I paesaggi culturali Unesco in Italia
Autori e curatori
Contributi
Cristiano Giorda
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 280,      1a edizione  2019   (Codice editore 1111.8)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 38,00
Disponibilità: Limitata




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891781406
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 27,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891793126
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume affronta criticamente il tema della territorializzazione nel contesto italiano della categoria di patrimonio che l’Unesco definisce dei “paesaggi culturali”. Il testo approfondisce il percorso culturale e politico che ha portato alla nascita del concetto di Patrimonio dell’Umanità e presenta i risultati empirici della ricerca attraverso l’analisi di quattro siti italiani che appartengono alla categoria dei paesaggi culturali e l’analisi approfondita di una “territorializzazione in corso”.
Presentazione del volume

L'istituzione di un sito Unesco può essere considerata non solo come il riconoscimento del valore del patrimonio culturale o naturale esistente in luogo, bensì come un progetto di territorio, guidato da specifiche reti di attori che, mobilitando il patrimonio come risorsa, intendono affermare le proprie strategie e i propri obiettivi.
Secondo questa prospettiva, si può affermare che un modo per comprendere le relazioni tra la Lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità (World Heritage List) e i territori nei quali si trovano i siti sia quello di indagare come il sistema immateriale globale delle regole, dei discorsi e delle procedure Unesco sia stato territorializzato alla scala locale, ricostruendo le caratteristiche della territorialità che si produce intorno a un sito riconosciuto come Patrimonio dell'Umanità.
Questo volume raccoglie i risultati di una ricerca avviata nell'ambito del dottorato in Ambiente e Territorio del Politecnico di Torino - svolto in collaborazione con l'istituto di ricerca SITI tra il 2011 e il 2014 - e continuata all'interno del progetto di ricerca locale "Geografia dell'Antropocene", finanziato nel 2017 dal Dipartimento di Filosofia e Scienze dell'educazione dell'Università degli Studi di Torino, dedicata ad approfondire criticamente la territorializzazione nel contesto italiano della categoria di patrimonio che l'Unesco definisce dei "paesaggi culturali".
La prima parte del libro approfondisce il percorso culturale e politico che ha portato alla nascita del concetto di Patrimonio dell'Umanità, esplorando il dibattito relativo alle ricadute territoriali del riconoscimento Unesco e concentrandosi in particolare sulla categoria dei "paesaggi culturali", istituita all'interno della WHL nel 1992.
Nei capitoli centrali vengono descritte le metodologie utilizzate nel contesto della ricerca, a partire da un possibile modello d'interpretazione della territorializzazione della WHL alla scala locale, fondato su quattro assi: relazioni tra attori, rappresentazioni, regole e risorse.
La sezione finale del libro presenta i risultati empirici della ricerca, attraverso l'applicazione di questa prospettiva teorica a quattro siti italiani che appartengono alla categoria dei paesaggi culturali (Cinque Terre e Porto Venere; Costiera Amalfitana; Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano con la Certosa di Padula e i siti archeologici di Velia e Paestum; Val d'Orcia) e l'analisi approfondita di una "territorializzazione in corso", cioè la candidatura alla WHL dei paesaggi vitivinicoli del Piemonte, nell'area di Langhe, Roero e Monferrato, i quali, dopo una prima bocciatura, sono stati riconosciuti come Patrimonio dell'Umanità nel giugno 2014.

Giacomo Pettenati, assegnista di ricerca e docente di Geografia dal 2014 presso l'Università di Torino. Ha partecipato a diverse ricerche, in Italia e in Francia, sul tema del patrimonio culturale e naturale, in particolare relativamente al paesaggio e al cibo.

Indice
Cristiano Giorda, Prefazione
Introduzione
L'Unesco come attore internazionale
("... war begins in the minds of men". Storia e principi dell'Unesco; Struttura, funzionamento e criticità di un'organizzazione intergovernativa; La geografia multiscalare dell'Unesco; Criticità ed elementi di tensione)
Storia e funzionamento della World Heritage List
(Storia e critica del concetto di patrimonio dell'umanità; I criteri d'iscrizione; Il percorso verso l'istituzione di un sito Unesco; La World Heritage List verso una maggiore complessità territoriale)
Gli effetti del riconoscimento di Patrimonio dell'Umanità
(Gli effetti attesi; Gli effetti reali; Contesto territoriale e impatti del riconoscimento Unesco; I limiti di quest'approccio)
I paesaggi culturali nella World Heritage List
(La nascita del "paesaggio culturale" come categoria di patrimonio; Regole nuove per un nuovo Patrimonio dell'Umanità; I paesaggi culturali nella WHL; I paesaggi culturali della WHL a confronto con il dibattito sul paesaggio)
La territorializzazione della World Heritage List
(Una questione di scale; Una proposta interpretativa: la territorializzazione della WHL)
I paesaggi italiani nella World Heritage List
(Il patrimonio italiano nella WHL; Progetti di territorio: i paesaggi italiani nella World Heritage List; Conclusioni)
La nascita di un sito Unesco. I Paesaggi vitivinicoli piemontesi: Langhe-Roero e Monferrato
(Inquadramento territoriale. Langhe, Roero e Monferrato; Storia e iter della candidatura; Racchiudere il paesaggio: le perimetrazioni; Reti di attori in un processo di candidatura; Nuove regole per il paesaggio; La candidatura come progetto di paesaggio; Conclusioni)
Conclusioni
(Il percorso della ricerca; Oltre le retoriche della WHL; Le potenzialità territoriali del riconoscimento di Patrimonio dell'Umanità)
Sigle e acronimi
Riferimenti bibliografici.