Dentro il lavoro educativo. Pensare il metodo, tra scenario professionale e cura dell'esperienza educativa
Autori e curatori
Livello
Textbook, strumenti didattici. Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 202,      1a edizione  2018   (Codice editore 1154.14)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891769527

In breve
Una riflessione per comprendere cosa, oggi, possa significare “lavorare con metodo” nei contesti educativi. Si accompagnano educatori e pedagogisti nell’individuazione e nell’approfondimento di attenzioni e disposizioni professionali che si articolano in un processo di cura dell’esperienza educativa, rispettandone la contingenza, la problematicità e l’imprevedibilità.
Presentazione del volume

Lo scenario in cui operano oggi le professioni educative è complesso. Educatori, insegnanti e pedagogisti sono bombardati da richieste spesso impossibili: erogare prestazioni efficienti ed efficaci, risolvere situazioni difficili. Al contempo, sono travolti da un pregiudizio diffuso, che genera un clima di disagio e conseguenti sentimenti di inadeguatezza e frustrazione. Non solo. Il mondo intorno ai servizi educativi è radicalmente cambiato: pratiche educative consolidate sembrano non reggere di fronte alle emergenze che irrompono a scuola o nei servizi. Così, il disorientamento professionale è palpabile.
Come fare, allora, educazione con professionalità? Serve ritrovare il senso del lavoro educativo, ma anche ridefinire le condizioni che lo rendono fattibile e significativo. Riappropriarsi pedagogicamente del "metodo" e dei suoi significati può rappresentare una strada utile a contenere il disorientamento professionale, individuando modalità di pensiero e di azione adeguate ad abitare la problematicità delle situazioni educative senza operare riduzionismi. Muovendo da una ricostruzione delle modalità con cui il metodo è stato pensato e praticato nella cultura occidentale, il testo accompagna educatori e pedagogisti nel pensarlo come costrutto complesso, ritrovandone il valore nella possibilità di combinare rigore e ascolto delle situazioni, e approfondendo disposizioni professionali che consentono di aver cura dell'esperienza educativa, rispettandone la contingenza, la problematicità e l'imprevedibilità.

Cristina Palmieri è professore associato in Pedagogia generale e sociale presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione "Riccardo Massa" dell'Università degli Studi di Milano Bicocca, dove insegna Consulenza nel disagio educativo: teorie e pratiche e Pedagogia dell'Inclusione sociale. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Non di sola relazione. Per una cura del processo educativo (Milano, 2008, con G. Prada) e, con questa casa editrice, La cura educativa. Riflessioni ed esperienze tra le pieghe dell'educare (2000), Un'esperienza di cui aver cura. Appunti pedagogici sul fare educazione (2011), Crisi sociale e disagio educativo. Spunti di ricerca pedagogica (2012).

Indice
Introduzione
Parte I. Lo scenario professionale
Tra mondo della vita e mondo dell'educazione
(La Giungla e la Stanza: due scenari del lavoro educativo contemporaneo; Educazione in crisi?; Un mondo in frammenti: la crisi del milieu educativo; Una questione culturale: quali strumenti per affrontare la vita?; Esperire la quotidianità: tra materialità e relazioni; La qualità dell'esperienza contemporanea: tra espansione e impoverimento)
Il disagio professionale
(Il disagio dei servizi; Il disagio degli educatori; Lavorare nel disagio...?)
Parte II. Pensare il metodo
La questione del metodo in educazione: tra domande e piste di ricerca
(Dalle rappresentazioni diffuse di metodo...; ...Ai significati possibili...; ...Al metodo come espressione ontologica, antropologica ed epistemologica)
Il metodo come ricerca della verità, tra conoscenza e vita
(Perché il metodo?; Il metodo cartesiano; Il metodo oltre Descartes; Oltre gli schieramenti, un interesse pedagogico)
Il metodo tra modelli e pratiche in ambito educativo
(Modello e metodo: dall'analisi concettuale ai significati in ambito pedagogico; Pratiche e metodo: pensare l'agire professionale in ambito educativo)
Verso una presa di posizione
Parte III. Agire con metodo, aver cura dell'esperienza educativa
Premessa
L'esperienza educativa: presupposti ontologici
(L'educazione come esperienza complessa, contingente e problematica; L'educazione come dispositivo)
Un metodo "per" l'esperienza educativa
(L'"a-metodicità" del metodo: tra esigenze di formalizzazione e divenire esperienziale; Istituire un'esperienza che prende forma: oltre l'azione di chi educa, tra intenzionalità e progetto)
Agire con metodo: la presenza educativa come strategia pedagogica
(Oltre ruolo e relazione: la presenza educativa; "Esser-ci": significati e potenzialità dell'essere presenza educativa; "Mettere in scena l'educazione": la presenza educativa attraverso la metafora teatrale; Tra le pieghe di un lavoro complesso)
Per rilanciare: prospettive di approfondimento metodologico
(Conoscere; Mediare; Documentare; Valutare; Fare équipe: il metodo come pratica condivisa di ricerca situazionale, processuale e interpretativa)
Bibliografia.