Tempo, soggetto e società
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 184,      1a edizione  2017   (Codice editore 1315.26)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16,00
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Oggetto di studio del volume è il tempo: la sua dimensione soggettiva, il suo rapporto con i significati dell’esperienza dell’attore. Il testo evidenzia i primi passi che conducono verso la costruzione della dimensione oggettiva del tempo, privilegiando il punto di vista fenomenologico per la rilevanza delle sue acquisizioni.
Presentazione del volume

Il tema di questo lavoro è il tempo. La sua dimensione soggettiva, il suo rapporto con i significati dell'esperienza dell'attore. Sono stati inoltre evidenziati i primi passi che conducono verso la costruzione della dimensione oggettiva del tempo. La scelta di privilegiare il punto di vista fenomenologico (in particolare il pensiero di Alfred Schutz e alcuni suoi sviluppi relativi alle tematiche temporali dovuti a Thomas Luckmann) è stata determinata dalla rilevanza delle sue acquisizioni.
La fenomenologia ha fornito un'analisi ricca e articolata dei fenomeni temporali, penetrando nella coscienza la cui struttura è insieme la struttura del tempo. Infatti, come è stato sostenuto, il tempo è la sostanza di cui è fatto il soggetto. Il tempo è strettamente correlato alla coscienza, ai due strati di essa nei quali autori come Husserl e Bergson l'hanno articolata. In uno di questi il tempo scorre come un fiume eracliteo; nell'altro, caratterizzato dalla riflessività, il tempo è spazializzato. È il tempo degli orologi, dell'intersoggettività, dei significati. Accanto alla teoria egologica, che definisce in maniera capillare i nessi tra attribuzione di senso e tempo dell'esperienza, la fenomenologia dell'azione propone un modello di attore che costituisce la base, insieme critica e propositiva, adeguata ad affrontare i problemi fondamentali della metodologia delle scienze sociali. Infine, seguendo la teoria delle province finite di significato di Alfred Schutz, si compie un'analisi preliminare del rapporto tra tempo della scienza e tempo del mondo della vita quotidiana inteso come mondo della realtà fondamentale. Dalla grande rivoluzione scientifica, iniziata ai primi del '900 nella fisica, è emersa una visione del tempo che si allontana in modo radicale da quella del senso comune. Una tale distanza è inedita. E non sembra che questa frattura abbia finito di produrre tutte le sue conseguenze nel mondo della vita quotidiana.

Riccardo Venturini
è docente di Sociologia generale presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Pisa. Si occupa degli sviluppi teorici ed epistemologici delle sociologie interpretative, con particolare riferimento alla etnometodologia e alla fenomenologia, e dei problemi legati alle dinamiche temporali nella società post-industriale. Tra le sue pubblicazioni, A.V. Cicourel e le basi del pensiero interpretativo (ETS, Pisa, 2010); Thomas Luckmann. Lineamenti di una teoria del linguaggio (ETS, Pisa, 2013); "Time, intersubjectivity, and musical relationship in Alfred Schutz", in SocietàMutamentoPolitica, 2015; "Wittgenstein teorico della conoscenza o antiteorico: il confronto tra Bloor e Lynch", in Quaderni di Teoria Sociale, 2017.

Indice
Introduzione
Tempo e coscienza
(I livelli della coscienza e la loro struttura temporale; Bergson: tempo interno e tempo esterno; L'interpretazione del metodo fenomenologico husserliano; Tempo e duplice intenzionalità della coscienza; Tempo e riflessione politetica-monotetica; Teoria dell'azione e temporalità; Intersoggettività, tempo e relazione musicale; L'orizzonte temporale del presente; Sintesi passiva nell'esperienza musicale; Aspetti significativi della relazione tra tempo, musica e intersoggettività; Intersoggettività e immediatezza dell'esperienza; Osservazioni finali sulla relazione tra tempo, intersoggettività e musica; Stratificazione temporale dei significati; La stratificazione dei mondi temporali; Tempo, conoscenza e intersoggettività; Tempo, mondo della vita quotidiana e incertezza; Il tempo dell'immaginario)
L'oggettivazione del tempo: individuo, interazione e società
(Tempo della soggettività, tempo biologico-sociale del corpo, Sé; Tempo, corpo e Sé; L'oggettivazione sociale del tempo; Oggettivazione primaria; Oggettivazione secondaria e funzioni sociali delle categorie temporali; Ordini temporali dell'esperienza e schemi biografici; Ordine sincronico e categorie interazionali; Ordine diacronico e schemi biografici temporali; Fasi temporali, identità, storicità)
Excursus
(Oltre Schutz: il tempo nel mondo della vita quotidiana e nel mondo della scienza; I tratti generali del problema; Il "presentismo" e la sua crisi; Mutamento di paradigma. Tempo e spazio nella teoria della relatività; Entità e velocità del mutamento. Aristotele, Newton, Einstein; La fisica senza tempo e il carattere temporale della coscienza; Husserl e la crisi delle scienze europee; L'origine del pensiero occidentale nel mondo greco; Obiettivismo e naturalismo; Nascita della scienza moderna; Galileo e la matematizzazione delle forme; Nuova visione scientifica del mondo e crisi di senso; Metodologia ed epistemologia in Einstein; Uno sguardo sulla crisi del novecento; La rappresentazione della crisi: L'uomo senza qualità; Dissolvimento del tempo e della causalità. Tracce di un percorso di ricerca)
Bibliografia.



Pubblicità