Luoghi, territori, paesaggi. Intelligenze collettive per la pianificazione nel Neoantropocene
Autori e curatori
Contributi
Angela Alessandra Badami, Maurizio Carta, Annalisa Contato, Barbara Lino
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 196,      1a edizione  2018   (Codice editore 1862.210)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,50
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 18,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 18,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Il libro offre una disamina delle questioni chiave del paesaggio e un’articolazione dei possibili contributi necessari allo sviluppo del Diritto al Paesaggio, in un mondo radicalmente cambiato dalla prima stesura della Convenzione, in cui non possiamo più fermarci alla constatazione che l’Uomo nell’Antropocene ha cambiato in profondità il Pianeta.
Presentazione del volume

Gli ultimi venti anni di riflessioni teoriche, metodologiche e operative sui temi del paesaggio dimostrano che la questione è ancora aperta: come definire il paesaggio? Come perseguire gli obiettivi di qualità paesaggistica? Come le comunità potranno vivere in paesaggi vivi e in evoluzione? L'urbanistica ha gli strumenti per generare nuovi paesaggi di qualità?
Queste riflessioni - e queste domande - tuttavia non tengono in considerazione una questione chiave: la Convenzione Europea del Paesaggio mira fondamentalmente al soddisfacimento di un nuovo diritto dell'Uomo, cioè il Diritto al Paesaggio, che deve ancora trovare nel contesto dell'Era Urbana una nuova collocazione concettuale e operativa.
Il libro offre una disamina delle questioni chiave del paesaggio e una articolazione dei possibili contributi necessari allo sviluppo del Diritto al Paesaggio in un mondo radicalmente cambiato dalla prima stesura della Convenzione, in cui non possiamo più fermarci alla constatazione che l'Uomo nell'Antropocene ha cambiato in profondità il Pianeta.
Attraverso la rilettura di numerosi punti di vista teorici e metodologici, sia propri sia esterni alla disciplina delle scienze della pianificazione territoriale e dell'urbanistica, e attraverso la presentazione di un campionario di strumenti, opportunità e situazioni territoriali in cui è possibile contribuire alla crescita di città e territori del "buon Antropocene", il volume vuole quindi essere una guida alla scoperta della sapienza del Paesaggio.

Daniele Ronsivalle è ricercatore di Urbanistica del Dipartimento di Architettura dell'Università degli Studi di Palermo. Da sempre interessato alla generazione di nuovi paesaggi, svolge attività di ricerca su temi dell'urbanistica contemporanea che alla luce degli obiettivi di sostenibilità globale dello sviluppo possono implicare la generazione di nuovi paesaggi: politiche e progetti per la riqualificazione dei waterfront, recupero dei centri minori e dei territori interni, chiusura dei cicli di vita dell'insediamento umano e valutazione ambientale delle strategie di sviluppo locale, azioni di riqualificazione della città attraverso la sperimentazione di applicazioni di smartness urbana, innovazione sociale e politiche di integrazione alla scala locale.

Indice
Maurizio Carta, Prefazione. La rivoluzione del Neoantropocene
Parte I. Paesaggi iperdimensionali
Paesaggi nel Neoantropocene
(Introduzione; Metodi e materiali)
La Convenzione di Firenze: diciotto anni dopo
(Le origini della Convenzione Europea del Paesaggio; I principi generali della Convenzione di Firenze: la "territorializzazione" dei diritti umani e della cultura delle comunità; Le questioni e gli impegni che la Convenzione pone oggi alla pianificazione territoriale; Le sperimentazioni nazionali ed europee: piani, programmi e progetti per il paesaggio)
Le caratteristiche costitutive del paesaggio
(Rappresentare i paesaggi; Guardare i paesaggi; Assaporare i paesaggi)
Parte II. Alla ricerca dei paesaggi
Definire paesaggi
(Quante cose può essere oggi un paesaggio)
Generare paesaggi
(Quanti modi esistono per generare paesaggi?)
Parte III. Luoghi, progetti e ambiti della rigenerazione contemporanea dei paesaggi
Nuovi paesaggi: mappe e narrazioni
Annalisa Contato, I paesaggi delle Aree Interne
(Dalla perifericità spaziale alla perifericità relazionale; Il paesaggio come catalizzatore di sviluppo)
Barbara Lino, Patti delle comunità per il patrimonio e il paesaggio
(Paesaggio come patto; La "risignificazione" del patrimonio: innovazione sociale e patti di collaborazione; Conclusioni)
Angela Alessandra Badami, La comunicazione del paesaggio come strategia di marketing territoriale
(Una vision per la comunicazione del paesaggio; La "risorsa paesaggio" per la crescita dei territori: descrizione e valorizzazione; Conclusioni)
Maurizio Carta, Daniele Ronsivalle, Tales from landscapes: interpretare i paesaggi del Parco dell'Appennino Lucano Val d'Agri Lagonegrese
(Il piano di interpretazione del parco: strutture territoriali, unità di paesaggio e strategie di valorizzazione; L'interpretation planning come griglia metodologica; La ri-generazione del paesaggio come obiettivo: dalle strutture territoriali ai paesaggi; Le strategie di interpretazione)
Conclusioni
Riferimenti bibliografici
Documenti.