Di padre in figlio. Antonio ed Enrico Montucci senesi europei tra '700 e '800
Autori e curatori
Contributi
Fabio Bertini, Floriana Colao, Anna Di Toro, Raffaella Franci, Stefano Villani
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 118,      1a edizione  2018   (Codice editore 1501.145)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 15,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891770738
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 10,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891775276
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il saggio approfondisce gli ambiti che videro protagonisti il senese Antonio Montucci e suo figlio Enrico, ponendo ampia attenzione alla realtà in cui vissero. Entrambi linguisti, insegnanti, eruditi – il primo laureato in diritto, ma poi autore di grammatiche e manuali d’italiano e studioso di cinese; il secondo laureato in matematica, ma poi specialista d’inglese e di sistemi educativi –, il loro percorso attraversò l’Europa, dalla Gran Bretagna, alla Germania, alla Francia, e si intrecciò con quello della rispettiva moglie e madre Enrichetta, britannica di singolare cultura.
Presentazione del volume

Il senese Antonio Montucci e suo figlio Enrico vissero appassionanti vicende influenzate dalla città di origine e inserite nei network culturali tra '700 e '800, già delineate nel precedente volume della Curatrice, Una famiglia tra Siena e l'Europa. I Montucci, 1762-1877.
Dopo gli studi universitari a Siena, entrambi diventarono linguisti, insegnanti, eruditi: il primo laureato in diritto, ma poi autore di grammatiche e manuali d'italiano e studioso di cinese; il secondo laureato in matematica, ma poi specialista d'inglese e di sistemi educativi.
Il loro percorso attraversò l'Europa, dalla Gran Bretagna alla Germania, alla Francia, e si intrecciò con quello della rispettiva moglie e madre Enrichetta, britannica di singolare cultura.
I saggi approfondiscono ambiti che videro i Montucci protagonisti, con un ampio sguardo sulla realtà che li circondava. Anna Di Toro rileva il ruolo di Antonio nel passaggio della linguistica cinese a vera e propria scienza, il suo rigore di lessicografo e la vena di polemista apprezzato dai maggiori studiosi, mentre Stefano Villani ne indaga il rapporto con il protestantesimo britannico, constatando come l'attrazione per una confessione più libera non lo spingesse alla conversione. Floriana Colao ricostruisce la cultura giuridica dell'Ateneo senese dal periodo di Pietro Leopoldo di Lorena all'Unità con l'evolversi del senso costituzionale negli insegnamenti. Raffaella Franci ripercorre gli studi matematici di Enrico nell'Accademia dei Fisiocritici, illustrando i rituali del sodalizio e le intuizioni algebriche del giovane scienziato. Fabio Bertini, infine, analizza la peculiarità dei democratici toscani nella Restaurazione, fino al trasferimento di Enrico Montucci a Parigi e al 1848.

Donatella Cherubini insegna Storia contemporanea e Storia del giornalismo nel Dipartimento di Scienze politiche e internazionali dell'Università degli Studi di Siena. Si è occupata di storia del socialismo, del giornalismo, del pacifismo europeista, dell'Università tra '800 e '900 e dei network intellettuali italiani ed europei nell'800.

Indice
Donatella Cherubini, Introduzione. Antonio ed Enrico Montucci nei network intellettuali europei
Anna Di Toro,
Antonio Montucci e la sinologia europea tra '700 e '800
Stefano Villani,
"Not a professedly pious man". Antonio Montucci e il protestantesimo
Floriana Colao,
Tra cosmopolitismo e realtà locale: l'Università di Siena tra '700 e '800
Raffaella Franci,
Enrico Montucci e l'Accademia dei Fisiocritici
Fabio Bertini,
Cospiratori, mazziniani e guerrazziani in Toscana
Gli Autori
Indice dei nomi.