Dire e fare comunità. Servizio sociale, migranti e prospettive di partecipazione in Veneto
Autori e curatori
Contributi
Nicoletta Pavesi, Barbara Segatto, Anna Dal Ben, Palmira Giacomini, Beatrice Turlon Chiarelli, Emanuela Nardelli, Anna Marchiotti
Argomenti
Livello
Dati
pp. 160,      1a edizione  2018   (Codice editore 11130.5)

Tipologia: E-book
Possibilità di stampa:  Si
Possibilità di copia:  Si
Disponibilità Clicca qui per scaricare

Informazioni sulle pubblicazioni ad Accesso Aperto
Codice ISBN: 9788891783189

In breve
Aiutare le persone a migliorare le comunità di appartenenza, attivando processi di collaborazione fra attori sociali e di partecipazione dei cittadini attraverso azioni collettive è uno degli approcci di intervento del lavoro sociale. Il volume, dopo aver illustrato il quadro normativo e applicativo di riferimento per il servizio sociale, offre una lettura teorica di questo metodo di intervento e presenta alcune esperienze di ricerca condotte nel territorio veneto.
Presentazione del volume

Aiutare le persone a migliorare le comunità di appartenenza, attivando processi di collaborazione fra attori sociali e di partecipazione dei cittadini attraverso azioni collettive è uno degli approcci di analisi, ricerca, progettazione ed intervento del lavoro sociale. Si tratta di una metodologia che non riguarda solo percorsi attuati per fronteggiare problemi, ma agisce, piuttosto, in un'ottica promozionale, per garantire maggiore benessere e qualità della vita. Cosa significa quindi dire e fare lavoro di comunità per gli assistenti sociali che operano quotidianamente in contesti multiculturali?
Muovendo da questa domanda, il volume, scritto a più mani da sociologhe e assistenti sociali, dopo aver illustrato il quadro normativo e applicativo di riferimento per il servizio sociale, offre una lettura teorica di questo metodo di intervento e presenta alcune esperienze di ricerca condotte nel territorio veneto.
I temi - che intendono fornire strumenti, spunti di riflessione ed idee su cui basare un lavoro sociale di e per la comunità in un'ottica interculturale - spaziano dall'analisi dei bisogni del territorio, alle rappresentazioni del lavoro di comunità con i migranti da parte degli assistenti sociali che operano nei contesti comunali, al coinvolgimento dei cittadini con background migratorio sia in esperienze di affido omoculturale, sia come potenziale risorsa per l'integrazione di richiedenti asilo e rifugiati.

Chiara Pattaro è ricercatrice di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l'Università di Padova, dove insegna Sociologia delle relazioni interculturali al Corso di Laurea Triennale in Servizio sociale. Sui temi relativi alle migrazioni e ai servizi ha pubblicato con FrancoAngeli la monografia Scuola & migranti. Generazioni di migranti nella scuola e processi di integrazione informale (2010) e ha curato (insieme a Daniele Nigris) il volume Le sfide dell'aiuto. Assistenti sociali nel quotidiano dell'immigrazione (2018).

Indice
Chiara Pattaro, Introduzione: il lavoro di comunità in ambito interculturale, tra il dire e il fare
Chiara Pattaro, Nicoletta Pavesi, Barbara Segatto,
Dire e fare lavoro di comunità come strumento per l'integrazione
Anna Dal Ben,
Uno, nessuno, centomila: migranti, politiche e servizi sociali
Barbara Segatto,
Palmira Giacomini, Leggere il territorio e valutare i bisogni della comunità: un esempio di attuazione nel quartiere Arcella di Padova
Chiara Pattaro,
Beatrice Turlon Chiarelli, Reti, Comune, comunità: le sfide quotidiane del lavoro sociale con i migranti
Barbara Segatto,
Emanuela Nardelli, L'affido omoculturale dei minori stranieri non accompagnati come sfida del servizio sociale. L'esperienza delle famiglie bengalesi a Padova
Chiara Pattaro,
Anna Marchiotti, Prospettive migranti sull'accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati
Notizie sulle Autrici.