prefazione
Un piano per la società del rischio
Analisi ermeneutica di un piano d'emergenza
(I concetti dell'emergenza; Definizione e inquadramento normativo; Una valutazione ermeneutica del piano d'emergenza)
Una valutazione dei piani in Regione Umbria
(Un'analisi degli indicatori di primo livello; Il risultato della valutazione dei piani)
La rappresentazione del rischio come conoscenza profonda del territorio
(La rappresentazione del reale come ermeneutica del territorio; Non disperdiamo la complessità: tre rappresentazioni critiche; Come rappresentare la complessità dell'emergenza?)
Il governo dell'emergenza
(Governare consapevolmente; Potere e negoziazione; L'attivazione come strategia di superamento dell'emergenza)
Una comunità per il piano
Allegato 1 - La scheda valutativa
Edward Blakely, Postfazione
Ringraziamenti
Bibliografia.